Donne e diabete

L’insoddisfazione del corpo può portare a disturbi alimentari a qualsiasi età

Un nuovo studio suggerisce che la perimenopausa può essere un momento particolarmente rischioso per le donne che stanno cercando di superare una cattiva immagine corporea

woman, body, nude

I disturbi alimentari sono associati stereotipicamente agli adolescenti e ai giovani adulti. Prove crescenti, tuttavia, suggeriscono che queste condizioni possono verificarsi in qualsiasi momento durante la vita di una donna, anche nella mezza età. Un nuovo studio rileva che l’insoddisfazione del corpo è una causa primaria di disturbi alimentari, soprattutto durante la perimenopausa. I risultati dello studio sono stati pubblicati oggi online su Menopause , la rivista della North American Menopause Society (NAMS).

I disturbi alimentari sono gravi condizioni di salute mentale caratterizzate da disturbi del comportamento alimentare e dell’immagine corporea che si verificano in circa il 13,1% delle donne nel corso della vita. La prevalenza di qualsiasi disturbo alimentare specifico per le donne di età superiore ai 40 anni è di circa il 3,5%, con sintomi specifici come l’insoddisfazione per i modelli alimentari documentati fino al 29,3%.

Gravi complicazioni come alta mortalità e morbilità sono associate ai disturbi alimentari. È probabile che questi eventi avversi per la salute siano amplificati quando presenti in età avanzata. Tuttavia, pochi studi sui disturbi alimentari hanno incluso partecipanti nella mezza età, tra cui premenopausa, perimenopausa e postmenopausa.

Ci sono alcune prove che supportano l’idea che le donne in perimenopausa abbiano i più alti tassi di comportamenti alimentari disregolati (p. es., comportamenti di controllo del peso come il conteggio regolare delle calorie o il consumo di cibi dietetici) di qualsiasi fase riproduttiva nella mezza età e siano significativamente diversi da quelli in premenopausa donne per quanto riguarda l’insoddisfazione corporea e la sensazione di grasso. Sebbene risultati come questi rimangano scarsi; l’associazione tra disturbi alimentari e sintomi della perimenopausa (ad esempio, umore negativo, depressione e affaticamento) conferma che la perimenopausa può essere un momento particolarmente rischioso per la patologia alimentare.

In questo nuovo piccolo studio, che ha cercato di indagare la struttura dei sintomi del disturbo alimentare in particolare durante la perimenopausa e la postmenopausa precoce, i ricercatori hanno utilizzato modelli statistici di analisi di rete per confrontare la struttura e l’importanza di specifici sintomi del disturbo alimentare nelle fasi riproduttive. Sebbene ammettano che sono necessari studi più ampi con questa popolazione femminile sottorappresentata, i ricercatori ritengono che lo studio confermi che l’insoddisfazione per l’immagine corporea è un fattore di rischio chiave per i disturbi alimentari nel corso della vita, specialmente nella mezza età.

I risultati dello studio sono pubblicati nell’articolo “Analisi della rete dei sintomi del disturbo alimentare nelle donne in perimenopausa e postmenopausa precoce”.

“Questo studio mostra che, analogamente agli studi sui giovani adulti, l’insoddisfazione per l’immagine corporea rimane una caratteristica fondamentale della patologia del disturbo alimentare nelle donne di mezza età. In particolare, la paura di ingrassare e la paura di perdere il controllo sulle abitudini alimentari sono sintomi centrali dei disturbi alimentari in perimenopausa e postmenopausa precoce. Questi risultati possono aiutare a indirizzare strategie di trattamento più mirate nelle donne durante la mezza età “, afferma la dott.ssa Stephanie Faubion, direttore medico del NAMS.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: