E.C.H.O. chiede uno sforzo coordinato da parte dei paesi membri dell’UE per favorire l’immigrazione nell’assistenza a lungo termine.

Averardo Orta, Presidente di E.C.H.O

Ogni cittadina e ogni cittadino dell’Unione Europea ha il diritto a un adeguato supporto sanitario. Gli Stati membri dell’UE sono obbligati a garantire finalmente l’assistenza in caso di bisogno di cure.” Afferma il presidente dell’European Confederation of Care Home Organisations (E.C.H.O.)Averardo Orta, a Bruxelles.


In molti paesi europei, attualmente mancano il personale necessario e un finanziamento sicuro per le offerte di assistenza sanitaria“, critica Orta, che chiede uno sforzo coordinato da parte dei paesi membri. “In tutto il mondo, le società che invecchiano stanno cercando personale sanitario. Gli Stati membri dell’UE devono unire e coordinare i loro sforzi per attirare il maggior numero possibile di operatori sanitari per l’assistenza a lungo termine.
Orta fa riferimento alle esperienze della fase di crescita industriale di molti paesi dopo la Seconda Guerra Mondiale. “All’epoca, i lavoratori industriali venivano reclutati direttamente nei paesi di origine e potevano iniziare immediatamente il loro impiego.” Questo modello dovrebbe essere ripreso con centri di reclutamento one-stop, in cui le questioni relative ai visti e le competenze linguistiche possono essere affrontate direttamente e viene preparato un rapido riconoscimento professionale.


Attualmente, E.C.H.O. sta avviando discussioni concrete con le istituzioni europee al riguardo.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve