Advertisements
Pag 3 of 43312345...102030...Ultima »

I giovani hanno scarsa conoscenza dell’igiene alimentare

I casi ogni anno di intossicazione alimentare sono stimati in oltre 500.000, con un costo sociale di oltre 1 miliardi di corone svedesi. La manipolazione corretta del cibo è un problema di conoscenza e in un nuovo studio dell’Università di Uppsala, Marie Lange, studente di dottorato in scienze alimentari, dimostra che i giovani hanno scarsa consapevolezza di giene alimentare. Ad esempio, uno su cinque non sapeva che il pollo deve sempre essere cotto.

L’intossicazione alimentare può portare a gravi conseguenze per l’individuo, come malattie secondarie e nel peggiore dei casi, anche la morte. I mezzi di comunicazione hanno recentemente riportato notizie di un gran numero di persone affette da malattie legate al Campylobacter. Attualmente c’è una sensibilizzazione accentuata verso il trasferimento di responsabilità dal produttore al consumatore per impedire l’intossicazione alimentare, che pone esigenze di conoscenza e comportamento dei consumatori.

Conoscenza inadeguata

Nella sua nuova tesi, Marie Lange dimostra l’inadeguata consapevolezza dell’igiene tra i giovani consumatori. In uno studio condotto tra gli studenti dell’ultimo anno scuola media superiore, uno studente su cinque non sapeva che il pollo deve sempre essere cotto. Quasi la metà degli studenti ha pensato che fosse giusto assaggiare carne macinata cruda, anche se dieci anni fa la l’Agenzia Nazionale Alimentare svedese aveva pubblicato informazioni circa il fatto che anche un assaggio di carne macinata contaminata potrebbe essere pericoloso alimentando il rischio di contrarre la EHEC. Quasi la metà degli studenti anche pensato che +8 gradi Celsius era una temperatura di refrigerazione sufficiente.

Gli studenti mancavano anche consapevolezza circa l’importanza di lavarsi le mani ed evitare la contaminazione incrociata (dove i batteri da un tipo di cibo vengono trasferiti ad un altro), entrambi sono tra i modi più comuni per evitare intossicazione alimentare. Lo studio dimostra che i ragazzi, soprattutto quelli che raramente o mai cucinano cibo a casa, corrono un rischio maggiore di contrarre una grave intossicazione alimentare.

Necessaria una migliore istruzione

“I risultati della tesi mostrano che i giovani consumatori hanno bisogno di una migliore educazione all’igiene, e che l’insegnamento va messo nella materia scolastica primaria sottolineando con maggiore chiarezza l’igiene alimentare

Ad esempio, molti studenti riscaldano il cibo quotidiano, spesso nel forno a microonde, ma il riscaldamento è una zona a rischio che spesso manca dalle lezioni scolastiche, perché il pasto preparato viene tradizionalmente consumato durante le lezioni.

L’insegnamento ha bisogno di essere meglio affrontato nelle questioni relative alla pratica quotidiane connesse al rischio, come ad esempio il lavaggio delle mani, la contaminazione incrociata, riscaldamento e refrigerazione, al fine di aumentare le opportunità degli studenti per l’apprendimento. Gli insegnanti hanno bisogno di essere più riflessivi e rimanere aggiornati sulle informazioni, mentre le agenzie responsabili devono essere più chiare nelle loro comunicazione e offrire alle scuole informazioni aggiornate e materiale didattico, secondo Marie Lange.



Advertisements

Buoni i risultati per il pancreas artificiale in zona a controllo predittivo

Un modello di zona di controllo predittivo (MPC) basato sul sistema pancreas artificiale (AP) migliora il controllo glicemico impiegato in ambiente domestico, secondo uno studio pubblicato online il 5 giugno su Diabetes Care .

