a doctor checking a child
Photo by Pavel Danilyuk on Pexels.com
Photo by Pavel Danilyuk on <a href="https://www.pexels.com/photo/a-doctor-checking-a-child-7653133/" rel="nofollow">Pexels.com</a>
a doctor checking a child
Photo by Pavel Danilyuk on Pexels.com

American Diabetes Association (ADA) ha aggiornato il suo capitolo relativo a: “Bambini e adolescenti: standard di cura nel diabete” per il 2023, discutendo su come gestire il diabete nei pazienti pediatrici. (1)

Il diabete ha spesso diverse fisiopatologie, considerazioni sullo sviluppo e risposta alla terapia nei pazienti di età inferiore ai 18 anni rispetto agli adulti. Le dinamiche familiari, le fasi di sviluppo e la maturità sessuale dovrebbero essere tutte considerate al momento di decidere il trattamento.

Il diabete di tipo 1 è il tipo di diabete più comune nei bambini, che richiede la considerazione di aspetti specifici per i bambini da parte degli operatori sanitari. Ciò include la sensibilità all’insulina, la supervisione negli ambienti scolastici, la vulnerabilità neurologica all’ipoglicemia e all’iperglicemia e i potenziali effetti avversi della chetoacidosi diabetica.

L’assistenza specifica per il diabete dovrebbe essere fornita da un team multidisciplinare con formazione nel trattamento del diabete pediatrico. I pazienti devono ricevere educazione e supporto autogestiti, terapia nutrizionale e supporto psicosociale. I pazienti pediatrici e i loro genitori saranno entrambi coinvolti nell’autogestione, rendendo vitale il coinvolgimento della famiglia in questi processi.

Si raccomanda ai bambini di impegnarsi in 60 minuti di attività aerobica di intensità da moderata a vigorosa al giorno. Quelli con diabete dovrebbero essere valutati per le complicanze che possono limitare l’attività, come il rischio di iperglicemia. I metodi per ridurre l’iperglicemia associata all’attività fisica includono la diminuzione dell’insulina prandiale per un pasto prima dell’esercizio e mangiare di più.

Il personale scolastico e diurno deve anche ricevere una formazione per gestire il diabete nei bambini, poiché la maggior parte dei giovani trascorre la maggior parte della giornata in questi contesti. Le scuole e le strutture diurne sono inoltre tenute a fornire le cure necessarie per il diabete dalle leggi federali e statali.

Dovrebbe essere considerato anche l’impatto del diabete sulla qualità della vita. Questo può essere valutato mediante screening per ansia, depressione, comportamenti alimentari disordinati e disturbi alimentari. Lo screening per il disagio diabetico dovrebbe iniziare già a 7 o 8 anni di età.

Il diabete di tipo 1 aumenta i rischi di altre malattie autoimmuni, rendendo prezioso lo screening per la disfunzione tiroidea e la celiachia. Dovrebbero essere prese in considerazione anche malattie come la malattia di Addison, la gastrite autoimmune, l’epatite autoimmune, la dermatomiosite e la miastenia grave.

I fattori di rischio cardiovascolare sono aumentati anche nei bambini con diabete di tipo 1, con il 15% al 45% stimato come avente 2 o più fattori di rischio di malattie cardiovascolari aterosclerotiche. Questi fattori di rischio aumentano con l’età e lo status di minoranza etnica e il processo aterosclerotico inizia nell’infanzia. Per valutare il rischio, una valutazione lipidica iniziale deve essere eseguita poco dopo la diagnosi.

I bambini sono anche a rischio di diabete di tipo 2, con la prevalenza in aumento negli ultimi 20 anni. Secondo il CDC, se il tasso di diabete di tipo 2 negli individui di età inferiore ai 20 anni aumenta del 2,3% all’anno, la prevalenza aumenterà di 4 volte nei prossimi 40 anni.

I dati hanno indicato che il diabete di tipo 2 differisce nei bambini rispetto agli adulti e differisce dal diabete di tipo 1 nei bambini. Le minoranze razziali ed etniche sono colpite in modo sproporzionato e comportamenti di stile di vita sani possono essere difficili da mantenere in ambienti psicosociali e culturali complessi.

La gestione del diabete di tipo 2 può essere effettuata attraverso metodi simili al diabete di tipo 1, come la cooperazione con le famiglie e il personale scolastico. Tuttavia, l’attuale epidemia di obesità spesso rende difficile distinguere tra diabete di tipo 1 e diabete di tipo 2. I medici dovrebbero assicurarsi che una diagnosi sia accurata per fornire un trattamento adeguato.

Poiché le comorbidità possono essere presenti al momento della diagnosi di diabete di tipo 2, devono essere eseguite misurazioni della pressione arteriosa, un pannello lipidico a digiuno, una valutazione del rapporto casuale albumina-creatinina nelle urine e un esame oculistico dilatato. Queste comorbidità sono più comuni nei giovani con diabete di tipo 2 rispetto al diabete di tipo 1, rendendo vitale il rilevamento.

Man mano che i bambini invecchiano, i medici dovranno anche essere preparati per aiutarli a passare dagli operatori sanitari pediatrici a quelli per adulti. L’Endocrine Society e l’ADA hanno fornito strumenti di transizione per aiutare i bambini, le famiglie e i medici a completare il processo di transizione.

Questo articolo è apparso originariamente su Contemporary Pediatrics.

Riferimento
1. ElSayed NA, Aleppo G, Aroda VR, et al., Bambini e adolescenti: standard di cura nel diabete-2023. Cura del diabete. 2023;46(Suppl. 1): S230–S253. DOI:10.2337/dc23-S014