Vista e dintorni

Il diabete di tipo 2 nei giovani mette a rischio i loro occhi

Il sedicenne Karl viene visto per la prima volta nel mio studio di optometria. Mi è stato indirizzato per un problema di visione fluttuante. Durante il suo esame, ho visto segni che suggerivano che potesse avere il diabete, il che avrebbe potuto spiegare la visione fluttuante. Questo sospetto è diventato realtà quando il suo medico di famiglia ha confermato la diagnosi. Il mondo di Karl è stato capovolto.

Come optometrista, ti invito ad immergerti in una realtà che dovrebbe riguardare tutti noi.

Cos’è il diabete?

Il diabete è una malattia insidiosa. I suoi sintomi (sete, bisogno di urinare spesso, affaticamento, perdita di peso, aree cutanee più scure sul collo e sulle ascelle) spesso passano inosservati, almeno nelle prime fasi della malattia.

Il diabete colpisce la vita di una persona su 14 in Canada (7%) e una su 10 in Nord America (10%) .

Si possono diagnosticare due tipi di diabete:

  • Tipo 1 , che è insulino-dipendente e si sviluppa quando il corpo non riesce a produrre l’insulina necessaria per metabolizzare gli zuccheri che ingeriamo e che alimentano i nostri tessuti
  • Tipo 2 , che si sviluppa quando viene prodotta insulina, ma in quantità insufficienti. A volte l’insulina prodotta è inefficace nel fare il suo lavoro.

Il diabete di tipo 1 è solitamente associato allo sviluppo della malattia durante l’infanzia e l’adolescenza. Il tipo 2, il più comune, di solito si sviluppa più tardi nella vita, spesso dopo i 50 anni .

Una diagnosi controintuitiva, ma non rara

Da questa definizione, sarebbe stato logico concludere che Karl fosse affetto da diabete di tipo 1, il cui decorso e trattamento sono ben controllati dai medici. Tuttavia, nel suo caso, e dopo i test richiesti, il suo medico ha identificato

Diabete di tipo 2. Questa diagnosi è controintuitiva e pone sfide significative. La velocità di insorgenza, la gravità iniziale della malattia ei meccanismi di resistenza, o di ridotta secrezione di insulina, possono essere diversi nei pazienti che sviluppano la malattia in età più giovane rispetto agli adulti .

Inoltre, le opzioni terapeutiche, che prevedono tentativi ed errori, diventano più complesse a causa della durata molto più lunga di questo tipo di malattia quando inizia in giovane età. Sia i cambiamenti maggiori che quelli minori che interessano i vasi sanguigni nel paziente diabetico di tipo 2 possono avere gravi conseguenze difficili da prevedere poiché il corso del trattamento può continuare per 40-60 anni.

Tuttavia, la situazione di Karl non è eccezionale. Sempre più giovani e adolescenti , soprattutto quelli in sovrappeso, obesi e sedentari , sono affetti dal tipo 2. Quasi il 75% di loro ha genitori o fratelli con diabete .

Se a prima vista ciò conferma che la genetica è un fattore di rischio per lo sviluppo della malattia, in questo caso specifico è stata più una conseguenza di cattive abitudini di vita, soprattutto alimentari, e mancanza di attività fisica , che spesso sono condivise da tutta la famiglia .

Impatto sulla visione

Il fatto che Karl abbia sviluppato il diabete di tipo 2 prima, piuttosto che più tardi nella vita, lo espone anche a un rischio maggiore di sviluppare complicanze agli occhi. Un articolo su questo argomento ha recentemente attirato la mia attenzione. Questo studio ha esaminato i record di 1.362 persone con diabete che vivevano in Minnesota, quindi, in Nord America e poi estrapolato in Canada. I dati sono stati raccolti tra il 1970 e il 2019, il che permette anche di misurare l’evoluzione della situazione negli ultimi decenni.

