Annunci

Diabete ieri, oggi e … domani?

Desidero parlare oggi del mio diabete, del mio passato con la malattia. Tra i tre anni di età e i dieci ho avuto un numero complessivo di 22 ricoveri ospedalieri (periodo 1964 a 1971), per un periodo complessivo di tre anni (le degenze duravano allora da minimo un mese a periodi anche di tre mesi). Negli anni 60 e 70 la cura sanitaria per i diabetici veniva fatta esclusivamente in regime di ricovero ospedaliero; solo a cominciare da metà dagli anni 80 si è andato a curare il diabete presso i centri specialistici in ambulatorio. Quindi tre anni in quella fase di vita non sono piccola cosa, sia sotto il profilo fisico che mentale, ma anche dello sviluppo educativo; se poi si considera lo stato della condizione delle strutture ospedaliere di allora (sotto il profilo igienico e dell’accoglienza) al cospetto delle attuali, è difficile da comparare.

Questa premessa dal passato mi riporta all’oggi, nel presente, anche se i momenti di sconforto sono sempre presenti, dobbiamo cercare di avere fiducia sull’evoluzione della medicina e della ricerca scientifica. Certo a volte vorremmo dei risultati immediati, perché la sofferenza all’inizio ci rende nervosi e intolleranti, ma per farci coraggio serve pensare al percorso che abbiamo compiuto e alle pezze che abbiamo messo su di noi.

Certo nei conti della mia vita restano sempre quei tre anni non resi…

Annunci

Tiro le somme

Controllo

Ieri ho fatto la visita di controllo del diabete. Tra ventuno giorni ripeterò il controllo. L’assetto dello schema insulinico è stato mantenuto, con l’adeguamento del mio dosaggio di Lantus® sulle 10 unità anziché 12. Tra tre settimane si vedrà se mantenere a pranzo la Novomix® 70/30, oppure passare alla stessa versione 50/50; inoltre la prossima volta porterò il controllo dell’HbA1C.

In conclusione il giudizio è ancora una volta buono, e quindi confermo la validità del diabetologo nel saper capire la persona che ha davanti, e trarne le necessarie conseguenze sotto il profilo gestionale e terapeutico, oltre la personale disponibilità ad essere di sostegno al di là dei canoni rigidi della visita.

Comunque sia quando faccio la visita porto sempre con me il diario delle glicemie, insulina e carboidrati, sia su carta che in digitale; assieme agli eventuali altri referti diagnostici. E, comunque sia, è sempre opportuno fare una scaletta delle questioni da sottoporre al medico.

Memo

World Diabetes Day - November 14

Il 14 giugno scorso ho ricevuto una email dall’IDF, che sta per Federazione Internazionale dei Diabetici, con la quale si ricordava l’approssimarsi della giornata mondiale per la lotta al diabete (il 14 novembre 2008). L’appuntamento del 2008 è dedicato alla raccolta di fondi per aiutare bambini di 17 paesi del nostro a pianeta, ad avere le cure necessarie di base per sopravvivere al diabete: insulina, siringhe, glucometri ed educazione sanitaria.

Per saperne di più potete visitare il sito Life for a Child with Diabetes oppure quello dell’IDF dedicato alla Giornata Mondiale per la lotta al diabete.

Chiunque ha uno spazio di comunicazione verso l’esterno (web, o altro media) deve, a mio avviso, aver il compito di poter informare i cittadini di questa iniziativa.

Visita

Oggi faccio la visita di controllo del diabete, e rispetto alle volte precedenti affronto l’appuntamento in modo più rilassato e tranquillo, in quanto l’assetto dei valori della glicemia è abbastanza stabile. Certo restano due problemi irrisolti, e che lo resteranno a mio avviso: come evitare certi sbalzi nei valori dello zucchero nel sangue? Come evitare le ipoglicemie improvvise?

Questi temi sono ad oggi irrisolti, sotto il profilo tecnico e pratico, ma resta sempre la speranza di poterli prima o poi risolvere.

A domani per il diario di aggiornamento sull’esito del controllo, e le eventuali novità.

Partiamo

bagagli

Allora stiamo per partire, le scuole sono chiuse, chi ha le ferie flessibili può villeggiare. A questo punto pare che tutti gli elementi per andare in vacanza o ferie che dir si voglia ci sono. E’ importante sapere se abbiamo preso tutto quello che serve, perché spesso accade quando si parte di portare con sé cose inutili invece di oggetti utili, per non dire indispensabili.

Ha proposito di vacanze, e col diabete cosa serve portare con sé? Prima di tutto dobbiamo fare mente locale sulle cose che occorrono, le più importanti. In questo caso è utile fare una lista che ci aiuti a capire se abbiamo ricordato tutto.

Faccio un esempio pratico, in questo caso relativo a un diabete di tipo 1: in primo luogo simuliamo di restare in vacanza una settimana, in Italia; allora la prima cosa da fare è capire quanta insulina ci serve. Nel mio caso con una settimana consumo una flexpen di Novorapid®, mentre la Novomix 70/30® e la Lantus® mi durano un mese di media. Quindi mi porto due penne della rapida e una delle altre due, anche se potrebbe essere utile usare lo schema 2+2+2 per sicurezza (vedi rottura penna ed altri imprevisti possibili). Inoltre occorre un numero adeguato di aghi per penna: il calcolo può essere di 4 iniezioni standard più due extra = 6 moltiplicato 7 per i giorni di ferie; quindi servono circa 42 aghi. Inoltre serve il glucometro con gli accessori per il suo utilizzo (pungidito e affini), salviette disinfettanti. Ulteriore raccomandazione: prendiamo con noi un certo numero di bustine di zucchero (tipo bar) e una confezione di Glucagone®, per far fronte a possibili ipoglicemie. Inoltre con me porto anche l’apparecchio per la misurazione della pressione arteriosa.

Per concludere la ricognizione del necessaire base per il diabetico portiamo con noi il tesserino di riconoscimento per diabetici, rilasciato dal centro che ci ha in cura ed una prescrizione di insulina del nostro medico di base.

La predetta descrizione è meramente esemplificativa e aggiornabile.

Spot

Diabete

Il diabete tipo 1 sul groppone da un giorno o 54 anni? Non perdere la fiducia e guarda avanti perché la vita è molto di più, e noi siamo forti!
Non sono un medico. Non sono un educatore sanitario del diabete. Non ho la laurea in medicina. Nulla in questo sito si qualifica come consulenza medica. Questa è la mia vita, il diabete – se siete interessati a fare modifiche terapeutiche o altro al vostra patologia, si prega di consultare il medico curante di base e lo specialista in diabetologia. La e-mail, i dati personali non saranno condivisi senza il vostro consenso e il vostro indirizzo email non sarà venduto a qualsiasi azienda o ente. Sei al sicuro qui a IMD. Roberto Lambertini (fondatore del blog dal 3/11/2007).

Newsletter



Informazione

Avete un evento, manifestazione (sportiva e non), convegno sul diabete o legato ad esso? Se la risposta è sì fatemelo sapere attraverso l'invio dei dati e iinformazioni scrivendole nel form presente all'interno della pagina Scrivimi del blog. Le iniziative predette saranno publicizzate all'interno di questo spazio gratuitamente e immediatamente. Grazie per il vostro interesse Roberto Lambertini

Eventi

  • Nessun evento

Sommario post

Categorie post

Il Mio Diabete social

Il mio diabete

Promuovi anche tu la tua Pagina

Instagram

Blogosfera

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons


2016 Image Banner 120 x 600