Mangiare e bere

Gli avocado possono aiutare a gestire l’obesità, prevenire il diabete tipo 2

spagnuolo-768x529

Professor Paul Spagnuolo

Il tuo guacamole potrebbe essere la chiave per gestire l’obesità e aiutare a ritardare o prevenire il diabete, secondo un nuovo studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università di Guelph.

Per la prima volta, i ricercatori guidati dal Prof. Paul Spagnuolo hanno dimostrato come un composto presente solo negli avocado possa inibire i processi cellulari che normalmente portano al diabete. Nei test di sicurezza sull’uomo, il team ha anche scoperto che la sostanza è stata assorbita nel sangue senza effetti avversi a livello renale, epatico o muscolare.

Pubblicità e progresso

Lo studio è stato recentemente pubblicato sulla rivista Molecular Nutrition and Food Research.

Circa un canadese su quattro è obeso, una condizione cronica che è una delle principali cause del diabete di tipo 2. La resistenza all’insulina nei pazienti diabetici significa che i loro corpi non sono in grado di rimuovere correttamente il glucosio dal sangue.

Queste complicazioni possono insorgere quando i mitocondri, o le centrali energetiche nelle cellule del corpo, non sono in grado di bruciare completamente gli acidi grassi.

Normalmente, l’ossidazione degli acidi grassi consente al corpo di bruciare i grassi. L’obesità o il diabete ostacolano tale processo, portando a un’ossidazione incompleta.

I ricercatori di U of G hanno scoperto che l’avocatina B (AvoB), una molecola grassa presente solo negli avocado, contrasta l’ossidazione incompleta nel muscolo scheletrico e nel pancreas per ridurre la resistenza all’insulina.

Nel loro studio, il team ha alimentato topi ricchi di grassi per otto settimane per indurre obesità e resistenza all’insulina. Per le successive cinque settimane, hanno aggiunto AvoB alle diete ricche di grassi di metà dei topi.

I topi trattati pesavano significativamente meno di quelli del gruppo di controllo, mostrando un aumento di peso più lento. Ancora più importante, ha affermato Spagnuolo, i topi trattati hanno mostrato una maggiore sensibilità all’insulina, il che significa che i loro corpi sono stati in grado di assorbire e bruciare la glicemia e migliorare la loro risposta all’insulina.

In uno studio clinico sull’uomo, AvoB somministrato come integratore alimentare ai partecipanti che hanno seguito una tipica dieta occidentale è stato assorbito in modo sicuro nel sangue senza influire sui reni, sul fegato o sui muscoli scheletrici. Il team ha visto anche riduzioni di peso in soggetti umani, sebbene Spagnuolo abbia affermato che il risultato non era statisticamente significativo.

Avendo dimostrato la sua sicurezza nell’uomo, hanno in programma di condurre studi clinici per testare l’efficacia di AvoB nel trattamento dei disturbi metabolici nelle persone.

Spagnuolo ha affermato che la sperimentazione sulla sicurezza ha aiutato il team a determinare la quantità di AvoB da includere nella formulazione del supplemento.

Dopo aver ricevuto l’approvazione di Health Canada per il composto come integratore umano, inizierà a venderlo sotto forma di polvere e pillola già dal 2020 tramite SP Nutraceuticals Inc., una società di prodotti per la salute naturale con sede a Burlington, Ontario.

Ha detto che mangiare da soli gli avocado sarebbe probabilmente inefficace, poiché la quantità di avocatina naturale B varia ampiamente nel frutto e non capiamo ancora esattamente come viene digerito e assorbito quando consumiamo un intero avocado.

Sebbene gli avocado siano stati pubblicizzati come un alimento dimagrante, Spagnuolo ha affermato che sono necessari ulteriori studi. Ha detto che una dieta sana ed esercizio fisico sono raccomandati per prevenire disturbi metabolici che portano all’obesità o al diabete.

Il dottorando Nawaz Ahmed, autore principale dell’articolo, ha dichiarato: “Sosteniamo un’alimentazione sana e l’esercizio fisico come soluzioni al problema, ma questo è difficile per alcune persone. Lo sappiamo da decenni e l’obesità e il diabete restano un significativo problema per la salute umana a livellomondiale.”

In un precedente lavoro finanziato dall’Ontario Institute for Cancer Research, Spagnuolo ha studiato il potenziale uso di avocatina B per il trattamento della leucemia mieloide acuta.

Categorie:Mangiare e bere

Con tag: