Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

#ATTD2023 Le metriche CGM per gli adulti con diabete di tipo 1 non differiscono tra ore diurne e notturne

Il controllo glicemico era simile durante il giorno rispetto alla notte per gli adulti con diabete di tipo 1 utilizzando il monitoraggio continuo del glucosio, indipendentemente dall’HbA1c, secondo i dati dello studio.

In un’analisi dei dati CGM di adulti con diabete di tipo 1 che hanno partecipato a due studi, non sono state osservate differenze nella glicemia media, nel tempo nell’intervallo o nel tempo nell’iperglicemia tra le ore diurne e notturne in cinque sottogruppi divisi per HbA1c.

“Tradizionalmente, i fornitori di solito si concentrano sulla glicemia a digiuno modificando la dose di insulina ad azione prolungata o la velocità basale sulla pompa per insulina”, Viral Shah, MD, professore associato di medicina e pediatria nella clinica per adulti del Barbara Davis Center for Diabetes presso l’Università di Colorado Anschutz Medical Campus, ha detto. “È stato dimostrato che la riduzione della glicemia a digiuno riduce l’HbA1c, specialmente quando l’HbA1c è più alta. Tuttavia, questo approccio porta a un’eccessiva basale rispetto all’insulina ad azione rapida. Velocità basali più elevate possono causare ipoglicemia. Il nostro studio suggerisce che la riduzione di HbA1c può essere ottenuta in egual modo ottimizzando la glicemia diurna o notturna. Pertanto, i fornitori dovrebbero concentrarsi non solo sulla riduzione della glicemia a digiuno, ma anche sulla riduzione della glicemia postprandiale”.

Shah e colleghi hanno analizzato i dati CGM raccolti in due studi condotti presso il Barbara Davis Center for Diabetes. Il primo studio ha incluso adulti con diabete di tipo 1 da almeno 2 anni che utilizzavano un CGM Dexcom G6 per almeno 6 mesi. Il secondo studio ha incluso adulti con diabete di tipo 1 che hanno utilizzato il loro CGM almeno il 70% delle volte nei 14 giorni precedenti. Il glucosio medio del sensore, il tempo nell’intervallo compreso tra 70 mg/dL e 180 mg/dL e il tempo in iperglicemia sono stati calcolati utilizzando gli ultimi 14 giorni dei dati CGM. È stato calcolato anche il tempo in un intervallo più ristretto tra 70 mg/dL e 140 mg/dL. Il controllo glicemico diurno è stato determinato con i dati CGM dalle 6:00 alle 22:59 e i dati notturni sono stati raccolti dalle 23:00 alle 5:59 L’HbA1c è stata misurata in clinica. I partecipanti sono stati stratificati in cinque gruppi basati su HbA1c: meno del 7%, tra il 7% e il 7,9%, tra l’8% e l’8,9%, tra il 9% e il 9,9% e il 10% o più. I dati CGM diurni e notturni sono stati confrontati all’interno di tutti e cinque i gruppi.

I risultati sono stati pubblicati su Diabetes Technology & Therapeutics .

Nello studio sono stati inclusi 407 adulti (età media 39,1 anni; 53% donne; media HbA1c 7,3%). Nell’intera coorte, la glicemia media e il tempo in iperglicemia sono aumentati e il tempo nel range è diminuito all’aumentare dell’HbA1c. È stata osservata una forte correlazione tra HbA1c e glicemia media diurna (r = 0,83) e notturna (r = 0,73). Shah ha affermato che questa correlazione rivela una possibile utilità per gli agonisti del recettore GLP-1 e gli inibitori SGLT2 tra le persone con diabete di tipo 1

“Sebbene gli agonisti del recettore del GLP-1 e gli inibitori del SGLT2 non siano approvati per la gestione del diabete di tipo 1, vengono utilizzati off-label in alcuni pazienti per il peso o per i benefici cardiorenali”, ha affermato Shah. “Questi farmaci influenzano principalmente i livelli di glucosio postprandiale. Sulla base dei risultati del nostro studio, nonostante l’effetto minimo di questi agenti sulla glicemia a digiuno, questi agenti dovrebbero essere in grado di ridurre l’HbA1c nelle persone con diabete di tipo 1 perché abbasserebbero il glucosio medio riducendo i livelli di glucosio nel sangue postprandiale.

È stata osservata una forte correlazione negativa tra HbA1c e il tempo nell’intervallo durante il giorno (r = –0,8) e la notte (r = –0,67). Quando i dati CGM diurni sono stati confrontati con quelli notturni, tuttavia, non sono state osservate differenze nella glicemia media, nel tempo in iperglicemia, nel tempo nell’intervallo o nel tempo in un intervallo più stretto. Inoltre, all’interno dei cinque gruppi HbA1c, non sono state riscontrate differenze con le metriche CGM.

Shah ha notato che la maggior parte dei partecipanti allo studio erano adulti bianchi e sono necessarie ulteriori ricerche per confermare i risultati negli adulti ispanici e neri.


Fonte: 

Shah VN, et al. Diabetes Technol Ther . 2022;doi:10.1089/dia.2022.0365.

Divulgazioni: Shah riferisce che il suo datore di lavoro, l’Università del Colorado, ha ricevuto sovvenzioni da Dexcom, Eli Lilly, Insulet, Novo Nordisk e Tandem Diabetes Care; e ha ricevuto un compenso da Dexcom, DKSH Singapore, Insulet, LifeScan, Medscape e Sanofi per la partecipazione a consulenze, discorsi o consigli consultivi al di fuori del lavoro presentato. Si prega di consultare lo studio per le informazioni finanziarie rilevanti di tutti gli altri autori.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: