Mangiare e bere

Gli integratori o la dieta possono ridurre i sintomi dell’artrite? Ecco cosa dicono le prove

Adv
Shutterstock
Artrite è una malattia che colpisce le articolazioni del corpo. Esistono più di 100 tipi di artrite, con oltre 350 milioni di persone colpite in tutto il mondo, inclusi circa quattro milioni di australiani .

L’artrite provoca dolore e disabilità e comunemente riduce la qualità della vita. In Australia nel 2015, circa 54.000 persone di età compresa tra 45 e 64 anni non potevano lavorare a causa di una grave artrite. Il loro reddito medio era solo un quarto del reddito dei lavoratori a tempo pieno che non avevano l’artrite.

Quindi non sorprende che alcune persone vogliano provare diverse diete, integratori o terapie per vedere se alleviano i sintomi o li aiutano a ottenere un senso di controllo sulla loro condizione.

Tuttavia, un’importante revisione ha rilevato che è improbabile che integratori o componenti alimentari specifici portino a miglioramenti significativi negli esiti dell’artrite come rigidità, dolore e funzionalità.

La principale raccomandazione nutrizionale era quella di adottare modelli alimentari sani.

Ricordami, cosa causa l’artrite? E quali sono i sintomi?

I fattori di rischio per lo sviluppo dell’artrite includono quelli che non puoi controllare, come la genetica, il sesso e l’età, e alcuni che potresti essere in grado di farlo, come il fumo, le lesioni ripetute, il peso corporeo, l’occupazione e alcune infezioni.

I tipi di artrite comprendono l’artrosi, l’artrite reumatoide, la spondilite anchilosante, l’artrite giovanile, la gotta, il lupus eritematoso sistemico (lupus) e la sclerodermia.

I sintomi comuni includono :

  • dolore
  • rigidità o riduzione del movimento articolare
  • gonfiore, arrossamento e calore alle articolazioni.

Sintomi meno specifici includono stanchezza, perdita di peso o malessere.

Quindi cosa dicono le prove sugli integratori?

L’ Alleanza Europea delle Associazioni di Reumatologia , il gruppo europeo di esperti sull’artrite, ha recentemente pubblicato una critica dettagliata sulla dieta e l’uso di integratori nell’artrite . Ha sintetizzato i risultati di 24 revisioni sistematiche della ricerca esistente e altri 150 studi aggiuntivi, che coprono più di 80 diversi componenti e integratori alimentari.

L’alleanza ha identificato che c’erano studi limitati su ogni singolo prodotto e la maggior parte degli studi era di bassa qualità. Ciò significa che per la maggior parte degli integratori non è stato possibile formulare raccomandazioni sull’utilizzo o meno.

La donna beve l'acqua
La maggior parte delle ricerche sugli integratori è di bassa qualità. Engin Akyurt/Unsplash

Tuttavia, per l’artrosi e l’artrite reumatoide, sebbene la maggior parte degli studi fosse di qualità bassa o moderata, alcuni integratori hanno avuto effetti positivi.

Vitamina D, condroitina e glucosamina

Per l’osteoartrite, c’erano prove di qualità moderata a sostegno di un piccolo effetto positivo sul dolore e sulla funzione per l’assunzione di integratori di vitamina D, condroitina e glucosamina (entrambi composti presenti nella cartilagine).

Qui, qualità moderata significa che sebbene gli studi avessero alcune limitazioni ei loro risultati dovrebbero essere interpretati con cautela, possono essere utilizzati per guidare le raccomandazioni.

Ciò suggerisce che le persone potrebbero scegliere di provare questi integratori comuni per alcuni mesi e vedere se ottengono qualche beneficio, ma interrompere l’assunzione se non ci sono miglioramenti nei loro sintomi.

Olio di pesce

Per l’artrite reumatoide, c’erano prove di qualità moderata per un piccolo effetto positivo sul dolore per gli oli omega-3 (di pesce).

Ancora una volta, le persone potrebbero provare questi integratori per alcuni mesi e vedere se ottengono qualche beneficio, ma interrompere l’assunzione se non ci sono miglioramenti.

Altri supplementi

Per tutte le altre categorie di artrite e altri componenti o integratori alimentari specifici, l’evidenza è stata valutata da bassa a molto bassa ( vedere le tabelle 1-5 in questo collegamento ).

Ciò significa che qualsiasi miglioramento degli esiti dell’artrite potrebbe essere dovuto al caso o al pregiudizio, con maggiori probabilità di pubblicazione di risultati positivi o al potenziale pregiudizio che si verifica quando uno studio è stato sponsorizzato da un produttore di integratori.

Che cosa significa tutto questo?

La ricerca attuale indica che è improbabile che alimenti specifici, integratori o componenti dietetici influenzino in larga misura gli esiti dell’artrite.

Tuttavia, dato il rischio più elevato di malattie cardiache associate all’artrite, la raccomandazione è di seguire una dieta e uno stile di vita sani per migliorare la salute e il benessere generale.

Quindi, come migliori la tua salute e il tuo benessere? Ecco cinque cose fondamentali da considerare:

1. Segui una dieta sana e varia

Ciotola di verdure e uova
Dai la priorità a mangiare cibo sano, piuttosto che assumere integratori. Brooke Lark/Unsplash

Mangiare cibo, piuttosto che assumere integratori, significa ottenere gli altri nutrienti contenuti negli alimenti, comprese fonti sane di grassi, proteine, fibre alimentari e una gamma di vitamine e minerali essenziali per mantenere un corpo sano.

Questo è il motivo per cui la raccomandazione per le persone con artrite è di seguire una dieta sana, perché verdura, frutta, legumi e cereali integrali contengono una gamma di fitonutrienti necessari per aiutare a smorzare lo stress ossidativo innescato dai processi infiammatori associati all’artrite.

Una dieta sana comprende cibi ricchi di grassi omega-3 come pesce grasso (salmone, tonno, sardine), semi di chia, olio di semi di lino, noci, olio di canola e vitamina D (uova, pesce e latte o margarina fortificati con vitamina D ). E non dimenticare l’esposizione al sole , che permette all’organismo di produrre vitamina D.

2. Evita l’alcol

L’assunzione di alcol dovrebbe essere discussa con il medico in quanto può interagire con altri trattamenti.

È improbabile che piccole quantità di alcol abbiano un impatto negativo sull’artrite, a meno che tu non abbia altri problemi di salute come malattie del fegato o assumi determinati farmaci come il metotrexato o la leflunomide .

Per l’artrite reumatoide, il consumo moderato di alcol potrebbe aumentare il rischio di riacutizzazioni dell’artrite .

L’alcol può anche aumentare il rischio di riacutizzazioni della gotta.

3. Obiettivo per un peso sano

Puntare a un peso sano può aiutare l’artrite riducendo il carico sulle articolazioni colpite come fianchi e ginocchia e aumentando l’assunzione di cibi sani ricchi di fitonutrienti.

Chiedi supporto al tuo medico per ottenere una perdita di peso ben gestita e intenzionale se stai portando un peso in eccesso. Potrebbe essere necessario rivolgersi a un dietista praticante accreditato per una terapia medica nutrizionale personalizzata o a un fisioterapista o fisiologo dell’esercizio per un aiuto specifico per migliorare la mobilità e l’attività fisica.

La persona anziana cammina nella boscaglia
Raggiungere un peso sano riduce il carico sulle articolazioni. Olia Gozha/Unsplash

4. Sii cauto con gli integratori

Se decidi di provare terapie complementari o integratori alimentari specifici, discuti con il tuo medico e farmacista dei potenziali effetti collaterali o interazioni con i tuoi farmaci abituali.

Prova i prodotti per alcuni mesi (o finché dura un contenitore) in modo da poter monitorare eventuali effetti collaterali rispetto al tuo senso di benessere, alla riduzione dell’uso di antidolorifici e al costo. Se non ottieni alcun beneficio, spendi invece quei soldi in cibi più sani.


Articolo ripubblicato da The Conversation, sotto una licenza Creative Commons, per leggere l’articolo originale clicca qui.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: