Vista e dintorni

Gli obiettivi per la perdita della vista evitabile ‘non sono raggiunti’

office, building, window

Photo by wal_172619 on Pixabay

Secondo un nuovo studio pubblicato il 1 dicembre su The Lancet Global Health, i servizi sanitari pubblici di tutto il mondo non riescono a raggiungere gli obiettivi di riduzione della perdita della vista evitabile .

Lo studio ha esaminato tutte le indagini basate sulla popolazione delle malattie degli occhi in tutto il mondo dal 1980, i risultati sono stati confrontati con il Piano d’azione globale dell’Assemblea mondiale della sanità, che mirava a ridurre la perdita della vista evitabile del 25% nell’ultimo decennio.

Il numero complessivo di persone sia cieche che ipovedenti è aumentato. Se si tiene conto dell’invecchiamento della popolazione, c’è stata una diminuzione del 15,4% della cecità evitabile dal 2010, ma non c’è stata una diminuzione significativa della perdita della vista moderata o grave.

I ricercatori hanno scoperto che la principale causa di cecità è la cataratta, che rappresenta 15 milioni di persone, circa il 45% dei 33,6 milioni di casi di cecità globale. Inoltre causa gravi problemi alla vista in 78 milioni di persone ed è curabile chirurgicamente.

L’errore di rifrazione non corretto, una condizione facilmente curabile con gli occhiali, è il maggior contributore alla visione a distanza moderata o gravemente compromessa, che si stima colpisca 86 milioni di persone in tutto il mondo. Si stima che oltre 500 milioni di persone vivano con una presbiopia non corretta, che può essere facilmente corretta con gli occhiali da lettura.

Cause significative ma meno facilmente curabili di perdita della vista includono il glaucoma, la principale causa di perdita della vista nei paesi ad alto reddito; retinopatia diabetica; e degenerazione maculare senile.

Lo studio ha anche notato un aumento della perdita della vista a causa della retinopatia diabetica, che è di particolare preoccupazione nei gruppi di età più giovani ed economicamente attivi. Ciò può essere evitato mediante una diagnosi precoce e un intervento tempestivo.

L’autore principale Rupert Bourne, professore di oftalmologia presso l’Anglia Ruskin University (ARU), ha dichiarato: “È chiaro dai risultati di questo studio che gli sforzi dei servizi di assistenza oculistica in tutto il mondo non sono riusciti a tenere il passo con l’invecchiamento e la crescita delle popolazioni, e non sono riusciti a raggiungere gli obiettivi fissati dall’Assemblea Mondiale della Sanità. Mentre la prevalenza della cecità è diminuita, il numero di casi è effettivamente aumentato.

“Se continua così, le infrastrutture sanitarie continueranno a scricchiolare e non riusciranno a raggiungere le persone che necessitano di soluzioni relativamente semplici per la loro perdita della vista. È probabile che l’effetto di COVID-19 aggraverà questo problema, con la ricerca che ha già mostrato ritardi e un arretrato crescente delle persone che necessitano di cure oculistiche.

“È assolutamente vitale che tutte le nazioni abbiano una solida strategia di salute pubblica per affrontare la perdita della vista evitabile, che costa ai servizi sanitari miliardi di sterline ogni anno”.

Un secondo rapporto, pubblicato anch’esso dallo stesso gruppo oggi su Lancet Global Health, avverte che la cecità globale e i gravi problemi di vista sono destinati a raddoppiare entro il 2050.

Serge Resnikoff, professore presso l’Università del New South Wales e autore senior, ha dichiarato: “Entro il 2050, si prevede che la perdita della vista colpirà 1,7 miliardi di persone a causa della crescita della popolazione e dell’invecchiamento, soprattutto nei paesi a basso e medio reddito. Sono urgentemente necessari ulteriori investimenti e azioni concertate per invertire questa tendenza e fornire servizi di qualità a tutti, comprese le popolazioni vulnerabili e attualmente trascurate “.

Theo Vos, Professore di Scienze Metriche Sanitarie presso l’Institute for Health Metrics and Evaluation (IHME) di Seattle, ha dichiarato: “La cecità e la perdita della vista si collocano all’ottavo posto tra tutte le cause di disabilità nei 50-69 anni e al quarto tra quelli di età superiore a 70. La capacità di prevenire o curare la cecità e la perdita della vista è maggiore delle principali cause di disabilità in questi gruppi di età come la lombalgia, l’ipoacusia legata all’età e il diabete “.

Il Professor Bourne, dell’Anglia Ruskin University (ARU) guida il Vision Loss Expert Group, che informa il più ampio progetto Global Burden of Disease, co-gestito dal Professor Vos.

Entrambi gli studi sono stati finanziati da Brien Holden Vision Institute, Fondation Théa, The Fred Hollows Foundation, Bill & Melinda Gates Foundation, Lions Clubs International Foundation, Sightsavers International e l’Università di Heidelberg.

Categorie:Vista e dintorni

Con tag:,