Annunci

diabetica

Pag 5 of 17« Prima...34567...10...Ultima »

Temperatura e diabete

googledesktopphotospluginwallpaper-thumb.jpg

La settimana scorsa ho avuto una crisi ipoglicemica e durante il periodo  estivo episodi del genere si ripetono con maggiore frequenza; come mai? L’interrogativo me lo sono già posto in altre occasioni, anche su questo blog. A mio giudizio una possibile causa di queste cadute della glicemia è dovuta al caldo che incide su almeno tre versanti del diabete: un’elevata temperatura esterna aiuta la circolazione del sangue e riduce il livello di infiammazione delle pareti interne dei vasi; nello stesso momento c’è un più facile consumo delle calorie anche senza esercitare un’attività fisica eccezionale; ancora vi è l’effetto del maggiore grado di calore sull’insulina, sia in penna che nel microinfusore, un elemento questo spesso sottovalutato. Le statistiche sanitarie confermano che pure l’emoglobina glicata (HbA1c) registra livelli migliori di risultato in estate.

All’analisi delle informazioni presenti sulla rete e nella documentazione cartacea  in materia non si trova nulla corrispondente alle considerazioni testé fatte, sia in direzione affermativa come negativa.

Annunci

Giallo

giallo

Quale colore corrisponde al diabete? Non so se qualcuno si è mai posto questo genere di domanda, ma oggi sono in vena di simili interrogativi.

Per me il colore che meglio si identifica con il diabete è il giallo; come questo pigmento è associato alla condizione diabetica? Secondo una lettura universale del colore in questione, il giallo tra le sue varie esemplificazioni rappresenta l’attenzione, e quindi non ci poteva essere migliora raffigurazione cromatica della malattia. L’occasione per fermarsi un attimo a ragionare sorge automatica, la patologia diabetica è talmente articolata su diverse angolature da richiedere una energia multipla di attenzioni, in primo luogo da parte del diabetico stesso e di converso da quanti lo circondano.

Una riflessione meglio concentrata porta a dire che altre colorazioni possono essere sempre riconducibili ad una osmosi con il diabete, come ad esempio il verde visto come tonalità rappresentante la pace  e l’armonia interiore, ma per me il giallo è il tono dominante. E se fosse solo questione di gusti?

I tempi ci cambiano

orologio

Un tempo quando arrivava il mese di agosto mi rompevo letteralmente le balle, tradotto in un linguaggio più decente: mi annoiavo; oggi questo periodo dell’anno rappresenta, per me che lo vivo in città, un momento per vivere l’ambiente circostante senza la frenesia che resta presente negli altri giorni. Il caos, la confusione senza una ragione non mi sono mai piaciuti e questa è una costante della mia vita. A proposito di costanza lo ribadisco un’altra volta: nella vita con il diabete rappresenta un fattore determinata per gestire con successo la malattia. La considerazione è valida per tutti quei diabetici e quelle diabetiche che se ne fregano per scelta o perché allo sbando. Ma forse ho scritto una stupidaggine? La cosa è molto probabile perché quando una persona si trova con la vita che non gira come vorrebbe, difficoltà e stress continui, problemi di socializzazione e relazione; in questi casi i problemi sono a monte e il diabete viene trascinato a valle, anche se poi riprenderlo diventa difficile, ed in alcune situazioni estreme impossibile.

Ma a volte i tempi ci cambiano, quando scrivo queste cose le riporto in quanto le situazioni che sto descrivendo sono passate davanti e dentro di me; poi per fortuna il vento è passato, non mi ha spazzato via e sono rimasto a scrivere di queste cose. In tutto è comunque sempre il tempo a dominare e fare da padrone; questa unità di misura inventata dall’uomo per quantificare la nostra vita, che regola ma al tempo stesso tiranneggia. Sarebbe bello poter dire che del tempo non importa nulla, e agire di conseguenza.

Una giornata da ricordare

Insulina

Oggi 27 luglio ricorre la data convenzionale di scoperta dell’insulina, per la precisione è l’88° anniversario di questo basilare evento per cura del diabete e la sopravvivenza dei diabetici, in particolare di quelli col tipo 1.

Ricordare questo fatto è importante per tanti buoni motivi, a partire già dalla semplice e fondamentale ragione che sono vivo, fino a proseguire con l’evoluzione delle terapie per la cura e la gestione del diabete: tutta questa evoluzione è avvenuta in un arco di tempo breve, ovvero meno di un secolo.