Gregory P. Forlenza, MD, presso l’University of Colorado Denver, e colleghi hanno condotto uno studio cross-over randomizzato ambulatoriale per esaminare la sicurezza e l’efficacia di un sistema di AP basato in zona MPC rispetto alla terapia con microinfusore con sensore in realtà aumentata (SAP). Diciannove adulti adulti hanno partecipato allo studio crossover che li ha coinvolti in due settimane di utilizzo di sistemi basati su AP smartphone e due settimane di terapia SAP.

I ricercatori hanno scoperto che l’AP è correlato con un miglior tempo in percentuale di conservazione della forbice di compenso glicemico da 70 a 140 mg / dl (48,1 contro 39,2 per cento) e il tempo da 70 a 180 mg / dL (71,6 contro 65,2 per cento) rispetto al SAP e con una diminuzione del tempo percento <70 mg / dL (1,3 contro 2,7 per cento); AP anche collegato con la diminuzione mediana del glucosio (141 contro 153 mg / dl) e la variabilità glicemica (deviazione standard, 52 contro 55 mg / dL) rispetto a SAP. Il miglioramento del controllo durante la notte è stato visto con AP, come da valutazione della media del glucosio alle 6 del mattino (140 rispetto a 158 mg / dL). I bracci AP e SAP hanno avuto simili fallimenti nei set di infusione di insulina e del sensore. I risultati glicemici migliori sono stati osservati con un tempo per cento più alto in anello chiuso.

“Questo progetto rappresenta il primo studio AP in uso domestico con il tentativo di provocare e rilevare il guasto dei componenti, pur mantenendo con successo l’efficacia e la sicurezza, il controllo del glucosio “, scrivono gli autori.

Diversi autori resi noti legami finanziari con l’industria farmaceutica e dei dispositivi medici, e brevetti propri tre autori legati agli algoritmi MPC sottostanti utilizzati nello studio.



Pomodoro a sorpresa

Pomodoro a sorpresa
Print
Tipo ricetta: Verdure
Tipo cucina: Italiana
Autore:
Tempo preparazione:
Tempo totale:
Porzione: 4
Un piatto freddo, ove il pomodoro da "contorno" si autopromuove a piatto di portata, diventando "contenitore" di una composta aromatica e gustosa.
Ingredienti
  • pomodori (500 g)
  • uova (n. 2)
  • acciuga sotto sale (n. 2 filetti)
  • funghi sott´olio (n. 1 cucchiaio)
  • capperi sotto aceto (n. 1 cucchiaio)
  • maionese (n. 4 cucchiai)
  • senape (n. 1 cucchiaino)
  • lattuga (n. 4 foglie)
  • sale (q.b.)
Preparazione
  1. - Lavare, asciugare i pomodori
  2. - Tagliare la calotta e asportare la polpa con un cucchiaino
  3. - Salare l´interno dei pomodori e sistemarli capovolti su un tagliere e lasciare riposare per 30 minuti (per eliminare l´acqua di vegetazione)
  4. - Rassodare le uova
  5. - Sciacquare i capperi e scolarli
  6. - Scolare i funghi e dividerli a metà
  7. - Dissalare le acciughe e tritarle finemente
  8. - Mescolare la senape, la maionese, le uova schiacciate con una forchetta i funghi, i filetti di acciuga e i capperi
  9. - Asciugare l´interno dei pomodori con della carta da cucina
  10. - Riempirli con il composto preparato
  11. - Foderare una coppetta di cristallo con una foglia di lattuga lavata e asciugata (una coppetta per ogni pomodoro)
  12. - Adagiare in ogni coppa un pomodoro e servire
Dose per persone: 100 grammi Calorie: 182 Grassi: 14 Carboidrati: 6 Proteine: 7

Riprodurre la retinopatia diabetica in un chip

Circa l’80% di tutti gli input sensoriali sono ricevuti tramite gli occhi, così quanti soffrono di malattie retiniche croniche risciano di essre portati alla cecità, la quale determina una diminuzione significativa della qualità della vita (QOL). Le malattie della retina sono più comuni tra gli anziani e in chi soffre di diabete: lo sviluppo di analisi patologiche e trattamenti per le malattie della retina è diventato un problema urgente nei paesi a super-invecchiamento come il Giappone.