I risultati sono sorprendenti: i giovani con diabete di tipo 2 (rispetto ai diabetici di tipo 1 della stessa età) hanno 88 volte più probabilità di sviluppare retinopatia (vasi sanguigni anormali e/o emorragie nella retina). Inoltre, il rischio che questa retinopatia diventi “proliferativa”, e quindi minacciosa per la vista, è aumentato di 230 volte. C’è anche un aumento di 49 volte del rischio di accumulo di liquidi nella retina (edema maculare) e un aumento di 243 volte del rischio di sviluppare una cataratta matura in giovane età. Quest’ultimo richiede un intervento chirurgico che è più rischioso nei giovani che nel caso di cataratta senile legata all’età.

fotografia di un fondo

Cosa dobbiamo ricordare di questo? Che i problemi maggiori, che spesso richiedono interventi chirurgici per salvare la vista, si verificano molto più rapidamente nei giovani diabetici di tipo 2 rispetto a quelli affetti da tipo 1. Questi pazienti devono quindi essere seguiti più da vicino. Infatti, quasi un paziente su due di tipo 2 svilupperà una qualche forma di retinopatia entro uno-otto anni dalla diagnosi. In confronto, un diabetico di tipo 1 su tre svilupperà la retinopatia tra sei e 10 anni dopo la diagnosi.

Ripercussioni significative

Già notevolmente aumentata negli ultimi 10 anni, si prevede che la prevalenza (numero di casi) del diabete di tipo 2 nei giovani quadruplicherà entro il 2050 . Questa previsione è molto allarmante per gli operatori sanitari, ma anche per i responsabili politici e i dirigenti delle agenzie sanitarie pubbliche. Il costo a vita dell’assistenza medica diretta per un singolo paziente diabetico di età compresa tra 25 e 44 anni è stato di 125.000 USD nel 2013 . Da allora questi costi sono aumentati e devono essere aggiunti molti più dollari per coprire il periodo tra i 15 ei 25 anni, che non viene preso in considerazione. In effetti, se il 20% della popolazione giovanile sviluppa il diabete entro il 2050, i nostri governi dovranno spendere milioni (forse miliardi?) di dollari per l’assistenza sanitaria per la loro cura.

Anche la qualità della vita a lungo termine delle persone con diabete è ridotta. Un altro studio , questa volta su giovani con diabete di tipo 1, mostra che la loro malattia ha un impatto negativo sulla loro vita. Devono dedicare molto tempo alle loro cure (mancano le attività con i loro amici). E il peso della loro malattia sui loro parenti pesa molto sulle loro spalle. Li colpisce anche la paura dell’ipoglicemia (mancanza di zucchero che può portare al coma) o di sviluppare gravi complicanze della malattia. Raggiungere l’autonomia è più difficile per questi adolescenti e la loro qualità di vita è proporzionale alla libertà che possono o non possono esercitare.

Mangia bene, fai esercizio e visita il tuo optometrista

Il diabete di tipo 1 è difficile da prevenire, principalmente perché non conosciamo tutti i motivi per cui si verifica e per controllarlo in modo proattivo. La situazione è diversa per il diabete di tipo 2, che è fortemente associato a uno stile di vita malsano nei giovani. Seguire una dieta sana, fare regolarmente esercizio fisico e combattere gli stili di vita sedentari, inclusa la limitazione del tempo libero davanti allo schermo (a meno di due ore al giorno), sono buoni modi per evitare o ritardare l’insorgenza del diabete nei giovani. Il tempo davanti allo schermo è anche associato all’insulino-resistenza e all’obesità nei giovani. In altre parole, stili di vita sani devono essere incoraggiati e soprattutto condivisi all’interno del nucleo familiare.

i bambini vanno in bicicletta

Per quanto riguarda gli occhi, visite regolari dall’optometrista o dall’oftalmologo possono rilevare i primi segni di complicanze diabetiche (i segni si osservano fino al 30% dei pazienti poco dopo la diagnosi) . Questi operatori sanitari possono anche rilevare altri problemi oculo-visivi derivanti dalla malattia, come la perdita della capacità di mettere a fuoco da vicino (accomodazione), la paralisi parziale di alcuni muscoli dell’occhio con conseguente visione doppia, la guarigione ritardata delle alterazioni superficiali della cornea, la secchezza occhio o glaucoma . Il test dovrebbe essere eseguito al momento della diagnosi medica del diabete o in chiunque abbia un profilo ad alto rischio (ereditarietà, obesità, stile di vita sedentario).

Poiché le abitudini di vita sane sono parte integrante del trattamento della malattia, non è troppo tardi per Karl per godersi un futuro più felice. Ma è importante non trascurare i controlli regolari del suo medico e le frequenti visite dall’optometrista di famiglia.


Articolo ripubblicato da The Conversation, sotto una licenza Creative Commons, per leggere l’articolo originale clicca qui.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: