Un passo avanti verso lo sviluppo di una protezione solare potenzialmente ultraprotettiva dalla nostra stessa melanina

Una nuova scoperta sulla struttura della melanina ha avvicinato gli scienziati allo sviluppo di una nuova crema solare potenzialmente ultraprotettiva derivata da una sostanza biologica presente in quasi tutti gli organismi. I ricercatori del Dipartimento di Chimica della McGill, in collaborazione con la Ohio State University e l’Università di Girona, hanno annunciato un importante progresso nella comprensione della struttura fondamentale della melanina e di uno dei suoi componenti che trasforma la luce in calore, proteggendo il corpo dai danni del sole.

La melanina, il pigmento che conferisce agli esseri umani il colore della pelle, degli occhi e dei capelli, è la prima e migliore difesa naturale del corpo contro i raggi nocivi del sole. Le aziende cosmetiche hanno cercato a lungo di sfruttare i poteri protettivi della melanina naturale e sintetica per l’uso in creme solari chimiche e altri prodotti per la cura personale. Ad esempio, la melanina potrebbe, in teoria, essere utilizzata per produrre una barriera contro le radiazioni che aumenta i prodotti per la cura della pelle abbinando una gamma più diversificata di tonalità naturali della pelle. Ma la melanina è così notoriamente instabile e difficile da studiare che, finora, gli scienziati non sono stati in grado di vedere che aspetto abbia a livello molecolare, risultando in un approccio lento, per tentativi ed errori, al suo potenziale utilizzo nei prodotti per la cura personale. .

“Man mano che acquisiamo una migliore comprensione della struttura della melanina, dovremmo essere in grado di creare alternative prevedibili con prestazioni migliori di quelle attualmente disponibili”, ha affermato Jean-Philip Lumb , uno degli autori principali dell’articolo. Lo studio ha scoperto che la componente melanina converte la luce in calore da tutte le lunghezze d’onda, dall’ultravioletto all’infrarosso, offrendo un ampio spettro di protezione. La molecola era anche notevolmente piccola, il che, secondo i ricercatori, ha vantaggi pratici perché il numero di atomi necessari per fornire questo livello di protezione solare è inferiore a quanto riportato finora. “Abbiamo fatto un importante passo avanti nella comprensione di un nuovo meccanismo per come la melanina può servire come protezione solare”, ha detto Lumb. 

A proposito dello studio

L’indolo-5,6-chinoni mostra le proprietà distintive dell’eumelanina  di Jean-Philip Lumb et al., È stato pubblicato su Nature Chemistry.