Ricerca

Gli esami del sangue nei bambini portano a una migliore comprensione del diabete di tipo 1

Adv

Perché alcune persone sviluppano il diabete di tipo 1 e altre no? In tutto il mondo, i ricercatori stanno ora collaborando per trovare la risposta a questa complessa domanda. I ricercatori sul diabete dell’Università di Lund hanno recentemente fornito dati a un nuovo studio che mostra che il diabete di tipo 1 si sviluppa in tre modi diversi nei bambini. Questa migliore comprensione consente agli scienziati di condurre nuovi tipi di studi con l’obiettivo di prevenire la malattia.

Nello studio TEDDY in Svezia, ogni goccia di sangue conta. I bambini che partecipano allo studio hanno un rischio genetico aumentato di sviluppare il diabete di tipo 1 . I primi campioni di sangue vengono prelevati quando i bambini hanno quattro mesi e il test continua fino all’età di 15 anni. I bambini incontrano la stessa infermiera ricercatrice durante ogni visita.

“Le nostre infermiere sono molto brave a rendere le visite il più confortevoli possibile. A volte, mi dispiace prendere così tanti campioni di sangue dai bambini, ma ha migliorato la nostra comprensione del motivo per cui alcuni bambini sviluppano la malattia”, afferma Åke Lernmark, senior professore di ricerca sperimentale sul diabete presso l’Università di Lund e ricercatore principale per lo studio TEDDY.

Autoanticorpi correlati al diabete

Il team di studio è particolarmente interessato a seguire lo sviluppo di tre diversi autoanticorpi correlati al diabete nei bambini. Con ogni nuovo studio, gli scienziati imparano di più su questi autoanticorpi che prendono di mira i tessuti del corpo. Un campione di sangue che mostra la presenza di uno di questi autoanticorpi indica che le cellule produttrici di insulina nel pancreas vengono attaccate dal sistema immunitario del corpo. È stato dimostrato che un individuo con da due a quattro autoanticorpi correlati al diabete ha un rischio maggiore di sviluppare il diabete di tipo 1.

Lernmark è interessato a quest’area di ricerca da decenni e ha contribuito a sviluppare i metodi per l’analisi dei campioni di sangue.

“È fondamentale che impariamo di più sul diabete di tipo 1. È una malattia terribile che può causare molta ansia a chi ne è affetto. Molti pazienti sviluppano la malattia in giovane età e a lungo termine può causare gravi complicazioni che a loro volta riducono la qualità della vita e l’aspettativa di vita”.

Lernmark è uno degli autori di uno studio internazionale recentemente pubblicato su Nature Communications che mostra che il diabete di tipo 1 si sviluppa in tre modi diversi nei bambini. Lo studio ha utilizzato i dati di 24.662 bambini che sono stati seguiti per 15 anni. I dati sono stati raccolti in studi di coorte negli Stati Uniti, in Svezia, in Germania e in Finlandia. Lund University ha contribuito con i dati raccolti in uno studio di coorte a Skåne, in Svezia, in cui i bambini sono stati sottoposti a screening per il rischio di diabete dalla nascita fino all’età di 15 anni. L’articolo mostra che il diabete di tipo 1 può essere diviso in tre gruppi diversi, a seconda di cosa sembra il modello per lo sviluppo di autoanticorpi.

Markus Lundgren, ricercatore in endocrinologia pediatrica presso l’Università di Lund, è il principale ricercatore dello studio di follow-up in Svezia e co-autore dello studio pubblicato su Nature Communications .

“Questo studio mostra chiaramente che ci sono tre percorsi diversi dall’individuo sano all’esordio della malattia nei bambini. La nostra ricerca è rafforzata dal fatto che diversi ricercatori internazionali hanno fornito dati per le analisi che sono state eseguite utilizzando l’apprendimento automatico avanzato”, afferma Markus Lundgren, che è anche un pediatra specializzato in diabete e disturbi endocrini.

Studi sulla prevenzione

Markus Lundgren e Lernmark fanno parte di un consorzio internazionale che mira a utilizzare gli autoanticorpi negli studi clinici per prevenire il diabete di tipo 1. L’Agenzia europea dei medicinali ha recentemente approvato l’uso di autoanticorpi correlati al diabete come biomarcatori e i risultati dello studio TEDDY sono stati utilizzati per supportare l’approvazione. Questa approvazione significa che gli individui che hanno almeno due di questi autoanticorpi possono partecipare a studi clinici progettati per prevenire la malattia. Finora, è stato possibile trattare solo i partecipanti allo studio che hanno già sviluppato il diabete di tipo 1.

“L’approvazione segna un grande successo per tutti noi che lavoriamo per migliorare la comprensione di come si sviluppa il diabete di tipo 1. Illustra quanto siano importanti le collaborazioni internazionali per il raggiungimento dei risultati. I bambini che hanno preso parte ai nostri studi hanno infatti dato contributi molto significativi “Ci auguriamo che l’approvazione renda le aziende farmaceutiche interessate allo sviluppo di nuovi farmaci e trattamenti in grado di prevenire lo sviluppo del diabete di tipo 1 nei bambini con autoanticorpi”, afferma Lernmark.

Markus Lundgren conduce uno studio a Skåne in cui i ricercatori stanno studiando se un nuovo farmaco può preservare le cellule produttrici di insulina negli adulti che hanno recentemente sviluppato il diabete di tipo 1. Lo studio fa parte di una collaborazione di ricerca internazionale. Spera che studi simili possano essere condotti a scopo preventivo in futuro.

“Se il farmaco che stiamo testando si rivela sicuro ed efficace, in futuro potremmo essere in grado di condurre questo tipo di studio su persone che hanno autoanticorpi correlati al diabete ma che non hanno ancora sviluppato la malattia”, afferma Lundgren.

Dilemma etico

Gli scienziati ancora non sanno cosa causa il diabete di tipo 1. Gli studi hanno mostrato un legame tra l’infezione da enterovirus e lo sviluppo di autoanticorpi e il diabete di tipo 1. Enterovirus è il nome collettivo dei virus che si riproducono nella gola e nell’intestino prima di diffondersi ad altri organi. Sono in corso ricerche per stabilire se sia possibile sviluppare un vaccino contro il diabete di tipo 1 che colpisca uno dei virus di quel gruppo.

“Speriamo di essere coinvolti se la ricerca arriva alla fase in cui il vaccino può essere testato sui bambini per prevenire il diabete di tipo 1”, afferma Lernmark.

Tuttavia, questo tipo di ricerca solleva anche questioni etiche. I ricercatori dovrebbero curare i bambini che, sebbene portino autoanticorpi, potrebbero non sviluppare mai la malattia? Il ricercatore sul diabete Olle Korsgren è professore di trapianto cellulare all’Università di Uppsala ed è coinvolto nell’area di ricerca strategica EXODIAB. Fornisce un paio di esempi di dilemmi etici.

“Un potenziale dilemma è che se trattiamo un individuo sano con autoanticorpi, il bambino può sviluppare un senso di malattia. Un altro dilemma che può sorgere è che i partecipanti sani che potrebbero non sviluppare mai effettivamente la malattia, invece, sperimentano effetti collaterali dal trattamento. è importante che gli studi siano condotti in modo eticamente accettabile e che i partecipanti ricevano le giuste informazioni”, afferma.

Allo stesso tempo, il professor Korsgren è molto positivo sul modo in cui la ricerca sul diabete di tipo 1 sta andando avanti. Osserva che molte aziende farmaceutiche scelgono di investire in studi clinici sul diabete di tipo 2, che è la forma più comune della malattia.

“Gli autoanticorpi correlati al diabete sono i migliori biomarcatori per la malattia che abbiamo oggi. I miei colleghi dell’Università di Lund hanno svolto un lavoro molto importante, contribuendo alla base su cui possono essere costruiti studi clinici futuri. Nonostante i significativi progressi compiuti in il trattamento del diabete di tipo 1, può ancora portare a una diminuzione della qualità della vita e agli ostacoli quotidiani. Dobbiamo trovare modi per prevenire o rallentare la malattia”, afferma Korsgren.


Maggiori informazioni: Thomas A. Auchtung et al, Cambiamenti temporali nei funghi gastrointestinali e il rischio di autoimmunità durante la prima infanzia: lo studio TEDDY, Nature Communications (2022). DOI: 10.1038/s41467-022-30686-w

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: