Mangiare e bere

“Veganuary” fa male? 

Un nutrizionista spiega perché le diete a base vegetale necessitano di una corretta pianificazione

Veganuary è di nuovo alle porte, con migliaia di persone in tutto il mondo che rinunciano ai prodotti animali per il mese di gennaio. Il movimento, che incoraggia le persone a seguire uno stile di vita vegano, è iniziato nel 2014 ed è cresciuto rapidamente da allora, con la partecipazione di 629.000 persone provenienti da 228 paesi nel 2022.

Quando si tratta di ricerche su Internet, i dati per il 2020 mostrano che il Regno Unito ha avuto il maggior numero di ricerche su Google per il veganismo nel mondo. Nel 2019 c’erano 600.000 vegani nel Regno Unito . E, secondo la Vegan Society, questo numero dovrebbe continuare ad aumentare con vegani e vegetariani che dovrebbero costituire un quarto della popolazione britannica entro il 2025.

Naturalmente, il veganismo e il vegetarianismo hanno avuto origine molto prima che il veganismo occidentalizzato diventasse popolare. Il vegetarismo era praticato già nel V secolo a.C. in India ed è fortemente legato a numerose tradizioni religiose in tutto il mondo, come l’induismo, il giainismo, il buddismo e il sikhismo. E il tofu, un’alternativa ben nota alla carne, è nato in Cina oltre 2000 anni fa.

Quando si tratta di vegetarianismo e veganismo , i principi di base sono simili, entrambi implicano il consumo di alimenti a base vegetale per motivi ambientali, etici, di salute o religiosi. Ma mentre i vegetariani escludono principalmente solo la carne, i vegani seguono una dieta molto più restrittiva escludendo tutti i prodotti animali così come tutti gli alimenti di origine animale come latte, uova e miele.

Pro del veganismo

Ci sono diversi benefici attribuiti a una dieta vegana purché venga eseguita correttamente. Può aiutare le persone a perdere peso e, come con una dieta vegetariana, è stato collegato a un ridotto rischio di malattie cardiache e alcuni tipi di cancro , come il cancro al colon e al seno.

Un recente studio sugli effetti di una dieta vegana nelle persone con o a rischio di sviluppare il diabete di tipo 2, ha scoperto che una dieta a base vegetale può aiutare a controllare i livelli di glucosio nel sangue .

Donna che mangia una ciotola vegana di insalata.

Anche le diete vegane possono essere ricche di ferro, anche se la forma di ferro delle piante non è così “biodisponibile” come il ferro nella carne, il che significa che il corpo non lo assorbe in modo efficiente come il ferro che si trova nei prodotti animali. Tuttavia, questo apporto può essere potenziato combinando il ferro di origine vegetale con alimenti ricchi di vitamina C – come arance, pomodori e peperoni – perché la vitamina C aiuta il corpo ad assorbire meglio il ferro.

E i contro

D’altra parte, diventare vegani non garantisce automaticamente una buona salute. Potresti, ad esempio, mangiare patatine a ogni pasto e mentre ti qualificheresti come vegano non faresti necessariamente alcun favore al tuo corpo. Insieme alla crescita del veganismo, è arrivato un aumento dei piatti pronti vegani – e questi hanno sale, zucchero e grassi aggiuntivi per migliorarne il gusto. Gli alimenti trasformati includono comunemente grassi trans ed emulsionanti che possono danneggiare i batteri intestinali benefici.

Diete vegane mal pianificate potrebbero non fornire abbastanza niacina, riboflavina (vitamina B2), vitamina D, calcio, iodio, selenio o zinco, tutti elementi importanti per mantenere una buona salute . I vegani possono correre un rischio maggiore di diventare anemici a causa della mancanza di vitamina B12 e omega-3 , che possono causare affaticamento e incapacità di concentrazione, soprattutto nei giovani. Esiste anche un’associazione tra veganismo e minore densità ossea , che può portare ad un aumento del rischio di fratture.

Mucchio di cibo spazzatura vegano.

Se volevi cambiare quello che stai mangiando ma non vuoi diventare vegano, la dieta mediterranea è classificata come una delle più sane al mondo. Pensa a molte verdure, frutta, fagioli, lenticchie, noci, olio d’oliva, pane integrale, riso integrale e pesce. Questa dieta non elimina la carne, ma ne limita l’assunzione .

Ci sono prove crescenti che seguire una dieta mediterranea è associato a una buona salute generale e può aiutare nella protezione contro le malattie cardiovascolari, il diabete, l’ipertensione e l’obesità. Ci sono anche prove che ha un ruolo nel ridurre il rischio di alcuni tipi di cancro. Ed è stato collegato a un minor rischio di declino cognitivo e depressione.

Cosa è giusto per te

Quindi a Veganuary o no? Anche se mangiare meno carne, specialmente carne lavorata, fa bene alla salute , diventare vegani non è l’unico modo per farlo. Come nutrizionista, penso che piuttosto che fissarsi su un particolare modo di mangiare, sia meglio consumare una dieta sana e varia.

Ognuno, infatti, ha bisogno di capire cosa sta mangiando per assicurarsi un apporto equilibrato, con le giuste quantità di proteine, carboidrati, grassi, vitamine e sali minerali. Ciò è particolarmente vero dato che i problemi di salute legati all’alimentazione sono in aumento in tutto il mondo.

Quindi, se stai pensando di assumere Veganuary, devi essere consapevole delle potenziali carenze alimentari . Sarà inoltre necessario assumere integratori come la B12.

In definitiva, il veganismo è uno stile di vita piuttosto che una semplice dieta, quindi passare a un modo di mangiare vegano richiede impegno e pianificazione a lungo termine. Deve essere esaminato attentamente ed eseguito in modo istruito per assicurarti di ottenere tutti i nutrienti necessari per mantenere una vita sana.


Questo articolo è ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l’ articolo originale .

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: