Centenario insulina 1921/2021 Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

A 101 anni dalla prima iniezione d’insulina in Inghilterra il Servizio Sanitario Nazionale offre il pancreas artificiale per aiutare a gestire il diabete di tipo 1

Più di 100.000 persone con diabete di tipo 1in Inghilterra verrà offerto un pancreas artificiale, che secondo gli esperti potrebbe diventare il “Santo Graal” per la gestione della malattia.

L’innovativo dispositivo utilizza un algoritmo per determinare la quantità di insulina da somministrare e legge i livelli di zucchero nel sangue per mantenerli costanti.

Un primo studio al mondo sul NHS ha scoperto che era più efficace nella gestione del diabete rispetto ai dispositivi attuali e richiedeva molto meno input da parte dei pazienti. Il dispositivo è ora pronto per essere implementato in tutto il NHS in Inghilterra dopo aver ottenuto l’approvazione dal National Institute for Health and Care Excellence (Nizza).

Mark Chapman, direttore ad interim della tecnologia medica al Nice, ha dichiarato: “Alcune persone che vivono con il diabete di tipo 1 lottano per gestire la loro condizione, anche se stanno facendo tutto ciò che viene loro richiesto dal loro team per il diabete. Questa tecnologia è il miglior intervento per aiutarli a controllare il loro diabete, escludendo una cura”.

Anche le donne in gravidanza sono ammissibili, perché i livelli di glucosio nel sangue sono più difficili da gestire durante questo periodo. In totale, la tecnologia verrà offerta a circa 105.000 persone in Inghilterra.

Nella bozza di guida pubblicata martedì, un comitato indipendente del NICE ne ha raccomandato l’uso per la gestione dei livelli di glucosio nel sangue nelle persone che lottano per gestire il diabete di tipo 1. La tecnologia consente a un paziente di svolgere la propria vita quotidiana senza dover monitorare se i livelli di glucosio nel sangue sono troppo alti o troppo bassi.

La gestione del diabete di tipo 1 può essere difficile, soprattutto nei bambini piccoli, a causa delle variazioni dei livelli di insulina richiesti e dell’imprevedibilità di quanto i pazienti mangiano ed esercitano. I bambini sono particolarmente a rischio di livelli di zucchero nel sangue pericolosamente bassi (ipoglicemia) e alti (iperglicemia), che possono danneggiare il corpo o addirittura portare alla morte.

Il pancreas artificiale viene indossato accanto al corpo. Monitora continuamente i livelli di glucosio nel sangue e regola automaticamente l’insulina erogata tramite una pompa.

Elimina anche la necessità di test con puntura del dito per controllare i livelli di zucchero nel sangue per prevenire attacchi di ipoglicemia e iperglicemia.

La bozza delle raccomandazioni del NICE richiede al NHS England di concordare un prezzo conveniente per il dispositivo per conto degli enti sanitari competenti. Attualmente, il costo medio annuo per la tecnologia è di £ 5.744, superiore a quello che Nice considera un uso conveniente delle risorse del SSN.

Sebbene la maggior parte della spesa annuale stimata di 10 miliardi di sterline del NHS per il diabete sia destinata al diabete di tipo 2, si spera che i dispositivi contribuiscano a ridurre i costi garantendo una minore necessità di interventi per i casi di tipo 1.

“Il nostro comitato ha esaminato i dati del mondo reale generati dal NHS e le prove generate da studi randomizzati controllati che mostrano che ci sono chiari vantaggi nel raccomandare l’uso della tecnologia”, ha affermato Chapman. “Non vediamo l’ora di lavorare con NHS England e l’industria per garantire il raggiungimento di un prezzo conveniente che sia equo per i contribuenti”.

Il professor Partha Kar, consulente nazionale specializzato per il diabete presso NHS England, ha dichiarato: “Questa tecnologia ha dimostrato di fornire il miglior controllo per la gestione del diabete di tipo 1 e dovrebbe rendere cose come amputazioni, cecità e problemi ai reni forse un ricordo del passato. “

Kar, che in precedenza ha descritto il dispositivo come “non molto lontano dal Santo Graal di un sistema completamente automatizzato”, ha aggiunto: “Abbiamo visto risultati fantastici dalle prove nel mondo reale che hanno avuto luogo. La qualità della vita che questa tecnologia offre a chi la utilizza è enorme”.

Charlotte Abbott-Pierce, sei anni, è stata una delle prime a beneficiare del pancreas artificiale.

“Prima che il sistema ibrido a circuito chiuso fosse installato, io e mio marito ci svegliavamo ogni due ore ogni notte per controllare gli zuccheri nel sangue di Charlotte e la maggior parte delle volte somministrando insulina, a volte pungendo le dita o occupandoci dei chetoni a causa dei rapidi aumenti di zucchero nel sangue ”, ha detto al Guardian l’anno scorso sua madre, Ange Abbott-Pierce . Ha detto che il nuovo sistema è stato “un dono del cielo per noi perché eravamo al limite della nostra intelligenza per la preoccupazione, non essendo in grado di raggiungere gli alti prima che diventassero pericolosi”.


Ecco sono trascorsi 101 anni dalla prima iniezione di insulina che salvò la vita a una ragazzo con diabete tipo 1, oltre a ricordare questa data che fa parte indelebile della storia della medicina e del progresso del genere umano (spendiamo soldi non per fare guerre ma per salvare vite e l’ecosistema) AGD Bologna il prossimo 25 marzo 2023 organizzerà presso il MAST l’evento DIABETEASY 3, dedicato non solo alla ricerca e cura per il diabete, ma a mettere in luce come l’essere forti insieme fa stare bene famiglie, ragazzi e tutta la comunità!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: