Assistenza sociosanitaria

Valutare i determinanti sociali della salute dei pazienti può aiutare i medici a prevenire attacchi di cuore fatali

Secondo un nuovo studio condotto dai ricercatori di Weill Cornell Medicine e NewYork-Presbyterian, i medici potrebbero essere in grado di prevedere i rischi di malattia coronarica fatale dei loro pazienti in modo più accurato tenendo conto del numero di fattori sociali avversi che li colpiscono.

I ricercatori, i cui risultati appaiono il 3 dicembre su Circulation, hanno analizzato i dati dello studio Reasons for Geographic and Racial Differences in Stroke (REGARDS) che ha monitorato gli esiti di salute cardiovascolare in oltre 20.000 persone per un decennio. La nuova analisi ha mostrato come i partecipanti che avevano determinanti sociali di salute più avversi, quali un basso livello di reddito e il di istruzione, riportavano una probabilità significativamente maggiore di morire di malattia coronarica, per lo più attacchi di cuore, durante lo studio. Ad esempio, le persone con tre o più determinanti sociali della salute, su un elenco di sette, avevano circa il 67% in più di probabilità di avere un attacco cardiaco fatale, anche tenendo conto delle differenze di età e di altri fattori di salute.

Pubblicità e progresso

I ricercatori suggeriscono che i medici considerino l’utilizzo di semplici conteggi di questi fattori per stimare meglio i rischi per la salute dei loro pazienti e fornire un trattamento più aggressivo, ove applicabile.

I medici tendono a considerare i determinanti sociali della salute come una parte periferica della gestione dell’assistenza clinica, ma pensiamo che dovrebbe svolgere un ruolo molto più centrale“, ha affermato l’autore principale, la dott.ssa Monika Safford, John J. Kuiper Professore di Medicina presso Weill Cornell Medicine e capo della divisione di medicina interna generale presso la Weill Cornell Medicine e il NewYork-Presbyterian / Weill Cornell Medical Center.

I determinanti sociali della salute sono rimasti ai margini della medicina, nonostante il loro potenziale per migliorare la valutazione del rischio del paziente, in gran parte perché nessuno ha dimostrato un modo semplice per usarli nella pratica clinica quotidiana.

“I medici tendono ad essere persone molto impegnate – è improbabile che adottino uno strumento complesso per la valutazione del rischio”, ha detto il dottor Safford. “Il nostro approccio quindi è stato quello di mantenerlo semplice”.

L’analisi ha riguardato più di 22.000 persone, che inizialmente non avevano diagnosticato una malattia coronarica, nello studio REGARDS di lunga durata, di cui il Dr. Safford è stato un ricercatore principale. Lo studio incentrato sull’ictus ha incluso studi accessori sugli attacchi di cuore e sui relativi risultati sulla salute.

La Safford ei suoi colleghi hanno identificato un elenco di nove determinanti sociali della salute che la ricerca precedente ha collegato individualmente a maggiori rischi di attacchi di cuore, ictus e risultati correlati. Hanno scoperto che circa la metà (48,8%) di quelli nel gruppo di studio aveva due o più di questi fattori sociali avversi e che avere più di loro generalmente prediceva esiti peggiori di malattia coronarica durante il periodo di studio. I partecipanti con tre o più determinanti sociali avevano, ad esempio, circa tre volte più probabilità di soffrire di malattia coronarica fatale, rispetto a quelli con nessuno di questi fattori.

Questi risultati iniziali hanno suggerito che un conteggio dei determinanti sociali della salute potrebbe essere una fonte di informazioni rapida e semplice per i medici sui rischi di malattia coronarica dei loro pazienti, anche se è solo predittivo perché i fattori sono collegati a fattori di rischio cardiovascolare noti come ipertensione e obesità. Tuttavia, un’ulteriore analisi ha suggerito che un conteggio elevato contiene anche un segnale indipendente di rischio di malattia coronarica fatale.

I ricercatori hanno ristretto la loro lista dei determinanti sociali della salute ai sette che erano più fortemente legati alla malattia coronarica fatale: razza nera, bassa istruzione, basso reddito, che vive in un codice postale ad alta povertà, residenza in uno degli stati degli Stati Uniti con il meno infrastrutture sanitarie pubbliche, non aver visto amici / familiari stretti nell’ultimo mese e mancanza di assicurazione sanitaria. Hanno quindi aggiustato i dati sui risultati in base alle differenze nei fattori di salute, come un maggior carico di malattie croniche nel gruppo ad alto determinante sociale. Hanno comunque scoperto che le persone con tre o più determinanti sociali avevano un rischio maggiore del 67% di malattia coronarica fatale .

Un’analisi simile ha rilevato che le persone con due o più determinanti sociali avevano un rischio maggiore del 14% di infarto non fatale, sebbene tale associazione non fosse statisticamente significativa.

Notare l’elevato numero di determinanti sociali della salute di un paziente potrebbe consentire a un cardiologo o medico generico non solo di anticipare una maggiore possibilità di esiti negativi, ma anche di mitigare tale rischio aggiuntivo con un trattamento più intensivo, ha detto il dottor Safford.

“Il nostro gruppo ha anche condotto studi sui determinanti sociali della salute e sui rischi di ictus, diabete e insufficienza cardiaca, e abbiamo avuto risultati simili in ogni caso, quindi potremmo essere vicini al punto in cui contare i determinanti sociali della salute è generalmente adottato nella pratica clinica “, ha detto.