Sebbene valutazione dei farmaci candidati all’impiego contro le malattie della retina è fatto su modelli animali, sorgono una serie preoccupazioni per quanto riguarda l’etica ed i costi, oltre alle limitazioni di conversione dei dati dai modelli animali ai contesti clinici.
I modelli di colture cellulari in vitro, in alternativa ai modelli animali, permettono ai ricercatori di studiare specifiche molecole semplicemente ricapitolando le condizioni complesse e croniche. Sebbene studi su organo in chip per la scoperta di farmaci è stata solo di recente ampiamente eseguita, l’approccio sui tessuti organico oculari on-a-chip e raramente investigato.
Un gruppo di ricerca congiunto dalla Scuole di Dottorato di Ingegneria e Medicina presso l’Università di Tohoku ha ricapitolato una condizione patologica delle malattie della retina su un chip. Gli scienziati hanno prima coltivato cellule retiniche e cellule vascolari endoteliali umane, imitando la struttura più esterna della retina.
Quando le cellule retiniche sono stati esposti a condizioni di ipoglicemia e ipossia dopo che le stesse sono cresciute, le cellule endoteliali si sono trovate a migrare al lato delle cellule retiniche danneggiate. Questo processo ricapitola parzialmente neovascolarizzazione nella degenerazione maculare legata all’età (AMD).
Il gruppo di ricerca ritiene che lo sviluppato di organi-on-a-chip potrebbe essere utilizzato per la modellazione della malattia e lo screening dei farmaci come alternativa ai modelli animali.

Studio pubblicato su Scientific Reports



Il blocco dei recettori del glucagone può ridurre il fabbisogno di dosi d’insulina nel diabete di tipo 1

ADA

Una singola dose di un farmaco sperimentale che blocca i recettori del glucagone può ridurre la quantità di insulina necessaria e migliorare i livelli di glucosio, senza aumento di ipoglicemia in pazienti adulti con diabete di tipo 1, in base a una presentazione effettuata nel corso del 77° meeting scientifico dell’American Diabetes Associatione svoltosi a San Diego dal 9 al 13 giugno scorsi.

“Negli esseri umani con diabete di tipo 1, è ben noto che il glucagone è deregolato”, ha dichiarato Jeremy Pettus, MD, assistente professore di medicina nel reparto di Endocrinologia presso l’Università della California, San Diego. “Per diverse ragioni, le persone con diabete di tipo 1 producono troppo glucagone, il che può aumentare la produzione di glucosio simpatico e rendere le persone soggette a problemi profondi con iperglicemia. Il concetto che stavamo andando a testare è fondamentalmente, possiamo usare questa idea che si resa possibile in modelli animali nei soggetti con diabete di tipo 1?”

Pettus e colleghi hanno valutato 21 adulti (otto uomini) con diabete di tipo 1 randomizzati a una singola iniezione sottocutanea di 70 mg di glucagone-bloccante farmaco Remd-477 (Remd Biotherapeutics; n = 10) iniettabile o un placebo (n = 11) per determinare l’effetto dell’agente giornaliero totale d’insulina necessario per mantenere il controllo glicemico mirato. Le Indicazioni per l’utilizzo di insulina basale sono state raccolte mediante sistemi di monitoraggio continuo del glucosio, e i partecipanti poi ricoverati in un’unità di ricerca clinica per 5 giorni; ai partecipanti è stato dato il Remd-477 o placebo nel secondo giorno di ricovero.

Variazione delle esigenze quotidiane di insulina il quarto giorno era l’endpoint primario. Ai partecipanti sono stati dati pasti standard per garantire la stessa energia quotidiana e i contenuti di macronutrienti durante la degenza. Post-assorbimento glicemico tra 90 mg / dL a 120 mg / dL e glucosio plasmatico postprandiale inferiore a 180 mg / dL sono si mantenuti attraverso infusione sottocutanea continua d’insulina.

