Batticuore Equilibrio

Le terapie della parola riducono l’ansia e la depressione nei cardiopatici in età lavorativa

psychology and mental therapy concept - young asian woman patient and psychologist at psychotherapy session

La terapia di gruppo allevia il disagio psicologico, migliora la qualità della vita e si traduce in un minor numero di riammissioni per problemi cardiaci, secondo uno studio pubblicato oggi sull’European Heart Journal, una rivista della Società europea di cardiologia (ESC).

“Circa il 20% di tutti i pazienti cardiopatici ha segni di disagio psicologico, che sale a un terzo dei pazienti occupati”, ha affermato l’autrice dello studio Annette Holdgaard, infermiera presso l’ospedale universitario di Copenaghen – Bispebjerg e Frederiksberg, Danimarca. “I sintomi psicologici come palpitazioni e fastidio al torace possono essere difficili da distinguere dai sintomi cardiaci. Questo può portare a un circolo vizioso, con ulteriore angoscia che potrebbe limitare la capacità del paziente di vivere una vita normale a casa e al lavoro”.

I programmi precedenti per affrontare i problemi psicologici nei pazienti cardiopatici erano lunghi e venivano forniti alle persone da un terapista o uno psicologo, rendendoli difficili da usare nella vita reale. Questo studio ha esaminato l’effetto di cinque sessioni di gruppo di terapia cognitivo comportamentale (CBT), condotte da infermieri in aggiunta alla consueta riabilitazione cardiaca, sui sintomi di ansia e depressione.

Lo studio ha incluso 147 pazienti cardiopatici in età lavorativa con disagio psicologico, che è stato definito come un punteggio HADS (Hospital Anxiety and Depression Scale) di 8 o più per ansia e/o depressione. L’età media era di 54 anni e il 67% erano uomini. I partecipanti sono stati randomizzati a cinque sessioni di CBT di gruppo più la solita riabilitazione cardiaca (gruppo CBT) o la sola riabilitazione cardiaca (gruppo di controllo). Sono stati esclusi quelli con grave disagio o diagnosi psichiatrica. La riabilitazione cardiaca è stata erogata nell’arco di 8 settimane, con due sessioni di gruppo di 90 minuti a settimana. Le sessioni includevano esercizio fisico, aggiustamento dei farmaci ed educazione su dieta, fumo, attività fisica, peso corporeo, glicemia, pressione sanguigna, lipidi nel sangue e problemi psicologici.

Gli infermieri cardiologici hanno condotto le sessioni di CBT dopo un breve addestramento e sono stati supervisionati da uno psicologo. Si sono svolte cinque sessioni di 2 ore ciascuna per gruppi di 3-4 pazienti. Nella sessione 1, i pazienti hanno chiarito i loro valori, ad esempio la famiglia e il lavoro, e hanno riferito difficoltà causate da malattie cardiache, come scarso sonno e spossatezza. La sessione 2 includeva una revisione del cerchio dell’ansia, in cui una minaccia può causare reazioni fisiche e pensieri catastrofici, seguita da una discussione sulle strategie di coping, come l’esposizione graduale a situazioni piene di ansia ed esercizi di respirazione per calmare il sistema nervoso.

La terza sessione ha affrontato l’analisi e le conseguenze del comportamento attuale. Ad esempio, lavorare 50 ore alla settimana può portare soddisfazione a breve termine ma lasciare tempo insufficiente per riprendersi da una condizione cardiaca, che potrebbe avere gravi implicazioni a lungo termine. La sessione 4 si è concentrata sulle strategie per affrontare le preoccupazioni. Mentre preoccuparsi può portare alla risoluzione dei problemi, può anche portare a pensare troppo e i pazienti imparano un comportamento più costruttivo. Infine, nella sessione 5, i pazienti hanno visto come le loro strategie di coping erano cambiate durante il corso, hanno imparato come utilizzare in modo ottimale i loro punti di forza e hanno ricevuto un piano di mantenimento individuale per affrontare il futuro disagio.

L’esito primario della variazione del punteggio HADS totale dal basale a 3 mesi è migliorato significativamente di più nel gruppo CBT (8,0 punti) rispetto al gruppo di controllo (4,1 punti). Anche entrambe le sottoscale (ansia e depressione) sono migliorate significativamente di più nel gruppo di intervento. I miglioramenti del gruppo CBT nel punteggio totale e nelle sottoscale sono stati mantenuti a 6 mesi.

Rispetto al gruppo di controllo, il gruppo CBT ha avuto un miglioramento maggiore della qualità della vita a 6 mesi e un rischio inferiore del 57% di riammissioni cardiache a 12 mesi. Precedenti ricerche hanno dimostrato che i pazienti ansiosi o depressi hanno meno probabilità di frequentare esercizi di riabilitazione cardiaca e sessioni educative, e questo studio ha dimostrato che coloro che ricevevano CBT avevano maggiori probabilità di partecipare rispetto a quelli del gruppo di controllo.

La signora Holdgaard ha dichiarato: “I risultati indicano che tutti i pazienti che frequentano la riabilitazione cardiaca dovrebbero essere sottoposti a screening per il disagio psicologico e offrire la CBT se necessario. Quelli del gruppo di terapia hanno detto che era un sollievo essere con altri alle prese con gli stessi problemi. Hanno imparato a valutare e sfidare i propri pensieri – ad esempio, potrebbero esserci altri motivi per cui il mio cuore batte più velocemente rispetto al fatto che sto morendo – e gli infermieri li hanno aiutati a distinguere tra sintomi cardiaci e psicologici. I pazienti si sono anche resi conto che possono scegliere quanta attenzione dare a un pensiero, e invece di entrare nel pensiero (fusione con esso), possono mantenere la distanza (defusione) e lasciar passare i pensieri”.

Il portavoce dell’ESC, il professor Christi Deaton dell’Università di Cambridge, nel Regno Unito, ha dichiarato: “Questo studio è importante per molteplici ragioni. Dimostra il valore degli interventi per il disagio psicologico e che una breve CBT di gruppo può essere fornita dagli infermieri all’interno dei programmi di riabilitazione cardiaca esistenti con effetti positivi e significativi sui risultati. Lo studio illustra anche l’importanza di individualizzare i programmi di riabilitazione per soddisfare le esigenze dei diversi gruppi di pazienti. I risultati di questo studio e di altri mostrano che la CBT di gruppo è un intervento promettente nei pazienti con condizioni cardiovascolari e disagio psicologico”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: