Ricerca

La proteina della longevità SIRT6 protegge anche dal fegato grasso e dalle malattie connesse

SIRT6 regola molti processi biologici come l’invecchiamento, l’obesità, l’insulino-resistenza, l’infiammazione e il metabolismo. In un nuovo studio i ricercatori dell’Università Bar-Ilan rivelano che la proteina svolge anche un ruolo cruciale nel bruciare e regolare il grasso del fegato.

Fegato grasso o steatosi epatica, che si sviluppa quando il corpo produce troppo grasso o non metabolizza il grasso in modo abbastanza efficiente, colpisce circa il 25% della popolazione mondiale. Il grasso in eccesso viene immagazzinato nelle cellule del fegato, dove si accumula e può causare fegato grasso e altre malattie.

Pubblicità e progresso

In uno studio appena pubblicato sulla rivista Cell Reports, i ricercatori rivelano per la prima volta che SIRT6, una proteina coinvolta nella regolazione di molti processi biologici come l’invecchiamento, l’obesità, l’insulino-resistenza, l’infiammazione e il metabolismo, svolge un ruolo cruciale nel bruciare e regolare metabolismo dei grassi del fegato.

SIRT6 regola il metabolismo dei grassi attivando un’altra proteina chiamata alfa recettore attivato dal proliferatore del perossisoma (PPAR-alfa). Questa proteina favorisce la combustione dei grassi nel fegato. “SIRT6 è come un giocoliere che bilancia e coordina i processi metabolici nel corpo”, afferma l’autore principale dello studio, il prof. Haim Cohen, della Mina dell’Università di Bar-Ilan e la Facoltà di scienze della vita di Everard Goodman. “Collaborando con PPAR-alfa, SIRT6 può effettivamente inviare un messaggio al corpo per bruciare più grasso. Questa cooperazione è un modo in cui SIRT6 protegge dal fegato grasso e dalle malattie del fegato grasso, nonché dai danni legati all’obesità.”

Precedenti ricerche di Cohen e colleghi hanno rivelato che un aumento del SIRT6 estende la durata della vita. Per testare come la proteina potrebbe anche prolungare la durata della vita sana, i ricercatori in questo studio hanno aumentato i livelli regolari di SIRT6 per contrastare la diminuzione di SIRT6 riscontrata in una dieta ricca di grassi e malattie del fegato grasso. Utilizzando uno strumento computazionale sviluppato con il Prof. Ziv Bar Joseph della Carnegie Mellon University, hanno esaminato diversi stati metabolici, come il digiuno e la dieta regolare, e scoperto che una maggiore espressione di SIRT6 porta alla combustione di più grassi, in particolare nel fegato .

“Non solo SIRT6 funziona con PPAR-alfa per innescare il corpo per bruciare più grassi e coordinare il metabolismo dei grassi nel fegato, ma può anche regolare altre vie metaboliche correlate ai grassi nel fegato come il colesterolo e il metabolismo dei trigliceridi”, afferma Shoshana Naiman, un dottorando presso la Mina dell’Università di Bar-Ilan e la Facoltà di scienze della vita di Everard Goodman, che è coautore dello studio.

###

Il team ora tenterà di identificare approcci terapeutici che possono colpire e attivare SIRT6.

Questa ricerca è stata supportata da sovvenzioni della Israel Science Foundation, della US-Israel Binational Science Foundation e del Sagol Healthy Longevity Center dell’Università di Bar-Ilan.

Categorie:Ricerca

Con tag:,