I ricercatori progettano una strategia innovativa per combattere l’obesità attraverso la terapia genica

Professoressa Laura Herrero, della Facoltà di Farmacia e Scienze Alimentari e dell’Istituto di Biomedicina dell’Università di Barcellona (IBUB).
CREDITO: UNIVERSITÀ DI BARCELLONA

Un team scientifico dell’Università di Barcellona e del CIBERobn ha progettato una strategia per combattere l’obesità e il diabete nei topi attraverso una terapia genica ex vivo che consiste nell’impianto di cellule che sono state manipolate e trasformate per curare una malattia. Questo è il primo studio che applica la tecnica della terapia genica ex vivo per generare e impiantare cellule che esprimono la proteina CPT1AM, un enzima che svolge un ruolo decisivo in molte malattie metaboliche come l’obesità.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Metabolic Engineering , è guidato dalla professoressa Laura Herrero, della Facoltà di Farmacia e Scienze dell’Alimentazione e dell’Istituto di Biomedicina dell’Università di Barcellona (IBUB), e della Fisiopatologia dell’Obesità e della Nutrizione Networking Biomedical Research Centro (CIBERobn).

La terapia cellulare descrive il processo di introduzione di nuove cellule in un tessuto per combattere una malattia. Le terapie cellulari sono attualmente focalizzate sull’affrontare le malattie ereditarie, con e senza l’aiuto della terapia genica, o le malattie degenerative.

“In questa nuova terapia, a modelli animali sono state impiantate per via sottocutanea cellule staminali derivate dal tessuto adiposo, differenziate in adipociti, in modo che possano esprimere una forma attiva della proteina CPT1AM, un enzima localizzato nei mitocondri che è fondamentale nell’ossidazione dei lipidi ed è correlate alle malattie metaboliche”, afferma Laura Herrero, membro del Dipartimento di Biochimica e Fisiologia dell’UB.   

“Di conseguenza, nei topi obesi, è stato possibile ridurre i livelli di peso, fegato grasso (steatosi epatica), colesterolo e glucosio. In conclusione, l’impianto di adipociti che esprimono l’enzima mitocondriale CPT1AM aiuta a ridurre l’obesità e l’intolleranza al glucosio nei topi ”.

Poiché il processo di trasformazione cellulare avviene al di fuori del corpo dell’organismo, questo tipo di terapia è molto più facile da eseguire e consente un maggior controllo delle cellule alterate.

Obesità e terapia cellulare

L’obesità e i disordini metabolici associati rappresentano un problema sanitario e sociale mondiale, motivo per cui sono urgentemente necessari nuovi approcci terapeutici. Il tessuto adiposo svolge un ruolo chiave nella regolazione del bilancio energetico e le cellule staminali mesenchimali di derivazione adiposa, cellule con capacità di autorinnovamento, hanno guadagnato interesse nella terapia cellulare.

“In particolare, la carnitina palmitoiltransferasi 1A (CPT1A) è l’enzima che controlla l’ossidazione degli acidi grassi mitocondriali. Il nostro obiettivo era generare adipociti che potessero esprimere una forma costitutivamente attiva di CPT1A —CPT1AM— in grado di bruciare il grasso in eccesso e migliorare il fenotipo metabolico obeso dei topi dopo l’impianto”.

I risultati del nuovo studio supportano il futuro uso clinico di questo approccio di terapia genica ex vivo come nuova strategia per ridurre i tassi di obesità e colesterolo nella popolazione.

Questo studio preclinico potrebbe aprire le porte a future strategie terapeutiche per affrontare il trattamento dell’obesità, che oggi rappresenta un problema di salute globale. 

“Per approssimare la terapia nell’uomo, dobbiamo ottimizzare diversi processi come la qualità e la vitalità delle cellule staminali da tessuto adiposo isolate da persone con obesità, la percentuale di infezione da lentivirus e il numero di cellule utilizzate per il trapianto”, conclude la ricercatrice Laura Herrero.