Sempre per non dimenticare, e questo passaggio lo ricordano soprattutto i diabetici di lungo corso, l’insulina al principio era solo di un tipo e veniva ricavata dal pancreas dei bovini e  suini macellati, e l’efficacia della stessa era sì valida ma meno potente e immediata delle tipologie oggi distribuite; per non parlare poi del salto di qualità dall’insulina di origine animale a quella presente di sintesi umana, che si avvicina di molto all’ormone prodotto dagli individui non diabetici naturalmente dalle cellule del pancreas sano.

Ed altro ancora ci sarebbe da dire: come buon ultimo le nuove insuline basali, che fanno prolungare il loro arco d’azione nelle 24 ore (vedi la Lantus).

Lo sviluppo della ricerca in ambito biomedico e farmacologico deve far ben sperare sugli sviluppi futuri per la cura e guarigione dal diabete, per intanto ci vuole tempo e pazienza, nonché fiducia. L’azione da compiere oggi per ricordare l’evento della scoperta dell’insulina, ma anche tutti i giorni dell’anno, è di sostenere la ricerca per migliorare la vita a noi diabetici e chissà magari un giorno guarire pure dal diabete.

I due lati della medaglia

giano bifronte

Cosa rende in fondo diverso il diabete di tipo 1 da quello di tipo 2 visto dal lato pratico del diabetico? Il primo è solitamente di lungo corso, dura tutta la vita poiché mediamente compare durante l’infanzia o l’adolescenza; inoltre presenta sintomi più o meno marcati come: l’ipoglicemia, la cheto acidosi, vomito ed altre manifestazioni fisiologiche. Il secondo tendenzialmente si appalesa in tarda età (anche se l’evoluzione sta cambiando rendendo più precoce l’esordio); dal punto di vista sintomatologico normalmente non da luogo a fastidi o dolori particolari, ed proprio questo il punto che fa differenza. Il diabete quindi come leggo dopo tanti anni di vita con questa condizione patologica? Semplice, la patologia diabetica e una malattia acida e conseguentemente corrosiva: nel diabete di tipo 1 se non tieni i valori dello zucchero nel sangue controllati la sua azione erosiva dell’intero organismo entra presto in azione, e  non solo con ipoglicemia, iperglicemia, cheto acidosi ma anche attraverso l’arrivo di altre complicazioni frutto della condizione di prima (vedi retinopatia, nefropatia, ecc.). Nel diabete di tipo 2 l’azione acido-corrosiva è ancora più subdola poiché essendo silente va quasi direttamente alla rottura del sistema (quando resta poco da fare nelle condizioni odierne) mediante la comparsa delle patologie legate alle stesse complicanze del diabete di tipo 1 (occhio, reni, cuore). Il paradigma testé espresso vuole cercare di rappresentare in modo semplice e chiaro cosa vuol dire e che comporta il diabete oggi.

Pag 5 of 17« Prima...34567...10...Ultima »

Spot

Diabete

Il diabete tipo 1 sul groppone da un giorno o 54 anni? Non perdere la fiducia e guarda avanti perché la vita è molto di più, e noi siamo forti!
Non sono un medico. Non sono un educatore sanitario del diabete. Non ho la laurea in medicina. Nulla in questo sito si qualifica come consulenza medica. Questa è la mia vita, il diabete – se siete interessati a fare modifiche terapeutiche o altro al vostra patologia, si prega di consultare il medico curante di base e lo specialista in diabetologia. La e-mail, i dati personali non saranno condivisi senza il vostro consenso e il vostro indirizzo email non sarà venduto a qualsiasi azienda o ente. Sei al sicuro qui a IMD. Roberto Lambertini (fondatore del blog dal 3/11/2007).

Newsletter



Informazione

Avete un evento, manifestazione (sportiva e non), convegno sul diabete o legato ad esso? Se la risposta è sì fatemelo sapere attraverso l'invio dei dati e iinformazioni scrivendole nel form presente all'interno della pagina Scrivimi del blog. Le iniziative predette saranno publicizzate all'interno di questo spazio gratuitamente e immediatamente. Grazie per il vostro interesse Roberto Lambertini

Eventi

  • Nessun evento

Sommario post

Categorie post

Il Mio Diabete social

Il mio diabete

Promuovi anche tu la tua Pagina

Instagram

Blogosfera

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons


2016 Image Banner 120 x 600