L’uso di insulina giornaliero è calato del 26%, con Remd-477 rispetto al placebo iil 4 giorno ( P = .02).

I sistemi CGM sono stati usati per osservare i partecipanti lungo 8 settimane. Il gruppo Remd-477 aveva da 20 mg / dL a 31 mg / dL di glucosio inferiore medio giornaliero rispetto al gruppo placebo durante i tre periodi settimanali dopo l’osservazione ospedaliera ( P <.05). Il gruppo Remd-477 ha anche trascorso più tempo a destinazione (70-180 mg / dl) rispetto al gruppo placebo durante il periodo di osservazione.

“I risultati di questo studio supportano la lunga teoria che il blocco del glucagone può avere un notevole impatto clinico nei pazienti con diabete di tipo 1 in una zona dove c’è un bisogno molto insoddisfatto con altre terapie per aiutare le persone a mantenere gli zuccheri nel sangue più bassi e utilizzare meno insulina,” Pettus afferma. “Il blocco dei recettori glucagone con Remd-477 ha migliorato il controllo glicemico e ridotto il fabbisogno di insulina nei pazienti con diabete di tipo 1, riducendo la domanda di insulina, riducendo la glicemia media, aumentando la loro time-in-intervallo. Il prossimo passo è uno studio a dose multipla di 12 settimane per valutare gli effetti di Remd-477 sul controllo glicemico e l’uso giornaliero di insulina nei pazienti con diabete di tipo 1 “

Pettus J, et al. 378-OR. Presentato al: American Diabetes Association Scientific Sessions 77 °; Giugno 9-13, 2017; San Diego.

Avvertenza : Pettus ha rapporti di consulenza per Dexcom, Insulet, MannKind, Novo Nordisk, Sanofi, Senseonics e Valeritas.



I broccoli potrebbero essere un’arma segreta contro il diabete tipo 2?

Un concentrato estratto di germogli di broccoli può aiutare i pazienti con diabete di tipo 2 a gestire lo zucchero nel sangue, secondo un nuovo studio. I risultati potrebbero offrire un’alternativa tanto necessaria per affrontare la condizione, che è diventata un’epidemia a livello mondiale. Il diabete di tipo 2 colpisce più di 300 milioni di persone nel mondo, e ben il 15% di questi pazienti non può prendere la terapia con metformina di prima linea a causa varie problematiche organiche. Alla ricerca di un percorso più praticabile per alter vie, Annika Axelsson e colleghi hanno utilizzato un approccio computazionale utile a identificare i composti che potrebbero contrastare i cambiamenti di espressione genica associati alla malattia affiliate al diabete di tipo 2. I ricercatori hanno costruito una firma per il diabete di tipo 2 basata su 50 geni, poi utilizzato l’insieme di dati di espressione pubblicamente disponibili per lo screening di 3.852 composti per i farmaci che potenzialmente invertono la malattia. Il chimicamente più promettente – lo sulforafano, un composto naturale che si trova nelle verdure crocifere – a pressato la produzione di glucosio da cellule del fegato che crescono in cultura, e spostato l’espressione genica del fegato lontano da uno stato di malattia nei ratti diabetici. Quando i ricercatori hanno dato i concentrati di broccoli estratti di germoglio a 97 pazienti con diabete di tipo 2 umani in un ciclo di 12 settimane randomizzato, controllato con placebo, i partecipanti obesi che sono entrati nello studio con la malattia deregolata hanno dimostrato una diminuzione significativa dei livelli di glicemia a digiuno rispetto ai controlli. Gli autori dicono che sono in via di sviluppo le firme genetiche per indagare i grandi archivi pubblici dei dati di espressione genica i quali potrebbero essere una valida strategia per identificare rapidamente i composti clinicamente rilevanti.

Studio pubblicato su Science Translational Medicine



Elogio della lenticchia

«Le lenticchie sono la vita.»

