pink hair, hairstyle, woman
girls outdoors, in a white bathing suit, keeps hair
Photo by 99mimimi on Pixabay

L’ormone dello stress misurato nei capelli predice chi è probabile che soffra di malattie cardiovascolari

Uno studio condotto su oltre 6.300 individui ha rilevato che i livelli di cortisone nei capelli erano il più forte predittore di future malattie cardiovascolari nei soggetti di età pari o inferiore a 57 anni

Una nuova ricerca presentata al Congresso europeo sull’obesità (ECO) di quest’anno a Dublino, Irlanda (17-20 maggio) suggerisce che i livelli di glucocorticoidi (una classe di ormoni steroidei secreti in risposta allo stress) presenti nei capelli degli individui possono indicare quale di loro hanno maggiori probabilità di soffrire di malattie cardiovascolari (CVD) in futuro.

“C’è un’enorme quantità di prove che lo stress cronico è un fattore serio nel determinare la salute generale. Ora i nostri risultati indicano che le persone con livelli più alti di glucocorticoidi nei capelli a lungo termine sembrano avere una probabilità significativamente maggiore di sviluppare malattie cardiache e circolatorie in particolare”, afferma l’autrice principale, la dott.ssa Eline van der Valk dell’Erasmus University Medical Center Rotterdam nei Paesi Bassi.

I livelli a lungo termine del cortisolo dei capelli del cuoio capelluto e della sua forma inattiva, il cortisone dei capelli, sono biomarcatori sempre più utilizzati che rappresentano l’esposizione cumulativa ai glucocorticoidi nei mesi precedenti.

C’è un ampio numero di prove che indicano che gli ormoni dello stress cortisolo e cortisone influenzano il metabolismo del corpo e la distribuzione del grasso. Ma i dati su questi livelli di ormone dello stress e sul loro effetto sugli esiti CVD a lungo termine sono scarsi.

Per saperne di più, i ricercatori hanno analizzato i livelli di cortisolo e cortisone in 6.341 campioni di capelli di uomini e donne adulti (dai 18 anni in su) iscritti a Lifelines, uno studio multigenerazionale che ha coinvolto oltre 167.000 partecipanti della popolazione settentrionale dei Paesi Bassi.

I capelli dei partecipanti allo studio sono stati testati e i partecipanti sono stati seguiti per una media di 5-7 anni per valutare la relazione a lungo termine tra livelli di cortisolo e cortisone e CVD incidente. Durante questo periodo, ci sono stati 133 eventi CVD.

I ricercatori sono stati aggiustati per i fattori noti per essere collegati all’aumento del rischio di CVD tra cui età, sesso, circonferenza della vita, fumo, pressione sanguigna e diabete di tipo 2.

I ricercatori hanno scoperto che le persone con livelli di cortisone a lungo termine più elevati avevano il doppio delle probabilità di sperimentare un evento cardiovascolare come un ictus o un infarto, e questo è salito a oltre tre volte più probabile in quelli di età pari o inferiore a 57 anni.

Tuttavia, nella metà più anziana dei casi di CVD (di età pari o superiore a 57 anni), il cortisone per capelli e il cortisolo non erano fortemente collegati all’incidente di CVD.

“La nostra speranza è che l’analisi dei capelli possa alla fine rivelarsi utile come test che può aiutare i medici a determinare quali individui potrebbero essere ad alto rischio di sviluppare malattie cardiovascolari. Quindi, forse in futuro, mirare agli effetti degli ormoni dello stress nel corpo potrebbe diventare un nuovo obiettivo terapeutico”, afferma la professoressa Elisabeth van Rossum, ricercatrice principale dello studio presso l’Erasmus University Medical Center.

Gli autori riconoscono diversi limiti dello studio, incluso il fatto che è osservazionale e non dimostra che lo stress causi CVD ma indica che sono collegati. Notano inoltre che la maggior parte dei partecipanti si autoidentificava come bianca e proveniva da una zona dei Paesi Bassi, quindi i risultati potrebbero non essere generalizzabili ad altre popolazioni. E sebbene l’età, il sesso, la circonferenza della vita, il fumo, la pressione sanguigna e il diabete di tipo 2 siano stati corretti nell’analisi, potrebbero esserci altri fattori non misurati che potrebbero aver influenzato i risultati.