ADA

Gli aggiornamenti ADA del 2023 consigliano perdita di peso, riduzione della pressione arteriosa e obiettivi lipidici per le persone con diabete

Notevoli aggiornamenti agli standard di cura 2023 dell’American Diabetes Association affrontano il ruolo della perdita di peso nella gestione del diabete e dei rischi cardiovascolari e ora consigliano obiettivi più bassi per la pressione sanguigna e il colesterolo LDL.

Gli aggiornamenti del 2023 sono pubblicati online e come supplemento al numero di gennaio di Diabetes Care .

“La missione di ADA è prevenire e curare il diabete, una malattia cronica che richiede cure mediche continue, e il rilascio degli standard di cura di ADA è una parte fondamentale di tale missione” , ha affermato Charles D. ” Chuck ” Henderson , CEO di ADA, in un relativo comunicato stampa. “Il rapporto annuale di quest’anno fornisce le indicazioni necessarie che considerano il ruolo che le disuguaglianze sanitarie giocano nello sviluppo del diabete, in particolare per le comunità vulnerabili e le comunità di colore colpite in modo sproporzionato dalla malattia. Questa guida garantirà che i team sanitari, i medici e i ricercatori trattino l’intera persona.

Obesità e diabete di tipo 2
Gli aggiornamenti raccomandano che la perdita di peso sia considerata un obiettivo del trattamento su base individuale. Una perdita di peso superiore al 10% ha il potenziale per curare il diabete di tipo 2, notano gli autori, e migliorare i rischi cardiovascolari.

Gli aggiornamenti hanno aggiunto la tirzepatide (Mounjaro, Lilly), un doppio agonista del recettore del polipeptide insulinotropico GLP-1/glucosio-dipendente (GIP) approvato a maggio, come terapia ipoglicemizzante raccomandata che può portare alla perdita di peso.

Gestione del rischio CVD
Gli aggiornamenti includono una forte attenzione alla CVD e alla gestione del rischio. Le raccomandazioni consigliano l’uso di terapie farmacologiche che riducono il rischio cardiorenale per gli adulti con diabete di tipo 2 e rischio accertato o elevato di CVD aterosclerotica, insufficienza cardiaca (HF) o malattia renale cronica.

Gli standard del 2023 aggiornano la definizione di ipertensione per le persone con diabete come pressione arteriosa sistolica di almeno 130 mm Hg o pressione diastolica di almeno 80 mm Hg, che è la definizione utilizzata dall’American College of Cardiology e dall’American Heart Association. La pressione sanguigna inferiore a 130/80 mm Hg è l’obiettivo terapeutico raccomandato, con terapie farmacologiche considerate per le persone con diabete e ipertensione.

L’uso della terapia con statine ad alta intensità è raccomandato per le persone con diabete di età compresa tra 40 e 75 anni che hanno un rischio elevato di CVD per ridurre il colesterolo LDL del 50% o più rispetto al basale. Si consiglia inoltre di continuare la terapia con statine oltre i 75 anni per coloro che la ricevono attualmente o di iniziare una terapia con statine di intensità moderata in questo gruppo di età per raggiungere il nuovo obiettivo di trattamento di LDL inferiore a 70 mg/dL.

La terapia con statine ad alta intensità è raccomandata anche per quelli con CVD aterosclerotica accertata per mirare a riduzioni di LDL del 50% o più rispetto al basale e un obiettivo di LDL inferiore a 55 mg/dL. L’aggiunta di ezetimibe o di un inibitore PCSK9 è raccomandata se gli obiettivi non vengono raggiunti con la massima terapia con statine.

Le raccomandazioni supportano anche la terapia con inibitori SGLT2 per quelli con insufficienza cardiaca conclamata con frazione di eiezione conservata o ridotta.

Malattie renali nel diabete
Per le persone con diabete di tipo 2 e malattia renale cronica, l’aggiunta di finerenone (Kerendia, Bayer) è raccomandata per quelli con albuminuria trattati con la dose massima tollerata di un inibitore dell’enzima di conversione dell’angiotensina o di un bloccante del recettore dell’angiotensina.

I livelli iniziali dell’inibitore SGLT2 sono stati modificati a una velocità di filtrazione glomerulare stimata di 20 mL/min/1,73 m2 o più e albumina urinaria di almeno 200 mg/g di creatinina. Gli standard affermano inoltre che gli inibitori SGLT2 possono essere presi in considerazione per quelli con albumina urinaria da normale ad almeno 200 mg/g di creatinina, ma osservano che le prove dello studio non sono ancora state pubblicate.

Insieme ad altri farmaci, gli antagonisti del recettore dei mineralcorticoidi sono raccomandati per la protezione cardiovascolare e renale quando altri trattamenti non erano efficaci.

Cura del diabete nelle aree svantaggiate, determinanti sociali della salute
Gli aggiornamenti del 2023 hanno aggiunto una raccomandazione per utilizzare gli operatori sanitari della comunità per supportare la gestione del diabete e la gestione dei fattori di rischio CV, in particolare tra le comunità svantaggiate e i sistemi sanitari. Gli autori raccomandano inoltre di utilizzare il test HbA1c point-of-care per lo screening e la diagnosi del diabete.

Per quanto riguarda i determinanti sociali della salute, gli standard raccomandano di guidare la progettazione e l’erogazione dell’educazione e del supporto all’autogestione del diabete insieme alla fornitura di telemedicina e ad altre soluzioni sanitarie digitali.

Trattare gli anziani
Per gli anziani con diabete di tipo 2 che assumono dosi multiple di insulina, si dovrebbe prendere in considerazione il monitoraggio continuo del glucosio per migliorare gli esiti glicemici e ridurre la variabilità del glucosio. Sulla base di due piccoli studi randomizzati controllati su adulti più anziani, è stata aggiunta una nuova raccomandazione per considerare l’uso di sistemi di somministrazione automatizzati di insulina e altri dispositivi avanzati di somministrazione di insulina, come penne connesse, per ridurre il rischio di ipoglicemia.

Inoltre, si raccomanda ora la semplificazione di piani terapeutici complessi per ridurre il rischio di ipoglicemia e polifarmacia e diminuire il carico di malattia se può essere raggiunto all’interno dell’obiettivo HbA1c individualizzato. I medici dovrebbero prendere in considerazione l’uso del CGM per valutare il rischio di ipoglicemia per gli anziani che usano sulfoniluree o insulina.

“Le raccomandazioni basate sull’evidenza guidano una migliore assistenza per tutte le persone con diabete, comprese le comunità vulnerabili e quelle ad alto rischio. Gli standard di cura dell’ADA sono il gold standard per la cura e la prevenzione del diabete che consente ai medici di tutto il mondo di rimanere al passo con il panorama dell’assistenza sanitaria in rapida evoluzione “, Robert A. Gabbay , MD, PhD, FACP , chief scientific and medical officer per l’ADA , ha detto nel comunicato.

Riferimento:
L’American Diabetes Association pubblica gli standard di cura per il diabete 2023 per guidare la prevenzione, la diagnosi e il trattamento delle persone affette da diabete. diabetic.org/newsroom/press-releases/2022/american-diabetes-association-2023-standards-care-diabetes-guide-for-prevention-diagnosis-treatment-people-living-with-diabetes . Pubblicato il 12 dicembre 2022. Accesso il 13 dicembre 2022.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: