Benessere

Buona idratazione legata a un invecchiamento sano

Gli adulti che rimangono ben idratati sembrano essere più sani, sviluppano meno condizioni croniche, come malattie cardiache e polmonari, e vivono più a lungo di quelli che potrebbero non ricevere liquidi a sufficienza, secondo uno studio del National Institutes of Health pubblicato su eBioMedicine .
Utilizzando i dati sulla salute raccolti da 11.255 adulti in un periodo di 30 anni, i ricercatori hanno analizzato i collegamenti tra i livelli sierici di sodio – che aumentano quando l’assunzione di liquidi diminuisce – e vari indicatori di salute. Hanno scoperto che gli adulti con livelli sierici di sodio all’estremità superiore di un intervallo normale avevano maggiori probabilità di sviluppare condizioni croniche e mostrare segni di invecchiamento biologico avanzato rispetto a quelli con livelli sierici di sodio negli intervalli medi. Gli adulti con livelli più alti avevano anche maggiori probabilità di morire in giovane età.

“I risultati suggeriscono che una corretta idratazione può rallentare l’invecchiamento e prolungare una vita senza malattie”, ha affermato Natalia Dmitrieva, Ph.D., autrice dello studio e ricercatrice presso il Laboratorio di medicina rigenerativa cardiovascolare presso il National Heart, Lung, and Blood Istituto (NHLBI), parte di NIH.?? 

Lo studio amplia la ricerca pubblicata dagli scienziati nel marzo 2022, che ha trovato collegamenti tra intervalli più elevati di livelli normali di sodio nel siero e maggiori rischi di insufficienza cardiaca. Entrambi i risultati provengono dallo studio Atherosclerosis Risk in Communities ( ARIC), che include studi secondari che coinvolgono migliaia di adulti bianchi e neri provenienti da tutti gli Stati Uniti. Il primo sottostudio ARIC è iniziato nel 1987 e ha aiutato i ricercatori a comprendere meglio i fattori di rischio per le malattie cardiache,definendo al contempo linee guida cliniche per il trattamento e la prevenzione.


Per quest’ultima analisi, i ricercatori hanno valutato le informazioni condivise dai partecipanti allo studio durante cinque visite mediche: le prime due quando avevano 50 anni e l’ultima quando avevano un’età compresa tra 70 e 90 anni. Per consentire un confronto equo tra il modo in cui l’idratazione era correlata agli esiti di salute, i ricercatori hanno escluso gli adulti che avevano livelli elevati di sodio sierico al basale o con condizioni sottostanti, come l’obesità, che potrebbero influenzare i livelli sierici di sodio. 

Hanno quindi valutato in che modo i livelli sierici di sodio erano correlati all’invecchiamento biologico, che è stato valutato attraverso 15 marcatori di salute. Ciò includeva fattori, come la pressione arteriosa sistolica , il colesteroloe glicemia, che hanno fornito informazioni sul funzionamento del sistema cardiovascolare, respiratorio, metabolico, renale e immunitario di ogni persona. Hanno anche aggiustato per fattori come età, razza, sesso biologico, abitudine al fumo e ipertensione .  

Hanno scoperto che gli adulti con livelli più elevati di sodio sierico normale – con intervalli normali compresi tra 135 e 146 milliequivalenti per litro (mEq/L) – avevano maggiori probabilità di mostrare segni di un invecchiamento biologico più rapido. Questo si basava su indicatori come la salute metabolica e cardiovascolare, la funzionalità polmonare e l’infiammazione. Ad esempio, gli adulti con livelli sierici di sodio superiori a 142 mEq/L avevano un aumento delle probabilità del 10-15% di essere biologicamente più anziani rispetto alla loro età cronologica rispetto a intervalli compresi tra 137-142 mEq/L, mentre i livelli superiori a 144 mEq/L erano correlati con un aumento del 50%. Allo stesso modo, i livelli di 144,5-146 mEq/L sono stati associati a un aumento del 21% del rischio di morte prematura rispetto agli intervalli tra 137-142 mEq/L.
 
Allo stesso modo, gli adulti con livelli sierici di sodio superiori a 142 mEq/L avevano un rischio associato aumentato fino al 64% di sviluppare malattie croniche come insufficienza cardiaca , ictus , fibrillazione atriale e malattia delle arterie periferiche , nonché malattie polmonari croniche , diabete e demenza . Al contrario, gli adulti con livelli sierici di sodio tra 138-140 mEq/L avevano il rischio più basso di sviluppare malattie croniche.
 
I risultati non dimostrano un effetto causale, hanno osservato i ricercatori. Sono necessari studi randomizzati e controllati per determinare se un’idratazione ottimale può promuovere un invecchiamento sano, prevenire le malattie e portare a una vita più lunga. Tuttavia, le associazioni possono ancora informare la pratica clinica e guidare il comportamento di salute personale.

“Le persone il cui sodio sierico è pari o superiore a 142 mEq/L trarrebbero beneficio dalla valutazione del loro apporto di liquidi”, ha affermato Dmitrieva. Ha notato che la maggior parte delle persone può tranquillamente aumentare l’assunzione di liquidi per raggiungere i livelli raccomandati, cosa che può essere fatta con acqua e altri liquidi, come succhi o frutta e verdura con un alto contenuto di acqua. Le National Academies of Medicine , ad esempio, suggeriscono che la maggior parte delle donne consuma circa 6-9 tazze (1,5-2,2 litri) di liquidi al giorno e per gli uomini, 8-12 tazze (2-3 litri).

Altri potrebbero aver bisogno di una guida medica a causa di condizioni di salute sottostanti. “L’obiettivo è garantire che i pazienti assorbano abbastanza liquidi, valutando i fattori, come i farmaci, che possono portare alla perdita di liquidi”, ha affermato Manfred Boehm, MD, autore dello studio e direttore del Laboratorio di medicina rigenerativa cardiovascolare . “I medici possono anche dover rimandare all’attuale piano di trattamento di un paziente, come limitare l’assunzione di liquidi per l’insufficienza cardiaca”.

Gli autori hanno anche citato una ricerca che rileva che circa la metà delle persone in tutto il mondo non soddisfa le raccomandazioni per l’assunzione giornaliera totale di acqua , che spesso inizia con 6 tazze (1,5 litri).?? 

“A livello globale, questo può avere un grande impatto”, ha detto Dmitrieva. “La diminuzione del contenuto di acqua corporea è il fattore più comune che aumenta il sodio sierico, motivo per cui i risultati suggeriscono che rimanere ben idratati può rallentare il processo di invecchiamento e prevenire o ritardare le malattie croniche”. 

Questa ricerca è stata supportata dalla Division of Intramural Research presso NHLBI. Lo studio ARIC è stato sostenuto da contratti di ricerca da NHLBI, NIH e dal Dipartimento della salute e dei servizi umani.?????? ? 

STUDIO : Dmitrieva NI, Gagarin A, Liu D, et al. Sodio sierico normale alto di mezza età come fattore di rischio per invecchiamento biologico accelerato, malattie croniche e mortalità prematura. eBioMedicina . 2023. doi: 10.1016/j.ebiom.2022.104404 .???

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: