Comunicazione

Surfando sulla superficie dell’oceano diabetico: intervista esclusiva a John Terron

Per il pubblico italiano: Jhon Terron oltre ad essere un istruttore di Yoga famosa oltreoceano, e persona con diabete tipo 1 praticamente da sempre, e possiede una visione d’insieme piuttosto buona nonostante la retinopatia trattate con laser. E quando si tratta di comunicazione, interazione qualcosa da dire ce l’ha…. e allora entriamo nel vivo delle questioni di fondo.

Come mai il diabete non è percepito come una minaccia per la salute pubblica?

Il diabete è spesso percepito come una malattia cronica, non mortale, che può essere gestita con una combinazione di trattamenti medici, stile di vita salutare e monitoraggio regolare. Tuttavia, il diabete può causare complicazioni gravi se non viene gestito adeguatamente, come danni ai reni, ai nervi, agli occhi e alle arterie. Inoltre, il diabete è spesso associato ad altre malattie croniche come l’ipertensione, le malattie cardiache e l’obesità, che possono aumentare il rischio di morte. Pertanto, anche se non è considerato una minaccia per la salute pubblica nel senso tradizionale del termine, il diabete è comunque una malattia seria che richiede una gestione adeguata per prevenire complicazioni e migliorare la qualità della vita dei pazienti.

Il deficit derivato da una comunicazione inefficace può essere una parte del problema?

Sì, il deficit derivato da una comunicazione inefficace può essere una parte del problema nella percezione del diabete come una minaccia per la salute pubblica. La comunicazione inefficace può avere diverse cause, come la mancanza di informazioni corrette e aggiornate, la difficoltà nel comprendere il linguaggio medico, la mancanza di supporto per la comprensione e la gestione della malattia, o la mancanza di accesso ai servizi di assistenza sanitaria.

Questo può portare a una mancata comprensione della gravità del diabete e delle sue complicazioni, nonché a una scarsa adesione alle terapie e a un monitoraggio inadeguato.

Inoltre, la comunicazione inefficace può contribuire alla stigmatizzazione dei pazienti con diabete e alla difficoltà nel trovare supporto sociale, che può a sua volta avere effetti negativi sulla gestione della malattia.

Per migliorare la percezione del diabete come una minaccia per la salute pubblica e migliorare la qualità della vita dei pazienti, è importante investire in programmi di educazione e comunicazione mirati ai pazienti, ai loro familiari e al personale sanitario, nonché nell’accesso a servizi di assistenza sanitaria di qualità.

Siamo a cento anni dalla scoperta dell’insulina, una data così importante per la medicina e la salute pubblica ha visto, a livello mondiale e italiano, un scarso impegno e interesse: anche questo atteggiamento può essere indicatore della debolezza dell’intera categoria?

La scoperta dell’insulina nel 1921 ha rappresentato un passo fondamentale per la medicina e la salute pubblica, poiché ha permesso di trattare efficacemente il diabete mellito di tipo 1, una malattia che prima era considerata mortale. Tuttavia, anche se l’insulina ha rappresentato una svolta nella gestione del diabete, la malattia rimane comunque una sfida importante per la salute pubblica.

Sono diverse le ragioni per cui potrebbe esserci un scarso impegno e interesse per la malattia a livello mondiale e italiano, tra cui la percezione del diabete come una malattia cronica, non mortale, che può essere gestita con una combinazione di trattamenti medici, stile di vita salutare e monitoraggio regolare. Inoltre, il diabete è spesso associato ad altre malattie croniche come l’ipertensione, le malattie cardiache e l’obesità, che possono aumentare il rischio di morte.

Inoltre, la mancanza di risorse, la scarsa educazione e comunicazione, la stigmatizzazione dei pazienti con diabete e la difficoltà nel trovare supporto sociale possono contribuire a una mancata comprensione della gravità del diabete e delle sue complicazioni, nonché a una scarsa adesione alle terapie e a un monitoraggio inadeguato.

Pertanto, anche se l’insulina ha rappresentato una svolta nella gestione del diabete, è importante continuare a investire in programmi di educazione e comunicazione mirati ai pazienti, ai loro familiari e al personale sanitario, nonché nell’accesso a servizi di assistenza sanitaria di qualità per prevenire complicazioni e migliorare la qualità della vita dei pazienti.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: