La comunità endocrina unisce le forze in occasione della Giornata europea degli ormoni per aumentare la consapevolezza del ruolo vitale degli ormoni nella prevenzione e nel trattamento delle malattie rare e croniche

Oggi, 15 maggio 2023, la Società europea di endocrinologia (ESE), la Fondazione europea per gli ormoni e il metabolismo (Fondazione ESE) e altri partner celebrano la seconda Giornata europea degli ormoni

Oggi, 15 maggio 2023 , la Società europea di endocrinologia (ESE), la Fondazione europea per gli ormoni e il metabolismo (Fondazione ESE) e altri partner celebrano la seconda Giornata europea degli ormoni . 

La Giornata europea degli ormoni riunisce tutti coloro che sono interessati alla salute e alle malattie endocrine per promuovere una migliore comprensione del ruolo degli ormoni e incoraggiare un appello collettivo al cambiamento su come gli ormoni sono affrontati nella politica sanitaria in tutta Europa. 

Ciò si basa sul successo della Giornata europea degli ormoni inaugurale nel 2022, quando 35 società endocrine nazionali e specializzate hanno approvato la “Dichiarazione di Milano”, pubblicata congiuntamente da ESE e dalla Fondazione ESE qui . La Dichiarazione, ‘ Riconoscimento del ruolo chiave degli ormoni nella salute europea: ‘La Dichiarazione di Milano 2022 ‘ , chiede una maggiore inclusione della prospettiva della salute endocrina come parte integrante delle politiche sanitarie europee, come indicato nel Libro bianco ESE sugli ormoni in Politiche sanitarie europee pubblicato a maggio 2021 qui .  

Quest’anno, ESE e la Fondazione ESE pubblicano un allegato alla Dichiarazione, 10 Raccomandazioni per una buona salute ormonale , che può essere scaricato qui . Ciò integra la richiesta di cambiamento per mettere gli ormoni al centro della politica sanitaria in Europa, con semplici azioni che ognuno di noi può intraprendere per garantire una migliore salute ormonale. 

Il presidente di ESE, Martin Reincke, afferma: ” Gli ormoni spesso passano inosservati, ma hanno un enorme impatto sulla salute e sulla malattia. Con una migliore comprensione della loro importanza, si può fare di più per prevenire, diagnosticare e curare le malattie endocrine prevalenti come il diabete, i disturbi della tiroide e il cancro, e tanto più le 400 condizioni rare che colpiscono milioni di persone in tutta Europa.

La Giornata europea degli ormoni è un’opportunità per spargere la voce e sensibilizzare sui piccoli passi che tutti possiamo compiere verso una migliore salute endocrina”.

Andrea Giustina, presidente della Fondazione ESE, aggiunge che la necessità di mettere gli ormoni al centro delle politiche sanitarie richiede uno sforzo collettivo: “Dato che gli ormoni svolgono un ruolo in così tante condizioni diverse, la comunità endocrina ha un’opportunità unica per unire le forze per spingere al cambiamento. La Giornata europea degli ormoni ci riunisce per esortare i responsabili delle decisioni a tenere conto della salute degli ormoni, attrarre finanziamenti per la ricerca tanto necessari e, in ultima analisi, migliorare i risultati per i pazienti endocrini, perché gli ormoni contano!

Ma la Giornata europea degli ormoni non è isolata: ci sono molte altre iniziative di sensibilizzazione europee e mondiali che meritano attenzione. Oggi, ESE e la Fondazione ESE pubblicano anche un opuscolo con le storie personali dei pazienti che parlano del valore di tali attività e un calendario per consentire alla comunità endocrina di concentrare i nostri sforzi congiunti nel prossimo anno. Il volantino può essere scaricato qui e il calendario è qui .  

Coloro che parteciperanno alla Giornata europea degli ormoni sui social media utilizzeranno l’hashtag #BecauseHormonesMatter. ESE incoraggia l’uso di questo stesso hashtag nelle giornate di sensibilizzazione correlate per dare slancio agli sforzi per aumentare il profilo della salute e delle malattie endocrine in Europa.  

Puoi trovare maggiori informazioni sul lancio su: www.europeanhormoneday.org

Fatti e dati:

FATTI CHIAVE – Note per l’editore:?

  • 6 adulti su 10 e 1 bambino su 3 vivono in sovrappeso o obesità. L’obesità è associata all’80% dei casi di diabete di tipo 2, al 35% dei casi di cardiopatia ischemica e al 55% dei casi di ipertensione in Europa, insieme a molte altre comorbilità. I sistemi sanitari devono fare di più per tenere pienamente conto dell’obesità come malattia cronica recidivante, dedicare risorse per la prevenzione e il trattamento e finanziare la ricerca per sviluppare nuove opzioni terapeutiche.
  • Il cancro è la seconda causa di morte e morbilità in Europa. Ogni anno vengono diagnosticati più di 50.000 nuovi casi di cancro alla tiroide, principalmente nelle giovani donne, e la sopravvivenza mediana dei tumori neuroendocrini è di soli 41 mesi. I bandi di ricerca del Beating Cancer Plan e di Horizon Europe devono tenere conto delle componenti endocrine del cancro, compresa la qualità della vita a lungo termine e le comorbilità endocrine delle terapie antitumorali. 
  • Le malattie rare colpiscono complessivamente 30 milioni di europei, inclusi i pazienti affetti da oltre 400 malattie endocrine rare. Molti pazienti aspettano diagnosi più rapide, trattamenti innovativi e parità di accesso alle cure in tutta Europa. Le reti di riferimento europee riuniscono conoscenze e competenze e devono essere pienamente sostenute dall’Europa e integrate nei sistemi sanitari nazionali.
  • Oltre 1500 sostanze chimiche preoccupanti (sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino) utilizzate in imballaggi, pesticidi e biocidi, cosmetici e giocattoli contribuiscono a molte incidenze di tumori endocrini, obesità, diabete e malattie della tiroide e all’aumento dei tassi di infertilità. Ciò genera un costo compreso tra 157 e 270 miliardi di euro all’anno in spese sanitarie e mancati guadagni. È necessaria una legislazione più forte per proteggere i gruppi vulnerabili della nostra popolazione, comprese le donne incinte, i neonati ei bambini nel loro sviluppo.