Terapie

Diabete, HbA1c legato a esiti avversi dopo intervento chirurgico

Per pazienti ospedalizzati di età ? 54 anni, il diabete e l’aumento di emoglobina A1c (HbA1c) sono associati ad un aumentato rischio di esiti avversi, secondo uno studio pubblicato online il 26 marzo su Diabetes Care.

Priscilla H. Yong, dell’Università di Melbourne in Australia, e colleghi hanno condotto uno studio prospettico osservazionale per esaminare la correlazione del diabete con gli esiti postoperatori. HbA1c di pazienti ospedalizzati di età ?54 anni è stata misurata in uno studio osservazionale prospettico. Il 30% dei 7.565 pazienti ricoverati aveva il diabete e il 37% aveva un prediabete.

I ricercatori hanno scoperto che il diabete era associato ad un aumento della mortalità a sei mesi (odds ratio aggiustato [aOR], 1.29), complicanze maggiori (aOR, 1.32), ammissione alla terapia intensiva (AOR, 1.50), ventilazione meccanica (aOR, 1,67) e durata della degenza ospedaliera (rapporto di frequenza di incidenza aggiustato [aIRR], 1,08), dopo aggiustamento per età, indice di comorbilità di Charlson, velocità di filtrazione glomerulare stimata e durata dell’intervento chirurgico. Per ogni aumento percentuale di HbA1c si è verificato un aumento delle complicanze maggiori (aOR, 1.07), ammissione all’ICU (aOR, 1.14) e durata del ricovero ospedaliero (aIRR, 1.05). Il rischio di mortalità a sei mesi è stato confermato più alto con il diabete in combinazione con altri fattori di rischio nella classificazione e nell’analisi dell’albero di regressione.

“Il diabete e l’HbA1c superiore erano associati indipendentemente con un più alto rischio di esiti avversi dopo l’intervento chirurgico”, scrivono gli autori.

Categorie:Terapie

Con tag:,,