Proverbio indiano

tradizionalmente una zuppiera di lenticchie troneggia sulla tavola di Capodanno affinché l’anno sia prospero. Un’abitudine radicata nell’antica consuetudine di offrire una borsina piena di questi legumi, con l’augurio che ognuno di essi si trasformi in una moneta.

Il denaro non fa la felicità (o quasi), e perché mai allora includere le lenticchie tra i nostri «alimenti che rendono felici»? Innanzitutto perché racchiudono qualità nutritive eccezionali per la salute.

E poi perché, come tutti i legumi, le lenticchie sono un’ottima alternativa ai prodotti di origine animale per l’apporto di proteine, a patto di consumarle insieme a cereali.

E diventa necessario per la salute, ma anche per l’ambiente, ridurre il consumo di carne. Inoltre mangiare lenticchie fa bene all’agricoltura, in quanto sono un vero e proprio «concime verde», in grado di fertilizzare in modo naturale il terreno, e sono molto utilizzate per la rotazione delle colture.

Questo legume «vivo» (dato che lo si può far germogliare) racchiude un cocktail di nutrienti importanti. È infatti tra i legumi più ricchi di proteine, quindi l’alimento perfetto per i vegetariani.

Ma se la presenza di proteine è elevata, esattamente come per carne e pesce, gli amminoacidi essenziali sono rari. Per questo motivo i legumi vengono spesso associati a cereali ricchi di queste sostanze: il couscous con i ceci in Africa settentrionale, i fagioli rossi e il mais (o la quinoa) in America del Sud, le lenticchie e il riso in India.

Solo la soia contiene naturalmente le proteine e gli amminoacidi essenziali. Per bilanciarne l’apporto, alle lenticchie potete aggiungere noci o semi. Le lenticchie sono ricche di ferro, diventando così una validissima scelta per i vegetariani, ma anche per chi soffre di affaticamento dovuto all’anemia, sebbene il ferro dei vegetali venga assorbito dall’organismo in misura minore rispetto a quello di origine animale.

Che siano verdi, corallo, bionde o brune, le lenticchie sono sempre un tesoro di minerali: ferro (3,5 milligrammi per 100 grammi), magnesio (30-50 milligrammi per 100 grammi), potassio, rame, manganese, selenio, vitamine A, C (che scompaiono in cottura) e soprattutto vitamine B (B1, B3, B5, B6 e B9), eccellenti per il cervello. Tra l’altro, le lenticchie hanno un tasso record di fibre, che regolano il transito intestinale.

Sono inoltre eccellenti spezzafame, in quanto si imbevono di acqua nello stomaco, donando una sensazione di sazietà e riducendo l’appetito. Con un IG molto basso –circa 25 per le lenticchie e 80 per le patate –questo legume è l’alleato dei diabetici e delle persone in sovrappeso.



Smack Guard una HbA1c al bacio!

Un grande evento per me. 

Per me con 54 anni di vita con il diabete tipo 1.

Per me che dall’esordio nel 1963 (1 anno e otto mesi) sino al 1970 totalizzai 22 ricoveri ospedalieri per: 20 coma ipoglicemici, 2 DKA, edema cerebrale e crisi epilettiche.

Per me che i medici per 40 anni non riuscirono mai a venire a capo dello scompenso glicemico che divenne strutturale.

Per me che assommo tutte le complicanze associate al diabete (retinopatia, nefropatia, neuropatia solo per citare le più pop)-

Per me che ho avuto un ictus a 40 anni.

Per me che a 40 mi è stata diagnosticata l’artrite reumatoide.

Per me che non avvertendo più l’ipoglicemia otto anni fa decido di passare all’angelo custode alias microinfusore d’insulina ,con CGM che allerta e blocca l’erogazione del farmaco quando la glicemia precipita in basso – il Veo con Enlite Minimed Medtronic – e mi faccio otto anni di mazzo per imparare a usare al meglio la tecnologia, tra calcoli e mica calcoli e altri sortilegi di cui ben poco capisco, e comincio a veder migliorare la situazione.

A me che tre mesi essendosi rotta la pompa debbo passare al nuovo modello: il Minimed Medtronic 640g con il sistema Smart Guard, un algoritmo che predice molto ma molto bene la curva glicemica impedendo diverse volte sia la caduta ipoglicemica che la salita ipeglicemica.

A me che grazie all’apprendistato e alle funzioni offerte da questa potente tecnologia per la prima volta nella mia vita di diabetico tipo 1 vedo la HbA1c (emoglobina glicata) pari a 47 alias 6.5, con pochissime ipo e quasi nessuna iper!

Per la prima volta.

Nulla è impossibile si tratta di saper utilizzare al meglio le risorse disponibili.



Lo stress cellulare aumenta la probabilità di sviluppare malattie autoimmuni

laboratorio

Un team di ricercatori guidato da Marc Veldhoen presso l’Instituto de Medicina Molecular (IMM), Lisboa, ha trovato che lo stress cellulare, migliora l’attivazione delle cellule immunitarie implicate in molte condizioni infiammatorie croniche, aumentando il rischio di malattie autoimmuni.

Lo studio è pubblicato su Cell Reports.

Le cellule T, un tipo di globuli bianchi, possono essere sintonizzate in modalità di attivazione diverse, adattando così le risposte immunitarie per affrontare adeguatamente le infezioni. Tuttavia, alcune di queste modalità di attivazione contribuiscono particolarmente allo scaturire di malattie autoimmuni quali l’artrite, il diabete tipo 1 e la sclerosi multipla.

Il laboratorio di Veldhoen ha studiato le modalità di attivazione delle cellule T per molti anni, ed i ricercatori hanno osservato in precedenza che un particolare stato di attivazione, chiamato Th17, è molto più robusto di altri stati, il che li conduce a ipotizzare che queste cellule sono più resistenti alle condizioni avverse rispetto ad altre controparti di cellule T.

Controllando le condizioni esterne come la pressione osmotica, la concentrazione dello zucchero nel mezzo della coltura, e la pressione di ossigeno, il team ha scoperto che le cellule Th17 sono preferenzialmente generate in condizioni avverse rispetto alle ottimali. Inoltre, utilizzando modelli murini di autoimmunità, Veldhoen e colleghi hanno dimostrato che, se lo stress cella è stato inibito, un numero inferiore di cellule Th17 vengono generate, e gli animali riducono i sintomi della malattia.

C’è stata una crescente attenzione da parte sia delle aziende che del mondo accademico e farmaceutico negli ultimi anni sulle cellule Th17, dal momento che sono implicate in varie condizioni infiammatorie croniche. Infatti, gli studi che interferiscono con la biologia di queste cellule hanno mostrato risultati promettenti per le applicazioni terapeutiche nella psoriasi e l’artrite, per esempio.

Questi nuovi risultati offrono bersagli farmacologici aggiuntivi per ridurre lo stress cellulare nei siti di infiammazione riducendo la generazione di Th17 e conservazione delle altre risposte delle cellule T che possono contenere importanti implicazioni cliniche.



La ricerca suggerisce che l’olio di foca potrebbe aiutare le persone con diabete di tipo 1

Gli effetti degli omega-3 sulla neuropatia in diabete di tipo 1

Un gruppo di ricerca presso il Krembil Neuroscience Centre di Toronto ha pubblicato un documento in cui si evidenzia come l’olio di foca ha il potenziale per contribuire a promuovere la rigenerazione dei nervi nei pazienti con diabete di tipo 1.

Lo studio ha trovato che i pazienti i quali avevano ingerito un supplemento di omega-3 derivati da olio di foca due volte al giorno per un periodo di 12 mesi riportavano un aumento della lunghezza delle fibre nervose corneali. Il documento intitolato Gli effetti di omega-3 sulla neuropatia in diabete di tipo 1 è stato pubblicato nel giugno 2017 su Neurology , la rivista medica della American Academy of Neurology.

“Nulla di tutto questo è stata tentato negli esseri umani prima,” dice il Dott Evan Lewis, neurologo e uno degli autori dello studio. “I risultati di questo studio sono fanno un passo molto importante verso una terapia clinica per le persone con neuropatia diabetica.”

La neuropatia diabetica è una complicanza del diabete che provoca danni ai nervi. I sintomi variano da paziente a paziente, ma possono includere formicolio, intorpidimento, perdita di sensibilità, una sensazione di bruciore alle mani e ai piedi, dolore costante e difficoltà a camminare. Attualmente non ci sono terapie disponibili per i pazienti utili a fermare o invertire i suoi effetti.

“Questo studio è il primo a dimostrare che una integrazione nutrizionale mirata può fermare e invertire i danni sulla piccola,” dice il Dott Vera Bril, capo della divisione di Neurologia presso il Dipartimento di Medicina e direttore medico del Ellen Prosserman Centro per le Malattie Neuromuscolari alla UHN.

Lo studio ha coinvolto 40 pazienti, principalmente sulla lunghezza delle fibre nervose corneali. Situata nella parte anteriore dell’occhio, la cornea ha la più alta densità di nervi del corpo. Danni a questi nervi, o perdita della lunghezza delle fibre nervose corneali, è considerato un biomarker per la progressione del diabete di tipo 1 in senso di criticità dello stato patologico. Lo studio non ha misurato il recupero della vista.

I ricercatori hanno studiato gli effetti dell’olio di foca – supplemento omega-3 – sulla struttura nervosa e hanno trovato che i pazienti in media sperimentavano un aumento del 29 per cento della lunghezza delle fibre nervose corneale, che è considerata rappresentativa della rigenerazione delle piccole fibre nervose in altre parti del corpo.

“Questi risultati suggeriscono che l’uso di questo supplemento può avere il potenziale per un effetto rigenerativo”, spiega Lewis. “Il nostro obiettivo era quello di raccogliere dati sufficienti per alimentare un trial clinico randomizzato e crediamo che questo studio pone le basi perché ciò accada.”

Il prossimo passo per il team di ricerca sarà quello di condurre una fase tre del trial randomizzato controllato che coinvolga un gruppo più ampio di partecipanti.

Il finanziamento per questo studio sono stati forniti dal Diabetes Canada e Banting – Best Diabetes Center.



Pag 3 of 43312345...102030...Ultima »

Diabete

Il diabete tipo 1 sul groppone da un giorno o 54 anni? Non perdere la fiducia e guarda avanti perché la vita è molto di più, e noi siamo forti! Non sono un medico. Non sono un educatore sanitario del diabete. Non ho la laurea in medicina. Nulla in questo sito si qualifica come consulenza medica. Questa è la mia vita, il diabete - se siete interessati a fare modifiche terapeutiche o altro al vostra patologia, si prega di consultare il medico curante di base e lo specialista in diabetologia. La e-mail, i dati personali non saranno condivisi senza il vostro consenso e il vostro indirizzo email non sarà venduto a qualsiasi azienda o ente. Sei al sicuro qui a IMD. Roberto Lambertini (fondatore del blog dal 3/11/2007)

Newsletter

Informazione

Avete un evento, manifestazione (sportiva e non), convegno sul diabete o legato ad esso? Se la risposta è sì fatemelo sapere attraverso l'invio dei dati e iinformazioni scrivendole nel form presente all'interno della pagina Scrivimi del blog. Le iniziative predette saranno publicizzate all'interno di questo spazio gratuitamente e immediatamente. Grazie per il vostro interesse Roberto Lambertini

Eventi

  • Nessun evento

Sommario post

Categorie post

IMD è mobile

Il Mio Diabete social

Il mio diabete

Promuovi anche tu la tua Pagina

Instagram

Google+





Visualizza il profilo LinkedIn di Roberto Lambertini Visualizza il profilo di Roberto Lambertini

Blogosfera

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog


2016 Image Banner 120 x 600