Mangiare e bere

Alimenti associati a un aumentato rischio di malattie cardiovascolari e morte nella mezza età

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista ad accesso libero BMC Medicine, due modelli dietetici comuni identificati negli adulti britannici, che includono elevate assunzioni di cioccolato e dolciumi, possono essere associati a un aumentato rischio di malattie cardiovascolari e morte nella mezza età .

Carmen Piernas, l’autore corrispondente, ha dichiarato: “Le malattie cardiovascolari sono una delle principali cause di morte e disabilità nel Regno Unito e una dieta povera è un importante contributo a questo. Le linee guida dietetiche più comuni si basano sui nutrienti presenti negli alimenti piuttosto che negli alimenti. e questo può creare confusione per il pubblico. I nostri risultati aiutano a identificare cibi e bevande specifici che vengono comunemente consumati in Gran Bretagna e che possono aumentare il rischio di malattie cardiovascolari e mortalità “.

Pubblicità e progresso

I ricercatori dell’Università di Oxford, nel Regno Unito, hanno identificato due diete associate a un aumentato rischio di malattie cardiovascolari e morte nella mezza età in Gran Bretagna. Il primo era ricco di cioccolato, dolciumi, burro e pane bianco e povero di frutta e verdura fresca . Il secondo era ad alto contenuto di bevande zuccherate, succhi di frutta, cioccolato, dolciumi, zucchero da tavola e conserve e basso contenuto di burro e formaggio ad alto contenuto di grassi.

I ricercatori hanno scoperto che coloro la cui dieta includeva quantità maggiori di cioccolato, dolciumi, burro e pane bianco , avevano maggiori probabilità di essere maschi, più giovani, in condizioni di deprivazione economica, fumatori attuali, meno attivi fisicamente, che convivevano con l’obesità o soffrivano di ipertensione rispetto a la dieta non includeva quantità elevate di questi alimenti. In questo gruppo, gli individui che avevano meno di 60 anni o che vivevano con sovrappeso o obesità avevano un rischio più elevato di malattie cardiovascolari rispetto agli individui che avevano più di 60 anni o che non convivono con sovrappeso o obesità.

Coloro la cui dieta era ricca di bevande zuccherate, succhi di frutta e conserve avevano un aumentato rischio di malattie cardiovascolari e mortalità, anche se tendevano anche ad essere fisicamente attivi e meno probabilità di essere fumatori o convivere con obesità, ipertensione , diabete o colesterolo alto, rispetto a coloro che non hanno mangiato questa dieta. Le donne, gli individui di età inferiore ai 60 anni o che convivevano con l’obesità in particolare, avevano un rischio maggiore di malattie cardiovascolari, se consumavano una dieta ricca di questi alimenti.

Per esaminare gli effetti della dieta sul rischio di malattie cardiovascolari e mortalità, gli autori hanno analizzato i dati raccolti da 116.806 adulti provenienti da Inghilterra, Scozia e Galles che sono stati reclutati nella Biobanca del Regno Unito tra il 2006 e il 2010. I partecipanti avevano un’età compresa tra 37 e 73 anni. , con un’età media di 56 anni. I partecipanti hanno segnalato il cibo che hanno mangiato durante le 24 ore precedenti tra due e cinque occasioni. I ricercatori hanno quindi identificato i nutrienti e i gruppi di alimenti mangiati dai partecipanti. L’incidenza di malattie cardiovascolari e mortalità è stata calcolata utilizzando i registri dei ricoveri ospedalieri e dei decessi fino al 2017 e al 2020, rispettivamente.

Gli autori avvertono che la natura osservativa dello studio non consente di trarre conclusioni su una relazione causale tra dieta , malattie cardiovascolari e mortalità. Inoltre, poiché i dati dietetici sono stati presi da valutazioni individuali di 24 ore piuttosto che un periodo di tempo continuo, potrebbe non essere rappresentativo delle diete per tutta la vita dei partecipanti. La ricerca futura potrebbe indagare le potenziali ragioni delle associazioni tra le due diete esaminate in questo studio e le malattie cardiovascolari e la mortalità .

Carmen Piernas ha dichiarato: “La nostra ricerca suggerisce che mangiare meno cioccolato, dolciumi, burro, pane a basso contenuto di fibre, bevande zuccherate, succhi di frutta , zucchero da tavola e conserve potrebbe essere associato a un minor rischio di malattie cardiovascolari o morte durante la mezza età. . Ciò è coerente con la ricerca precedente che ha suggerito che mangiare cibi che contengono meno zuccheri e meno calorie può essere associato a un minor rischio di malattie cardiovascolari. I risultati di questo studio potrebbero essere utilizzati per creare consigli dietetici basati sul cibo che potrebbero aiutare le persone mangiare in modo più sano e ridurre il rischio di malattie cardiovascolari “.


Maggiori informazioni: Associazioni tra modelli dietetici e incidenza di malattie cardiovascolari totali e fatali e mortalità per tutte le cause in 116.806 individui della Biobanca del Regno Unito: uno studio prospettico di coorte, BMC Medicine (2021). DOI: 10.1186 / s12916-021-01958-x

Categorie:Mangiare e bere

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.