Ricerca

La ricerca sul microbioma umano esclude il mondo in via di sviluppo

Adv

Ogni giorno emergono nuovi studi sull’effetto del microbioma umano sulla salute umana: cancro del colon, ulcere e condizioni cognitive come il morbo di Alzheimer sono stati associati alle comunità di microbi che vivono nei nostri corpi. Tuttavia, la ricerca globale sul microbioma umano è fortemente sbilanciata a favore di paesi ricchi come gli Stati Uniti e il Regno Unito, secondo uno studio pubblicato il 15 febbraio sulla rivista ad accesso aperto PLOS Biology di Richard Abdill, Elizabeth Adamowicz e Ran Blekhman a l’Università del Minnesota.

Gli autori hanno valutato i repository globali dei dati di sequenziamento del DNA utilizzati per misurare il contenuto del  e hanno scoperto che quasi la metà di tutti i campioni pubblicamente disponibili proviene da soggetti negli Stati Uniti, anche se quel paese rappresenta solo il 4,3% della  . Questi risultati sollevano interrogativi sul fatto che i progressi nel campo saranno applicabili ai paesi che hanno meno risorse e popolazioni che non ricevono la stessa attenzione nella letteratura.

Adv

Il ”  ” si riferisce alle comunità di microrganismi che vivono sopra e nel  : le stime suggeriscono che le cellule umane di una persona sono notevolmente superate in numero dai trilioni di batteri che costituiscono il loro microbioma, che vivono ovunque dall’intestino tenue alla superficie del bulbo oculare .

La ricerca mostra che questi microbi hanno ampie interazioni con i loro ospiti umani e hanno effetti ad ampio raggio, sia positivi che negativi. Alcuni microbi intestinali, ad esempio, aiutano a scomporre il cibo in nutrienti a cui gli esseri umani non possono accedere naturalmente, mentre altri sono stati collegati a condizioni come malattie infiammatorie intestinali, cancro allo stomaco e diabete. Di conseguenza, dall’inizio degli anni 2000, miliardi di dollari sono stati investiti nella ricerca di queste relazioni. Per capire dove veniva utilizzato questo finanziamento, i ricercatori del Minnesota hanno inventariato più di 440.000 campioni di dati sul microbioma umano condivisi in archivi internazionali gestiti da organizzazioni come il National Institutes of Health negli Stati Uniti e il National Institute of Genetics del Giappone.

“L’interesse per il microbioma umano è cresciuto in tutto il mondo”, ha affermato Richard Abdill, autore principale dello studio. “Quando osserviamo come si sta sviluppando il campo, chi viene incluso e dove sono state allocate le risorse, è chiaro che la nostra comprensione del microbioma “umano” non include la maggior parte degli esseri umani. Il nostro studio è un passo verso la quantificazione di questa disparità .”

Ci sono molte ragioni per queste disparità, come fattori economici e politici che hanno un impatto sulla ricerca scientifica e difficoltà logistiche nell’esecuzione della ricerca in paesi con meno infrastrutture. Tuttavia, il microbioma è a sua volta influenzato da fattori come la genetica, la geografia, la dieta e lo stile di vita, il che rende importante lo studio di molte popolazioni per trovare collegamenti con la salute umana . Per questo motivo, gli autori sostengono che l’esclusione del mondo in via di sviluppo dalla ricerca sul microbioma minaccia di creare una situazione in cui i futuri trattamenti medici basati sul microbioma potrebbero essere efficaci solo per le persone in alcuni paesi o popolazioni.

Dei campioni per i quali è stato possibile determinare un paese di origine, i ricercatori hanno scoperto che oltre il 71% proveniva dall’Europa e dal Nord America, quasi cinque volte quanto ci si aspetterebbe data la loro popolazione . L’Asia centrale e meridionale era la regione più sottorappresentata: sebbene più di 2 miliardi di persone vivano in paesi come India, Pakistan e Bangladesh, solo 13.620 campioni di microbioma erano disponibili da quella regione, ovvero l’1,5% dei campioni provenienti da quasi il 26% del mondo popolazione. Nessun campione è stato trovato da paesi come Algeria, Yemen, Afghanistan e Kazakistan.

Blekhman aggiunge: “L’interesse per il microbioma umano è cresciuto rapidamente, ma ci sono evidenti lacune su dove viene diretto tale interesse. Il nostro studio ha studiato tutti i campioni di microbioma umano pubblicamente disponibili, quasi mezzo milione di campioni, per quantificare queste lacune. Abbiamo scoperto che la nostra comprensione del microbioma “umano” tralascia molti degli esseri umani”.


Ulteriori informazioni: Abdill RJ, Adamowicz EM, Blekhman R (2022) I dati pubblici sul microbioma umano sono dominati da paesi altamente sviluppati. PLoS Biol 20(2): e3001536. doi.org/10.1371/journal.pbio.3001536

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: