pregnant woman, pregnancy, pregnant
La teoria delle origini dello sviluppo della salute e della malattia (DOHaD) si riferisce al concetto che le variabili materne e ambientali in una fase molto precoce della vita possono influenzare la crescita, lo sviluppo e la salute di un bambino in età avanzata. 
Le diete materne e ad alto contenuto di grassi nella prima infanzia aumentano la preferenza per il gusto salato, mentre non ci sono differenze nei gusti amaro, acido, dolce e umami. 
L’espressione proteica e genica del recettore dell’angiotensina II di tipo 1 (AT1) nelle papille gustative della prole femminile esposta a una dieta ricca di grassi è aumentata tre settimane dopo la nascita. 
L’AT1 nelle cellule delle papille gustative si riferisce alla percezione del gusto salato e l’aumento dell’AT1 nelle cellule delle papille gustative della prole influisce sulla preferenza del gusto aumentando l’assunzione di sodio. 
Credito: Dipartimento di Scienze Ortodontiche, TMDU

Siamo tutti consapevoli dell’importanza di mangiare cibi sani, soprattutto durante la gravidanza. Una dieta ricca di grassi ha conseguenze drammatiche sul metabolismo. Può portare a obesità, diabete, malattie epatiche croniche e possibilmente cancro. Lavori precedenti hanno dimostrato che il consumo di elevate quantità di grassi durante la gravidanza influisce sulla preferenza del gusto e sul metabolismo nella prole.

Nella maggior parte delle famiglie, bambini e genitori mangiano lo stesso cibo. In altre parole, le mamme che seguono una dieta ricca di grassi nutriranno probabilmente i loro figli con cibi grassi. Quali sono le conseguenze dell’esposizione materna e nella prima infanzia ad elevate quantità di grasso sulla prole ? Questo è ciò che i ricercatori della Tokyo Medical and Dental University (TMDU) hanno esplorato in uno studio pubblicato su Scientific Reports .

I ricercatori hanno utilizzato un modello di ratto per studiare l’effetto sulla preferenza di gusto di un’esposizione di due generazioni (cioè madre incinta e neonati giovani) a una dieta ricca di grassi. Le femmine in gravidanza e in allattamento sono state alimentate con una dieta ricca di grassi, mentre un gruppo di controllo ha ricevuto una dieta standard. Dopo lo svezzamento, la prole di ciascun gruppo ha ricevuto la stessa dieta: i bambini di madri nutrite con una dieta ricca di grassi durante la gravidanza e quelli alimentati con una dieta standard hanno continuato a ricevere rispettivamente una dieta ricca di grassi e una dieta standard.

I giovani ratti dei gruppi con dieta ricca di grassi hanno guadagnato più peso e hanno consumato più energia rispetto alle loro controparti dei gruppi con dieta standard.

“Ci siamo chiesti se le diverse diete avessero influenzato le preferenze di gusto dei ratti”, spiega Takashi Ono, autore senior. “È risaputo che il gusto influisce sull’assunzione di cibo. Se qualcosa ha un buon sapore, i circuiti di ricompensa del cervello si attivano e probabilmente ne mangerai di più”.

I ricercatori hanno testato la preferenza degli animali per i cinque gusti fondamentali: amaro, acido, salato, dolce e umami, utilizzando una sfida a due bottiglie, in cui due bottiglie, una contenente acqua e l’altra acqua con gusto, sono state aggiunte al gabbia per topi. La prole esposta a una dieta ricca di grassi durante la gestazione e la prima infanzia preferiva l’acqua salata . Al contrario, non hanno mostrato alcuna preferenza specifica per gli altri gusti rispetto al gruppo a dieta standard.

Quali meccanismi sono alla base di questa preferenza? I ricercatori hanno studiato i livelli di proteine ??coinvolte nella percezione del gusto salato. “L’espressione proteica e genica di AT1 è aumentata nelle papille gustative della prole femminile esposta a una dieta ricca di grassi . Ciò è accaduto già tre settimane dopo la nascita”, spiega Saranya Serirukchutarungsee, autrice principale dello studio. “È noto che AT1 è associato a una preferenza per il gusto salato e le prove suggeriscono che è probabile che AT1 influenzi la preferenza per il gusto salato aumentando l’assunzione di sodio nelle cellule delle papille gustative”.

Una migliore comprensione della programmazione del comportamento alimentare e delle preferenze di gusto della prole è vitale quando si considerano i forti legami tra cattiva alimentazione e cattiva salute. Questi risultati forniscono un primo passo cruciale che può portare a ulteriori studi volti a ridurre il rischio di sviluppare obesità e malattie legate all’alimentazione , come le malattie cardiovascolari nella prole e nelle generazioni successive.

Maggiori informazioni: Saranya Serirukchutarungsee et al, L’esposizione di due generazioni a una dieta ricca di grassi induce il cambiamento della preferenza del gusto salato nei ratti, Scientific Reports (2023). DOI: 10.1038/s41598-023-31662-0