Benessere

Cosa succede al tuo corpo durante un volo a lungo raggio?

Se gli aeroporti affollati sono un segno, gli australiani sono ansiosi di tornare nei cieli. E se voli a lungo raggio, tra qualche anno potresti avere un’opzione ancora più lunga.

Qantas ha annunciato dalla fine del 2025 che trasporterà passeggeri su voli non-stop dalla costa orientale dell’Australia a Londra che ti vedranno in volo per più di 19 ore in un tratto. Questo viene confrontato con i voli attuali che impiegano la maggior parte delle 24 ore ma sono suddivisi in tratte più brevi.

Quindi cosa succederà al tuo corpo durante uno di questi voli più lunghi? È diverso da quello che succede quando voli a lungo raggio ora?

1. Puoi diventare disidratato

La disidratazione è comune sui voli a lungo raggio. Può spiegare perché la gola, il naso e la pelle possono sentirsi asciutti su un aereo. Più lungo è il volo, maggiore è il rischio di disidratazione.

Ciò è dovuto ai bassi livelli di umidità in cabina rispetto a quelli che ti aspetteresti a terra. Ciò è dovuto principalmente al fatto che gran parte dell’aria che circola nella cabina viene aspirata dall’esterno e non c’è molta umidità nell’aria ad alta quota.

Rischi anche la disidratazione non bevendo abbastanza acqua o bevendo troppo alcol (l’alcol è un diuretico, con conseguente aumento della perdita di liquidi).

Quindi bevi acqua prima di salire sull’aereo. Durante il volo, dovrai anche bere più acqua del solito.

Assistente di volo che preleva una bottiglia d'acqua dal carrello delle bevande in aereo

2. La cabina può creare scompiglio con le orecchie, i seni nasali, l’intestino e il sonno

Quando la pressione della cabina cambia, il gas nel nostro corpo reagisce di conseguenza. Si espande mentre l’aereo sale e la pressione diminuisce, e il contrario accade mentre scendiamo. Questo può portare a problemi comuni come:

  • mal d’ orecchi – quando la pressione dell’aria su entrambi i lati del timpano è diversa, esercitando pressione sul timpano
  • mal di testa – può essere causato dall’espansione dell’aria intrappolata nei seni
  • problemi intestinali: accetta solo che scoreggerai di più.

Puoi anche sentirti più assonnato del solito. Ciò è dovuto al fatto che il corpo non è in grado di assorbire tanto ossigeno dall’aria della cabina in quota di quanto farebbe a terra. Rallentare è il modo in cui il corpo si protegge e questo può farti sentire assonnato.

La buona notizia è che la maggior parte di questi problemi non sarà necessariamente più pronunciata sui voli più lunghi. Sono principalmente un problema quando l’aereo sale e scende.

3. Potresti sviluppare coaguli di sangue

I coaguli di sangue, associati all’immobilità per lunghi periodi, sono di solito una grande preoccupazione per i passeggeri. Questi includono coaguli che si formano nella gamba ( trombosi venosa profonda o TVP) che possono viaggiare fino al polmone (dove è noto come embolia polmonare ).

Se non ti muovi sull’aereo e più dei seguenti fattori di rischio hai, maggiore è la possibilità che si sviluppino coaguli di sangue:

  • età avanzata
  • obesità
  • storia precedente o una storia familiare di coaguli
  • alcuni tipi di disturbi della coagulazione
  • cancro
  • recente immobilizzazione o intervento chirurgico
  • gravidanza o parto recente
  • terapia ormonale sostitutiva o pillola contraccettiva orale.

Secondo una revisione del 2022, combinando i dati di 18 studi, più a lungo si viaggia, maggiore è il rischio di coaguli di sangue. Gli autori hanno calcolato che c’era un rischio maggiore del 26% per ogni due ore di viaggio aereo, a partire da quattro ore.

E per quanto riguarda il rischio di coaguli su questi voli più lunghi? Non lo sapremo con certezza finché non inizieremo a studiare i passeggeri a bordo.

Fino a quando non arriveranno le prove, l’attuale consiglio si applica ancora. Continua a muoverti, mantieniti idratato e limita il consumo di alcol.

Ci sono anche prove per indossare calze a compressione per prevenire la formazione di coaguli di sangue. Si dice che queste calze promuovano il flusso sanguigno nelle gambe e aiutino il sangue a tornare al cuore. Questo normalmente accadrebbe a causa delle contrazioni muscolari dovute al movimento o alla camminata.

Una revisione Cochrane del 2021 ha combinato i risultati di nove studi con 2.637 partecipanti che sono stati randomizzati a indossare calze a compressione (o meno) su voli che durano più di cinque ore.

Nessun partecipante ha sviluppato TVP sintomatiche. Ma c’erano prove che le persone che indossavano le calze riducessero considerevolmente la loro possibilità di sviluppare coaguli senza sintomi, e sappiamo che qualsiasi coagulo può potenzialmente crescere, muoversi e successivamente causare sintomi.

Persona che indossa calze a compressione

Quindi, se sei preoccupato per il rischio di sviluppare coaguli di sangue, consulta il tuo medico di famiglia prima di volare.

Di solito, se sviluppi un coagulo di sangue, non lo saprai fino a dopo il volo, poiché il coagulo richiede tempo per formarsi e viaggiare. Quindi tieni d’occhio i sintomi dopo il volo: dolore e gonfiore a una gamba (spesso solo quella), dolore al petto, tosse e mancanza di respiro. E cercare assistenza sanitaria di emergenza se lo fai.

4. Poi c’è il jet lag, le radiazioni, il COVID

Poi c’è il jet lag , che è estraneo a pochi di noi. Questa è una disconnessione tra l’ora che il tuo corpo pensa che sia e l’ora dell’orologio, mentre attraversi i fusi orari.

Voli più lunghi significano che è più probabile (ma non sempre) attraversare più fusi orari. Il jet lag di solito diventa più problematico quando ne attraversi tre o più, soprattutto se viaggi verso est.

E se prendi molto spesso voli a lungo raggio, è ragionevole presumere che più a lungo sei in aria, maggiore è l’esposizione alle radiazioni cosmiche . Come suggerisce il nome, si tratta di radiazioni provenienti dallo spazio, che possono aumentare il rischio di cancro e problemi riproduttivi. Non sappiamo quale livello di esposizione sia sicuro.

Tuttavia, a meno che tu non voli frequentemente, è improbabile che sia un problema. Se sei incinta o hai altre preoccupazioni, parla con il tuo medico di famiglia prima di volare.

E non dimenticare il COVID. Prendi le solite precauzioni: lavati le mani regolarmente, indossa una mascherina e non volare se non stai bene.

In poche parole

La ricerca su come il corpo reagisce a questi voli più lunghi e senza scalo tra l’Australia e l’Europa è nelle sue fasi iniziali. Le squadre in Australia lo stanno guardando ora.

Fino ad allora, se stai prendendo un normale volo a lungo raggio, il consiglio è relativamente semplice.

Segui i consigli che ti danno le compagnie aeree e, se necessario, consulta il tuo medico di famiglia prima del viaggio. Durante il volo, fai uno sforzo extra per muoverti in cabina, bere acqua, indossare una maschera e praticare una buona igiene delle mani.

E consultare immediatamente un medico per eventuali sintomi preoccupanti dopo il volo, poiché i coaguli di sangue possono richiedere ore o addirittura giorni per formarsi, crescere e muoversi lungo le vene.


Articolo ripubblicato da The Conversation, sotto una licenza Creative Commons, per leggere l’articolo originale clicca qui.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: