Assistenza sociosanitaria Batticuore

Strategie avanzate che portano alla prevenzione dell’ictus nei diabetici tipo 2

Adv

L’aderenza alle linee guida per la prevenzione dell’ictus è in miglioramento, ma ancora non ottimale nel diabete

Un numero maggiore di adulti con diabete di tipo 2 ha raggiunto le strategie raccomandate dalle linee guida per la prevenzione dell’ictus nel 2018 rispetto al 2001, ma sono necessari ulteriori miglioramenti, secondo i risultati dello studio pubblicati su Diabetes Care .

In un’analisi trasversale di adulti con diabete di tipo 2 di età pari o superiore a 45 anni che hanno partecipato al National Health and Nutrition Examination Survey dal 2001-2002 al 2017-2018, la percentuale di partecipanti che soddisfano i comportamenti sanitari raccomandati, gli obiettivi di trattamento e le farmacoterapie è aumentata oltre tempo, anche se la percentuale di coloro che non riescono a raggiungere gli obiettivi rimane alta, secondo Stanley Kuo, RPh, PhD , assistente ricercatore presso la University of Michigan Medical School.

“Questi risultati suggeriscono che il raggiungimento delle attuali strategie raccomandate dalle linee guida per la prevenzione dell’ictus primario e secondario ha qualche miglioramento negli ultimi anni nella popolazione con diabete di tipo 2, ma rimane non ottimale”, ha detto Kuo. “Conoscere lo stato e l’entità del raggiungimento di ciascuna delle attuali strategie raccomandate dalle linee guida per la prevenzione dell’ictus può facilitare la progettazione di interventi individualizzati e incentivati ??per migliorare ulteriormente l’attuazione di queste strategie di prevenzione dell’ictus nella popolazione con diabete di tipo 2 presso il paziente, il fornitore e la politica sanitaria livelli”.

Kuo e colleghi hanno analizzato i dati di nove cicli NHANES dal 2001-2002 al 2017-2018. Nello studio sono stati inclusi gli adulti di età pari o superiore a 45 anni con diabete di tipo 2. La coorte è stata stratificata per storia di ictus auto-riferita. L’aderenza alla prevenzione dell’ictus è stata misurata dalla percentuale di partecipanti che hanno raggiunto le raccomandazioni dell’American Diabetes Association, dell’American Heart Association e dell’American Stroke Association di un HbA1c tra il 7% e l’8%; una pressione sanguigna sistolica e diastolica inferiore a 140 mm Hg/90 mm Hg; un BMI inferiore a 25 kg/m 2; uso della terapia con statine, trattamento con aspirina o clopidogrel per quelli con un rischio di malattia cardiovascolare aterosclerotica (ASCVD) a 10 anni superiore al 10%; Vietato fumare; e trattamento con un inibitore dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE) o un bloccante del recettore dell’angiotensina nei soggetti con ipertensione o con ipertensione e albuminuria.

C’erano 4.834 partecipanti NHANES inclusi nello studio, di cui 4.300 non avevano una storia di ictus e 534 hanno riportato una storia di ictus. La percentuale di coloro che hanno raggiunto strategie di prevenzione dell’ictus primario variava dall’8,4% per il trattamento con aspirina e clopidogrel in quelli con alto rischio di ASCVD all’80,5% per non fumare. La percentuale di partecipanti che hanno raggiunto strategie di prevenzione secondaria variava dall’11,8% dei partecipanti che hanno raggiunto l’obiettivo di BMI all’80% che ha raggiunto l’obiettivo di HbA1c. Gli adulti con una storia di ictus avevano maggiori probabilità di raggiungere il target di HbA1c (80% contro 60,2%), usavano una statina (61,4% contro 54,3%) e usavano aspirina o clopidogrel ad alto rischio di ASCVD (24,8% contro 0,8,4%) ed avevano meno probabilità di raggiungere il loro target pressorio (63,4% contro 70,6%) rispetto a quelli senza una storia di ictus.

Dal 2001-2002 al 2017-2018, la percentuale di persone con diabete di tipo 2 che assumevano una statina è aumentata dal 32,9% al 58,1% in quelle senza storia di ictus ( P <.0001) e dal 39,4% al 62,1% nelle persone con storia di ictus ( P = .01). Non vi è stato alcun cambiamento significativo nella proporzione di persone ad alto rischio di ASCVD che assumevano aspirina o clopidogrel.

Tra quelli senza storia di ictus, la percentuale di non fumatori è aumentata dal 78,2% all’82,9% ( P = .01), la percentuale di adulti che hanno raggiunto l’IMC target è diminuita dal 20,9% al 10,1% ( P <.001) e la percentuale di le persone con ipertensione che utilizzano un ACE-inibitore o un bloccante del recettore dell’angiotensina sono aumentate dal 48,2% al 63,2% ( P = .04) dal 2001-2002 al 2017-2018. Non sono stati osservati cambiamenti in nessuna di queste raccomandazioni per le persone con una storia di ictus.

Kuo ha affermato che è fondamentale per i ricercatori continuare a monitorare quanto bene le persone con diabete di tipo 2 aderiscono alle strategie per la prevenzione dell’ictus e in che direzione andranno le tendenze in futuro.

“Inoltre, la disparità di salute è un problema critico negli Stati Uniti e la ricerca futura può approfondire ulteriormente le tendenze nel raggiungimento di strategie raccomandate dalle linee guida per la prevenzione dell’ictus tra i sottogruppi demografici”, ha affermato Kuo.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: