I diabetici nei paesi più poveri spendono in media 10 volte di più del loro reddito per l’insulina rispetto alle persone negli stati più ricchi, secondo una nuova inchiesta.

Un mese di insulina costa fino a 27 giorni di stipendio in Camerun e 20 giorni in Nigeria e Myanmar, secondo una indagine sui prezzi nelle farmacie condotta in 47 paesi. Nei paesi a reddito medio-alto, l’insulina costa in media quattro giorni di salario.

Lo studio della ONG Health Action International si è basato sulla glargine: un’insulina a lunga durata d’azione utilizzata dai diabetici di tipo 1. Arriva nel primo anniversario, questa settimana, di un impegno fatto all’Assemblea dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per garantire che tutti i diabetici di tipo 1 abbiano accesso a prezzi accessibili ai materiali per il monitoraggio della glicemia e somministrazione dell’insulina.

L’ONG ha misurato il costo di 1.000 unità di insulina – circa un mese di fornitura – rispetto al salario guadagnato dal lavoratore governativo non qualificato meno pagato di un paese, una misura spesso utilizzata per giudicare l’accessibilità economica dei farmaci.

La dottoressa Marg Ewen, che ha guidato il progetto, ha detto che un mese di insulina non dovrebbe costare più di un giorno di salario. “Ciò di cui le persone hanno bisogno è che i farmaci siano disponibili e convenienti. L’accessibilità è un problema perché le persone devono pagare di tasca propria e, naturalmente, non hanno redditi elevati.

“Se devi lavorare più di un giorno al mese per una fornitura mensile, sarebbe inaccessibile perché ci possono essere altre persone in famiglia che devono avere farmaci pagati, o la persona che vive con il diabete potrebbe avere comorbilità onde per cui deve acquistare anche altri farmaci”.

La risoluzione WHA è stata fatta 100 anni dopo la scoperta dell’insulina umana, sviluppato e iniettato per trattare il diabete. Gli scienziati che l’avevano sviluppata e contestualmente reso il brevetto protetto da speculazioni di sorta, con l’intenzione di farlo rimanere accessibile. Tuttavia, la moderna insulina sintetica è brevettata da alcune aziende, che sono state criticate per aver applicato prezzi elevati.

Mentre l’insulina è più costosa negli Stati Uniti, dove costa $ 172 (£ 138) per 1.000 unità, costa $ 120 in Libano, $ 77 in Etiopia e più di $ 40 in Camerun, Nigeria e Myanmar. L’insulina acquistata attraverso il settore pubblico è più economica in diversi paesi ad alto reddito, tra cui Danimarca, Norvegia, Belgio e Francia. In Australia, l’insulina costa $ 16. La mancanza di trasparenza sui costi di approvvigionamento dell’insulina rende difficile sapere perché i prezzi sono molto diversi, ma i costi aggiuntivi lungo la catena di approvvigionamento da parte di importatori, distributori e rivenditori, nonché le imposte sulle vendite, sono fattori che incidono. Un gruppo di difesa suggerisce che l’insulina dovrebbe costare il 5% del reddito medio, anche se in alcuni casi può essere il 100% dello stipendio di una persona. 

Cyrine Farhat, che ha il diabete di tipo 1 ed è la fondatrice del gruppo di advocacy con sede in Libano Positive on Glucose, ha affermato che la crisi economica del paese ha reso l’insulina inaccessibile per molte persone.

“Alcune persone la pagano ancora circa $ 200 al mese. Quindi, questa è una fetta molto grande dello stipendio di una persona, a volte il 100% dello stipendio della persona, a volte il 50% e talvolta il 1.000% “, ha detto.

Farhat compra la sua insulina da una società che importa medicine dalla Turchia, che le costa circa $ 400 al mese, può permetterselo solo perché lavora per un’organizzazione internazionale senza scopo di lucro. Ha detto che il costo è peggiorato perché il sistema sanitario è per lo più privatizzato, costringendo le persone a pagare per i servizi di base necessari per gestire la condizione.

“Conosco persone che devono scegliere: mettere il cibo in tavola o comprare insulina per i loro figli? Naturalmente, ci sono persone che stanno razionando l’insulina e conosco persone che dipendono totalmente dalle donazioni “, ha detto.

Elizabeth Pfiester, direttore esecutivo del gruppo di advocacy T1 International, ha affermato che l’obiettivo dovrebbe essere che l’insulina e le apparecchiature per il test della glicemia rappresentino il 5% del reddito medio. “L’insulina è essenziale come l’acqua per le persone con diabete di tipo 1. Se non ce l’abbiamo, moriremo. È così semplice”, ha detto.

Articolo originale pubblicato dal quotidiano The Guardian e da lì tradotto.