Batticuore Equilibrio

Per stare meglio : mediate gente meditate

La meditazione profonda può alterare i microbi intestinali per una migliore salute

Microbi intestinali trovati nei monaci buddisti collegati a minori rischi di ansia, depressione, malattie cardiache in altri studi

La meditazione profonda regolare, praticata per diversi anni, può aiutare a regolare il microbioma intestinale e potenzialmente ridurre i rischi di problemi di salute fisica e mentale, trova un piccolo studio comparativo pubblicato sulla rivista ad accesso aperto General Psychiatry.

I microbi intestinali trovati in un gruppo di monaci buddisti tibetani differivano sostanzialmente da quelli dei loro vicini laici e sono stati collegati a un minor rischio di ansia, depressione e malattie cardiovascolari.

La ricerca mostra che il microbioma intestinale può influenzare l’umore e il comportamento attraverso l’asse intestino-cervello. Ciò include la risposta immunitaria del corpo, la segnalazione ormonale, la risposta allo stress e il nervo vago, il componente principale del sistema nervoso parasimpatico, che sovrintende a una serie di funzioni corporee cruciali.

Il significato del design del gruppo e del campione è che questi monaci tibetani dal pensiero profondo possono servire come rappresentanti di alcune meditazioni più profonde. Sebbene il numero di campioni sia ridotto, sono rari a causa della loro posizione geografica.

La meditazione viene sempre più utilizzata per aiutare a curare i disturbi della salute mentale, come la depressione, l’ansia, l’abuso di sostanze, lo stress traumatico, i disturbi alimentari e il dolore cronico. Ma non è chiaro se potrebbe anche essere in grado di alterare la composizione del microbioma intestinale, affermano i ricercatori.

Nel tentativo di scoprirlo, i ricercatori hanno analizzato i campioni di feci e sangue di 37 monaci buddisti tibetani provenienti da tre templi e 19 residenti secolari nelle aree limitrofe.

La meditazione buddista tibetana ha origine dall’antico sistema medico indiano noto come Ayurveda ed è una forma di allenamento psicologico, affermano i ricercatori. I monaci di questo studio lo praticavano per almeno 2 ore al giorno da 3 a 30 anni.

Nessuno dei partecipanti aveva utilizzato agenti che possono alterare il volume e la diversità dei microbi intestinali: antibiotici; probiotici; prebiotici; o farmaci antimicotici nei 3 mesi precedenti.

Entrambi i gruppi sono stati abbinati per età, pressione sanguigna, frequenza cardiaca e dieta.

L’analisi dei campioni di feci ha rivelato differenze significative nella diversità e nel volume dei microbi tra i monaci e i loro vicini. 

Le specie Bacteroidetes e Firmicutes erano dominanti in entrambi i gruppi, come prevedibile. Ma i Bacteroidetes erano significativamente arricchiti nei campioni di feci dei monaci (29% vs 4%), che contenevano anche un’abbondante Prevotella (42% vs 6%) e un alto volume di Megamonas e Faecalibacterium .

“Collettivamente, diversi batteri arricchiti nel gruppo di meditazione [sono stati] associati all’alleviamento della malattia mentale, suggerendo che la meditazione può influenzare alcuni batteri che possono avere un ruolo nella salute mentale”, scrivono i ricercatori.

Questi includono le specie Prevotella, Bacteroidetes, Megamonas e Faecalibacterium , suggerisce la ricerca pubblicata in precedenza.

I ricercatori hanno quindi applicato una tecnica analitica avanzata per prevedere quali processi chimici potrebbero essere influenzati dai microbi. Ciò indicava che diversi percorsi protettivi anti-infiammatori, oltre al metabolismo – la conversione del cibo in energia – erano potenziati nelle persone che praticavano la meditazione .

Infine, l’analisi del campione di sangue ha mostrato che i livelli di agenti associati a un aumentato rischio di malattie cardiovascolari, tra cui il colesterolo totale e l’apolipoproteina B, erano significativamente più bassi nei monaci rispetto ai loro vicini secolari dalla loro analisi funzionale con i microbi intestinali.

Sebbene sia uno studio comparativo, è osservazionale e il numero dei partecipanti era piccolo, tutti maschi e vivevano in alta quota, rendendo difficile trarre conclusioni certe o generalizzabili. E le potenziali implicazioni per la salute potevano essere dedotte solo da ricerche precedentemente pubblicate.

Ma sulla base delle loro scoperte, i ricercatori suggeriscono che il ruolo della meditazione nell’aiutare a prevenire o curare le malattie psicosomatiche merita sicuramente ulteriori ricerche.

E concludono: “Questi risultati suggeriscono che la meditazione profonda a lungo termine può avere un effetto benefico sul microbiota intestinale, consentendo al corpo di mantenere uno stato di salute ottimale”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: