Batticuore

Livelli elevati di lipoproteine (a) nel diabete di tipo 1 legati a malattie cardiovascolari

Gli alti livelli ematici della lipoproteina lipidica (a) nelle persone con diabete di tipo 1 aumentano il rischio già elevato di sviluppare malattie cardiovascolari, riportano i ricercatori del Karolinska Institutet in Svezia in un articolo pubblicato sulla prestigiosa rivista Diabetes Care. I livelli di lipoproteina (a) dovrebbero quindi essere misurati nei pazienti con diabete di tipo 1 e far parte della valutazione del rischio totale, affermano i ricercatori.

“Attualmente non esiste un trattamento facilmente disponibile per livelli elevati di lipoproteine ??(a), ma il trattamento di tutti gli altri fattori di rischio per le malattie cardiovascolari dovrebbe essere ottimizzato per i pazienti con diabete di tipo 1 e livelli elevati di lipoproteine ??(a)”, afferma la responsabile dello studio Karin Littmann, dottoranda presso il Dipartimento di Medicina di Laboratorio del Karolinska Institutet.

Dottoressa Karin Littmann

Come conseguenza della loro malattia, i pazienti con diabete di tipo 1 corrono un rischio maggiore di sviluppare malattie cardiovascolari. Il diabete e gli alti livelli di zucchero nel sangue possono eventualmente causare perdite di proteine ??nelle urine, riduzione della funzionalità renale, alterazione della circolazione e danni alla retina, con conseguente alterazione della vista.

La lipoproteina (a) è un tipo di grasso nel sangue, i cui livelli sono determinati principalmente da fattori ereditari piuttosto che dalla dieta o dallo stile di vita, come altri lipidi nel sangue. Ricerche in precedenza  hanno dimostrato che alti livelli di lipoproteine ??(a) comportano un rischio maggiore di malattie cardiovascolari, come infarto del miocardio, ictus e malattia della valvola aortica calcificata. Tuttavia, non è completamente noto come la lipoproteina (a) influenzi il rischio di malattie cardiovascolari e relative complicanze nei pazienti con diabete di tipo 1. Non è inoltre noto se esiste un legame tra i livelli di lipoproteine ??(a) e alti livelli di zucchero nel sangue in questo gruppo di pazienti.

Per il presente studio, i ricercatori hanno esaminato 1.860 pazienti con diabete di tipo 1 e raccolto dati dalle cartelle cliniche dell’ospedale universitario Karolinska sui livelli di lipoproteina (a) e glicemia e sull’incidenza di malattie cardiovascolari e relative complicanze.

I pazienti con diabete di tipo 1 e alti livelli di lipoproteine ??(a) avevano un rischio maggiore del 50% di sviluppare una qualche forma di malattia cardiovascolare, un rischio del 70% più alto di malattia coronarica e un rischio del 100% più alto di malattia della valvola aortica calcificata, rispetto ai pazienti con diabete di tipo 1 e bassi livelli di lipoproteine ??(a). Avevano anche un rischio maggiore del 70% di perdite di proteine ??nelle urine, il che è un segno di ridotta funzionalità renale. I pazienti con valori elevati di glucosio nel sangue (HbA1c) presentavano livelli più elevati di lipoproteine ??(a) rispetto ai pazienti con valori bassi di glucosio nel sangue.

“La nostra conclusione è che alti livelli di lipoproteine ??(a) nei pazienti con diabete di tipo 1 aumentano il rischio già elevato di sviluppare malattie cardiovascolari”, afferma la dottoressa Littmann. “I livelli di questi lipidi nel sangue dovrebbero quindi essere misurati e far parte della valutazione del rischio totale.”

###

Lo studio è stato finanziato dalla Swedish Heart-Lung Foundation, dal Swedish Research Council e dal Karolinska Institutet, e da una borsa di studio avviata dai ricercatori dalla società farmaceutica Sanofi. Sanofi non ha partecipato alla progettazione dello studio, alla raccolta e all’analisi dei dati, alla stesura del manoscritto o alla decisione di presentare il manoscritto per la pubblicazione.

Pubblicazione: “L’associazione dei livelli plasmatici di lipoproteine ??(a) con prevalenza di malattie cardiovascolari e stato del controllo metabolico in pazienti con diabete mellito di tipo 1”. Karin Littmann, Tigist Wodaje, Michael Alvarsson, Matteo Bottai, Mats Eriksson, Paolo Parini, Jonas Brinck. Diabetes Care , online il 18 dicembre 2019, doi: 10.2337 / DC19-1398.