Batticuore

Amanti del caffè, gioite! Bere più caffè associato a un ridotto rischio di insufficienza cardiaca

 

DALLAS, 9 febbraio 2021 – Secondo una ricerca pubblicata oggi su Circulation: Heart Failure , of American Heart, le informazioni dietetiche tratte da tre grandi e noti studi sulle malattie cardiache suggeriscono che bere una o più tazze di caffè con caffeina può ridurre il rischio di insufficienza cardiaca. Rivista dell’associazione.

Malattia coronarica, insufficienza cardiaca e ictus sono tra le principali cause di morte per malattie cardiache negli Stati Uniti “Mentre il fumo, l’età e l’ipertensione sono tra i più noti fattori di rischio di malattie cardiache, rimangono fattori di rischio non identificati per le malattie cardiache, “secondo David P. Kao, MD, autore senior dello studio, assistente professore di cardiologia e direttore medico presso il Colorado Center for Personalized Medicine presso la University of Colorado School of Medicine di Aurora, Colorado.

Pubblicità e progresso

“I rischi e i benefici del bere caffè sono stati argomenti di costante interesse scientifico a causa della popolarità e della frequenza del consumo in tutto il mondo”, ha affermato Linda Van Horn, Ph.D., RD, Professore e Capo della Divisione Nutrizione del Dipartimento di Medicina Preventiva presso la Scuola di Medicina Feinberg della Northwestern University di Chicago e membro del Comitato nutrizionale dell’American Heart Association. “Gli studi che riportano associazioni con risultati rimangono relativamente limitati a causa di incongruenze nella valutazione della dieta e nelle metodologie analitiche, così come problemi intrinseci con l’assunzione alimentare auto-riferita”.

Kao e colleghi hanno utilizzato l’apprendimento automatico attraverso la piattaforma di medicina di precisione dell’American Heart Association per esaminare i dati della coorte originale del Framingham Heart Study e li hanno confrontati con i dati sia dell’Aterosclerosis Risk in Communities Study che del Cardiovascular Health Study per confermare i loro risultati. Ciascuno studio includeva almeno 10 anni di follow-up e, collettivamente, gli studi hanno fornito informazioni su oltre 21.000 partecipanti adulti statunitensi.

Per analizzare i risultati del consumo di caffè con caffeina, i ricercatori hanno classificato il consumo come 0 tazze al giorno, 1 tazza al giorno, 2 tazze al giorno e 3 tazze al giorno. In tutti e tre gli studi, il consumo di caffè è stato auto-riferito e non erano disponibili unità di misura standard.

L’analisi ha rivelato:

  • In tutti e tre gli studi, le persone che hanno riferito di aver bevuto una o più tazze di caffè con caffeina avevano un rischio associato di insufficienza cardiaca a lungo termine ridotto.
  • Negli studi Framingham Heart e Cardiovascular Health, il rischio di insufficienza cardiaca nel corso dei decenni è diminuito dal 5 al 12% per tazza al giorno di caffè, rispetto al mancato consumo di caffè.
  • Nello studio sul rischio di aterosclerosi nelle comunità, il rischio di insufficienza cardiaca non variava da 0 a 1 tazza al giorno di caffè; tuttavia, era di circa il 30% inferiore nelle persone che ne bevevano almeno 2 tazze al giorno.
  • Bere caffè decaffeinato sembrava avere un effetto opposto sul rischio di insufficienza cardiaca, aumentando significativamente il rischio di insufficienza cardiaca nel Framingham Heart Study. Tuttavia, nel Cardiovascular Health Study; non vi è stato alcun aumento o diminuzione del rischio di insufficienza cardiaca associata al consumo di caffè decaffeinato. Quando i ricercatori hanno esaminato ulteriormente questo aspetto, hanno scoperto che il consumo di caffeina da qualsiasi fonte sembrava essere associato a un ridotto rischio di insufficienza cardiaca e la caffeina era almeno una parte del motivo dell’apparente beneficio derivante dal bere più caffè.

“L’associazione tra caffeina e riduzione del rischio di insufficienza cardiaca è stata sorprendente. Il caffè e la caffeina sono spesso considerati dalla popolazione generale come” cattivi “per il cuore perché le persone li associano a palpitazioni, ipertensione, ecc. La relazione coerente tra l’aumento della caffeina il consumo e la diminuzione del rischio di insufficienza cardiaca trasforma questa ipotesi nella sua testa “, ha detto Kao. “Tuttavia, non ci sono ancora prove abbastanza chiare per raccomandare di aumentare il consumo di caffè per ridurre il rischio di malattie cardiache con la stessa forza e certezza di smettere di fumare, perdere peso o fare esercizio”.

Secondo le linee guida dietetiche federali, da tre a cinque tazze di caffè da 8 once al giorno possono far parte di una dieta sana, ma questo si riferisce solo al semplice caffè nero. L’American Heart Association avverte che le popolari bevande a base di caffè come latte macchiato e macchiato sono spesso ad alto contenuto di calorie, zuccheri aggiunti e grassi. Inoltre, nonostante i suoi benefici, la ricerca ha dimostrato che la caffeina può anche essere pericolosa se consumata in eccesso. Inoltre, i bambini dovrebbero evitare la caffeina. L’American Academy of Pediatrics raccomanda che, in generale, i bambini evitino le bevande con caffeina.

“Sebbene non siano in grado di dimostrare la causalità, è interessante che questi tre studi suggeriscano che bere caffè sia associato a un ridotto rischio di insufficienza cardiaca e che il caffè possa far parte di un modello dietetico sano se consumato in modo semplice, senza zuccheri aggiunti e latticini ricchi di grassi come la crema “, ha dichiarato Penny M. Kris-Etherton, Ph.D., RDN, presidente del comitato di leadership del Consiglio per lo stile di vita e la salute cardiometabolica dell’American Heart Association, professore di scienze nutrizionali della Evan Pugh University e illustre professore di nutrizione presso The Pennsylvania State University, College of Health and Human Development di University Park. “In conclusione: gustare un caffè con moderazione come parte di un modello dietetico salutare per il cuore che soddisfa le raccomandazioni per frutta e verdura, cereali integrali, latticini a basso contenuto di grassi / senza grassi, e che è anche a basso contenuto di sodio, grassi saturi e zuccheri aggiunti. Inoltre, è importante essere consapevoli che la caffeina è uno stimolante e il consumo eccessivo può essere problematico, causando nervosismo e problemi di sonno “.

I limiti dello studio che potrebbero aver influenzato i risultati dell’analisi includevano differenze nel modo in cui è stato registrato il consumo di caffè e nel tipo di caffè consumato. Ad esempio, i tipi di caffè a goccia, percolato, french press o espresso; origine dei chicchi di caffè; e caffè filtrato o non filtrato erano dettagli non specificati. Potrebbe esserci stata anche una variabilità per quanto riguarda l’unità di misura per 1 tazza di caffè (cioè, quante once per tazza). Questi fattori potrebbero causare diversi livelli di caffeina. Inoltre, i ricercatori avvertono che gli studi originali hanno descritto solo il caffè con caffeina o decaffeinato, quindi questi risultati potrebbero non essere applicabili a bevande energetiche, tè contenenti caffeina, soda e altri prodotti alimentari con caffeina incluso il cioccolato.

Categorie:Batticuore, Mangiare e bere

Con tag:,