Vista e dintorni

“Lenti a contatto intelligenti” per rilevare le infezioni agli occhi

È in fase di sviluppo una pionieristica lente a contatto intelligente per testare le infezioni oculari in modo rapido e non invasivo.

Si spera che il test possa finalmente essere disponibile per l’uso a casa ed è stato salutato come il prossimo grande passo avanti nella lotta globale contro la cecità prevenibile. Potrebbe persino prevenire le morti causate da infezioni fungine agli occhi nei paesi in via di sviluppo.

La lente è stata realizzata grazie alla ricerca condotta da un team internazionale di scienziati dell’Università di Sheffield, dell’Università di Bradford e del LV Prasad Eye Institute in India.

Attualmente, rilevare quali batteri o funghi sono presenti in un’infezione oculare è un processo invasivo in cui viene prelevato un raschiamento dell’occhio del paziente sotto anestesia. Il campione viene quindi coltivato per due giorni prima di essere studiato al microscopio.

Il nuovo test coinvolgerebbe il paziente indossando la lente speciale per un’ora, con i risultati determinati subito dopo. Si spera che il test possa finalmente essere disponibile al grande pubblico, sia nel Regno Unito che a livello internazionale.

Il dott. Joey Shepherd, docente senior di microbiologia presso la School of Clinical Dentistry dell’Università di Sheffield, ha dichiarato: “Questo è un lavoro vitale che potrebbe salvare la vista di molte persone in tutto il mondo, diagnosticando rapidamente e accuratamente l’infezione in un modo molto più confortevole rispetto è attualmente utilizzato.

“Ridurrà anche la prescrizione errata di antibiotici, il che significa che aiuteremo nella lotta per ridurre la resistenza agli antibiotici che si sviluppano nei microbi quando questi medicinali vengono utilizzati senza identificare correttamente la causa”.

I test iniziali in laboratorio hanno dato risultati positivi e le sperimentazioni sull’uomo verranno effettuate una volta ottenuti ulteriori finanziamenti.

Il test potrebbe essere vitale nei paesi tropicali in via di sviluppo, dove le infezioni vengono spesso rilevate troppo tardi per salvare l’occhio di una persona.

Il professore di chimica dell’Università di Bradford, Stephen Rimmer, ha dichiarato: “Abbiamo prodotto un idrogel intelligente in grado di rilevare due tipi di batteri e funghi. Questo dispositivo è realizzato con materiali simili a quelli utilizzati per realizzare le lenti a contatto , che verrebbero applicati in modo sicuro a l’occhio. I microrganismi si attaccano al materiale e possono quindi essere analizzati.”

Ha aggiunto: “Il metodo attuale non è una buona procedura e richiede tempo. Stiamo lavorando su come produrre un cambiamento di colore visibile sull’obiettivo per mostrare quali batteri o funghi sono presenti. Questo potrebbe quindi essere fotografato con un telefono cellulare e caricato su un sito Web affinché un esperto lo analizzi. L’esperto potrebbe quindi determinare se il paziente ha bisogno di antibiotici o se richiede ulteriori indagini. Il nostro obiettivo è che qualcuno per strada possa farlo senza alcuna formazione “.

Un rapporto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità del mese scorso ha rivelato che le malattie fungine invasive sono in aumento a livello globale, in particolare tra quelle con problemi di salute sottostanti o un sistema immunitario indebolito, ma c’è pochissima ricerca su di esse. Ha anche riportato un legame associato con la pandemia di COVID-19 e l’aumento delle infezioni fungine: aspergillosi, mucormicosi e candidemia, nonché prove che l’incidenza e la portata geografica delle infezioni fungine si stanno espandendo a livello globale a causa del cambiamento climatico.

In India, c’è stato un aumento dei decessi per mucormicosi, o “fungo nero”. Particolarmente a rischio sono i diabetici e coloro che sono stati trattati per COVID-19 con steroidi, con ricerche che mostrano un tasso di mortalità di quasi il 50% in quei pazienti. I medici ritengono che gli steroidi abbassino l’immunità di un paziente e aumentino i livelli di zucchero nel sangue, consentendo al fungo di prosperare.

Il dottor Prashant Garg, presidente esecutivo del LV Prasad Eye Institute, ha dichiarato: “Le infezioni oculari, la cheratite microbica, sono una delle principali cause di perdita della vista e cecità in tutto il mondo, e ancora di più in India. Una diagnosi tempestiva e corretta può facilitare l’inizio tempestivo della terapia con farmaci appropriati e quindi limitare la perdita della vista da questi disturbi.Il metodo di diagnosi attualmente praticato è invasivo, richiede tempo e costoso.La tecnologia delle “lenti a contatto intelligenti” potrebbe essere il prossimo grande passo avanti nel trattamento delle infezioni oculari e il nostro obiettivo collettivo per eliminare la cecità evitabile .”

Il passo successivo è quello di produrre un prototipo di seconda generazione che possa essere facilmente utilizzato senza la necessità di strutture di laboratorio. Il team sta inoltre utilizzando il dispositivo come un modo avanzato per fornire campioni ai laboratori per il sequenziamento del DNA dei microbi.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: