Vista e dintorni

Progressi nella ricerca della cura per le più gravi patologie dell’occhio

I ricercatori del NIH usano la bioprinting 3D per creare tessuto oculare

La tecnica fornisce un modello per lo studio della genesi della degenerazione maculare legata all’età e di altre malattie dell’occhio.

Gli scienziati hanno utilizzato le cellule staminali dei pazienti e la biostampa 3D per produrre tessuto oculare che farà progredire la comprensione dei meccanismi delle malattie accecanti. Il team di ricerca del National Eye Institute (NEI), parte del National Institutes of Health, ha stampato una combinazione di cellule che formano la barriera emato-retinica esterna, il tessuto oculare che supporta i fotorecettori sensibili alla luce della retina. La tecnica fornisce una fornitura teoricamente illimitata di tessuto derivato dal paziente per studiare le malattie degenerative della retina come la degenerazione maculare legata all’età (AMD). 

“Sappiamo che l’AMD inizia nella barriera emato-retinica esterna”, ha affermato Kapil Bharti, Ph.D., che dirige la sezione NEI sulla ricerca traslazionale sulle cellule staminali e oculari. “Tuttavia, i meccanismi dell’inizio e della progressione dell’AMD verso stadi asciutti e umidi avanzati rimangono poco conosciuti a causa della mancanza di modelli umani fisiologicamente rilevanti”.Schema dell'occhio

La barriera emato-retinica esterna è l’interfaccia della retina e della coroide, compresa la membrana di Bruch e la coriocapillare. Istituto nazionale per gli occhi

La barriera emato-retinica esterna è costituita dall’epitelio pigmentato retinico (RPE), separato dalla membrana di Bruch dal coriocapillare ricco di vasi sanguigni. La membrana di Bruch regola lo scambio di nutrienti e rifiuti tra il coriocapillare e l’RPE. Nell’AMD, depositi di lipoproteine ??chiamate drusen si formano all’esterno della membrana di Bruch, impedendone la funzione. Nel tempo, l’RPE si rompe portando alla degenerazione dei fotorecettori e alla perdita della vista.

Bharti e colleghi hanno combinato tre tipi di cellule coroideali immature in un idrogel: periciti e cellule endoteliali, che sono componenti chiave dei capillari; e fibroblasti, che danno struttura ai tessuti. Gli scienziati hanno quindi stampato il gel su un’impalcatura biodegradabile. In pochi giorni, le cellule iniziarono a maturare in una fitta rete capillare.

Il nono giorno, gli scienziati hanno seminato cellule epiteliali del pigmento retinico sul rovescio dell’impalcatura. Il tessuto stampato ha raggiunto la piena maturità il giorno 42. Le analisi del tessuto e i test genetici e funzionali hanno mostrato che il tessuto stampato aveva un aspetto e un comportamento simile alla barriera emato-retinica esterna nativa. Sotto stress indotto, il tessuto stampato mostrava modelli di AMD precoce come i depositi di drusen sotto l’RPE e la progressione verso lo stadio secco tardivo, dove è stata osservata la degradazione del tessuto. Aspetto simile all’AMD umida indotto da basso contenuto di ossigeno, con iperproliferazione dei vasi coroideali che sono migrati nella zona sub-RPE. I farmaci anti-VEGF, usati per trattare l’AMD, hanno soppresso la crescita eccessiva e la migrazione di questo vaso e ripristinato la morfologia dei tessuti.

“Stampando le cellule, stiamo facilitando lo scambio di segnali cellulari necessari per la normale anatomia della barriera emato-retinica esterna”, ha affermato Bharti. “Ad esempio, la presenza di cellule RPE induce cambiamenti di espressione genica nei fibroblasti che contribuiscono alla formazione di La membrana di Bruch, qualcosa che è stato suggerito molti anni fa ma non è stato dimostrato fino al nostro modello”.

Tra le sfide tecniche che il team di Bharti ha affrontato c’erano la generazione di un’impalcatura biodegradabile adatta e il raggiungimento di un modello di stampa coerente attraverso lo sviluppo di un idrogel sensibile alla temperatura che raggiungeva file distinte quando era freddo ma che si dissolveva quando il gel si riscaldava. Una buona consistenza delle righe ha consentito un sistema più preciso di quantificazione delle strutture tissutali. Hanno anche ottimizzato il rapporto di miscelazione cellulare di periciti, cellule endoteliali e fibroblasti.

Il coautore Marc Ferrer, Ph.D., direttore del 3D Tissue Bioprinting Laboratory presso il National Center for Advancing Translational Sciences del NIH, e il suo team hanno fornito competenze per la biofabbricazione dei tessuti della barriera emato-retinica esterna “in-a-well, ” insieme a misurazioni analitiche per consentire lo screening dei farmaci. 

“I nostri sforzi di collaborazione hanno portato a modelli di tessuto retinico molto rilevanti di malattie degenerative degli occhi”, ha detto Ferrer. “Tali modelli di tessuto hanno molti potenziali usi nelle applicazioni traslazionali, incluso lo sviluppo terapeutico”.

Bharti e collaboratori stanno utilizzando modelli stampati di barriera emato-retinica per studiare l’AMD e stanno sperimentando l’aggiunta di ulteriori tipi di cellule al processo di stampa, come le cellule immunitarie, per ricapitolare meglio il tessuto nativo.  

Questo comunicato stampa descrive una scoperta di base della ricerca. La ricerca di base aumenta la nostra comprensione del comportamento umano e della biologia, che è fondamentale per promuovere modi nuovi e migliori per prevenire, diagnosticare e curare le malattie. La scienza è un processo imprevedibile e incrementale: ogni progresso della ricerca si basa su scoperte passate, spesso in modi inaspettati. La maggior parte dei progressi clinici non sarebbe possibile senza la conoscenza della ricerca di base fondamentale. Per ulteriori informazioni sulla ricerca di base, visitare https://www.nih.gov/news-events/basic-research-digital-media-kit .

NEI guida gli sforzi del governo federale per eliminare la perdita della vista e migliorare la qualità della vita attraverso la ricerca sulla vista… guidando l’innovazione, promuovendo la collaborazione, espandendo la forza lavoro della vista e istruendo il pubblico e le principali parti interessate. NEI sostiene programmi scientifici di base e clinici per sviluppare trattamenti salvavista e per ampliare le opportunità per le persone con disabilità visive. Per ulteriori informazioni, visitare   https://www.nei.nih.gov .  

Informazioni sui National Institutes of Health (NIH): NIH, l’agenzia di ricerca medica della nazione, comprende 27 istituti e centri ed è un componente del Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti. NIH è la principale agenzia federale che conduce e sostiene la ricerca medica di base, clinica e traslazionale e sta studiando le cause, i trattamenti e le cure per le malattie comuni e rare. Per ulteriori informazioni su NIH e sui suoi programmi, visitare www.nih.gov .

Riferimento:

La barriera retinica esterna 3D scopre il fenotipo coroidale dipendente da RPE nella degenerazione maculare avanzata. Metodi della natura. https://www.nature.com/articles/s41592-022-01701-1(il collegamento è esterno). DOI:10.1038/s41592-022-01701-1. 

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: