I ricercatori dell’UNSW Sydney e della Neuroscience Research Australia (NeuRA) hanno sviluppato e valutato uno strumento per valutare il rischio di demenza, con risultati iniziali promettenti.

Attualmente, oltre 55 milioni di persone convivono con la demenza in tutto il mondo, con quel numero destinato ad aumentare a 78 milioni entro il 2030, e l’attenzione sulla ricerca sulla demenza si sposta sempre più verso la prevenzione.

Lo strumento online richiede circa 20 minuti per essere completato e fornisce un rapporto personalizzato sul rischio di demenza che i pazienti possono discutere con il proprio medico.

Da quando ha sviluppato lo strumento di rischio , noto come CogDRisk , nel 2022, il team ha valutato il successo dello strumento, testandolo su quattro set di dati esistenti, con i risultati pubblicati di recente su The Journal of Prevention of Alzheimer’s Disease .

Sulla loro analisi, hanno scoperto che CogDrisk è efficace nel prevedere la demenza.

“Ci sono molte informazioni sui fattori di rischio per la demenza nella letteratura accademica”, afferma il professor Kaarin Anstey della School of Psychology e NeuRA dell’UNSW.

“Ma c’è un divario tra la semplice conoscenza dei rischi e l’essere effettivamente in grado di valutare se si è o meno a rischio, e quindi sapere cosa fare al riguardo. CogDrisk è stato sviluppato per affrontare questo problema.”

Raccolta dei fattori di rischio per la demenza

Gli studi clinici falliti per il trattamento della demenza hanno portato a chiamate urgenti per la prevenzione della demenza.

“La prevenzione è ora riconosciuta dall’Organizzazione mondiale della sanità come una delle aree chiave della ricerca. L’Alzheimer’s Disease International e la maggior parte dei piani d’azione nazionali sulla demenza includono la riduzione del rischio di demenza “, afferma il prof. Anstey.

Ma mentre ci sono molti studi diversi sui fattori di rischio per la demenza in tutto il mondo, non c’è necessariamente sempre accordo su quali siano i fattori di rischio. Per affrontare questo problema, il team ha utilizzato metodi statistici per combinare tutti i fattori di rischio citati nella letteratura esistente.

“Quindi abbiamo fatto una revisione sistematica , per ottenere tutti i diversi fattori di rischio per la demenza, quelli che erano robusti e quelli che erano modificabili e potevano essere valutati attraverso uno strumento di autovalutazione”, afferma il prof. Anstey.

Alcuni dei principali fattori di rischio modificabili che aumentano il rischio di demenza di qualcuno includono attività fisica insufficiente, obesità nella mezza età, ipertensione nella mezza età, fumo e cattiva alimentazione. “L’intero processo ha richiesto diversi anni, abbiamo pubblicato la revisione e quindi abbiamo dovuto sviluppare lo stesso strumento di valutazione del rischio”.

Valutare lo strumento su diverse coorti

Spesso gli strumenti di valutazione del rischio sono sviluppati su una singola coorte e quindi si adattano a un particolare set di dati e popolazione, che non funziona bene se applicato ad altre popolazioni.

Questo studio ha analizzato quattro diverse coorti di studi medici esistenti, con dati demografici variabili e un totale di oltre 9500 partecipanti.

I dati di coorte sono stati confrontati con i principali fattori di rischio e protezione valutati nello strumento CogDrisk, incluso se gli individui hanno diabete, depressione e insonnia, informazioni sulla loro dieta e abitudini alimentari e quanto sono impegnati nell’attività fisica.

Il team è stato quindi in grado di abbinarli a un record di casi di demenza che si sono sviluppati all’interno della stessa coorte.

“La nostra analisi statistica mostra che si tratta di uno strumento molto solido e generalizzabile”, afferma il prof. Anstey. “Funziona in diversi paesi e diversi set di dati. Ed è anche abbastanza completo, include molti dei nuovi fattori di rischio che in precedenza non erano inclusi”.

Sfida con la previsione della demenza e gli usi futuri di CogDrisk

Predire la demenza è più difficile che prevedere alcune altre malattie, in parte perché progredisce nell’arco di due o tre decenni e può esserci una forte componente genetica.

“È una malattia multicausale. Ma ci sono alcuni fattori di rischio modificabili. La maggior parte delle persone vuole sapere quali sono i propri fattori di rischio e vuole fare qualcosa per risolverli una volta che lo sa”, afferma il prof. Anstey. Il team che ha sviluppato lo strumento spera che possa essere utilizzato in ambito sanitario per facilitare ai medici di base e ai pazienti l’ottenimento di informazioni sulla riduzione del rischio.

“Non solo ci sono molti fattori di rischio, ma la demenza stessa è molto complessa e i medici generici sono molto impegnati. Quindi stiamo cercando di sviluppare modi per rendere più facile per il pubblico e i medici generici ottenere le informazioni giuste”.

Successivamente, il prof. Anstey sta cercando di tradurre lo strumento online in diverse lingue , in modo che sia accessibile a più persone. “E stiamo anche cercando di sviluppare una forma breve dello strumento. Quindi c’è molto da fare nella traduzione della ricerca, così come nello spazio di traduzione linguistica su cui stiamo lavorando”.

Maggiori informazioni: S. Kootar et al, Validation of the CogDrisk Instrument as Predictive of Dementia in Four General Community-Dwelling Populations, The Journal Of Prevention of Alzheimer’s Disease (2023). DOI: 10.14283/jpad.2023.38