Le donne che soffrono di vampate di calore più gravi dopo la menopausa hanno maggiori probabilità di sviluppare la sindrome metabolica e l’ipertensione, secondo una ricerca presentata al 25° Congresso europeo di endocrinologia a Istanbul. I risultati di questo studio a lungo termine evidenziano l’importanza dell’uso della terapia ormonale sostitutiva per la menopausa in queste donne.

La sindrome metabolica è un gruppo di tre o più condizioni che si verificano insieme, che aumentano il rischio di malattie cardiache, ictus e diabete di tipo 2. Queste condizioni includono ipertensione, glicemia alta, eccesso di grasso corporeo intorno alla vita e livelli anormali di colesterolo o trigliceridi. Dopo la menopausa, le donne corrono un rischio maggiore di sviluppare la sindrome metabolica e le malattie cardiovascolari.

In questo studio, i ricercatori dell’Università nazionale e capodistriana di Atene hanno esaminato 825 donne sane di età compresa tra 40 e 65 anni, che erano recentemente entrate in menopausa, presso l’Aretaieion University Hospital di Atene in Grecia. Hanno monitorato queste donne nel corso di 15 anni, tra il 2006 e il 2021, e hanno scoperto che quelle con vampate di calore da moderate a gravi avevano maggiori probabilità di sviluppare ipertensione e sindrome metabolica. Inoltre, le donne che hanno sviluppato ipertensione o sindrome metabolica sono state diagnosticate prima quando hanno avuto vampate di calore più gravi rispetto a quelle che non hanno avuto casi di vampate di calore o più lievi.

Precedenti studi hanno anche mostrato un’associazione tra vampate di calore e rischio per la salute cardiovascolare; le donne che soffrono di vampate di calore hanno un rischio maggiore di sviluppare diversi tipi di condizioni che colpiscono il cuore e i vasi sanguigni. Tuttavia, questa associazione non è mai stata studiata in donne con vari gradi di sintomi su così vasta scala. “Il nostro studio a lungo termine è progettato con cura, in cui abbiamo abbinato un gruppo di donne accuratamente selezionato in base alla gravità delle vampate di calore e alla loro età, e le abbiamo seguite per un massimo di 15 anni”, ha affermato la ricercatrice capo, la dott.ssa Elena Armeni.

Sintomi come vampate di calore e sudorazione notturna possono iniziare intorno al periodo della menopausa e possono durare fino a 10 anni. Tuttavia, la terapia ormonale sostitutiva – farmaci che contengono ormoni che il corpo non può più produrre dopo la menopausa – può essere utilizzata per trattare i sintomi della menopausa e proteggere la salute a lungo termine, specialmente nelle donne che hanno vampate di calore da moderate a gravi. “I nostri risultati sottolineano nuovamente il ruolo delle strategie di prevenzione cardiovascolare, come l’uso della terapia ormonale sostitutiva, che dovrebbe essere attuata subito dopo la menopausa”, ha affermato il dott. Armeni. “Questo gruppo sano di donne che sono già candidate alla terapia ormonale sostitutiva dovrebbe essere incoraggiato a optare per questo trattamento”.

I ricercatori sono ora interessati a sapere se questi fattori di rischio per la salute accumulati causino problemi cardiaci. “Il nostro studio mostra che le donne più sintomatiche dopo la menopausa hanno fattori di rischio cardiovascolare più prevalenti, ma non è chiaro se abbiano anche maggiori probabilità di sviluppare malattie cardiache, diabete di tipo 2 o avere un ictus”, ha affermato il dottor Armeni. , le donne con sintomi più fastidiosi avranno bisogno di un’adeguata educazione sanitaria per garantire che rimangano in forma e in salute nella vecchiaia”.

Lo studio “La gravità delle vampate di calore è associata al rischio di sindrome metabolica incidente e ipertensione di nuova insorgenza dopo la menopausa” è stato presentato domenica 14 maggio 2023 al Congresso europeo di endocrinologia presso l’Halic Congress Center di Istanbul, in Turchia. Consulta qui il programma scientifico completo

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve