Sport e movimento

Sport come il calcio, il basket sono migliori per la salute delle ossa dei giovani atleti rispetto alla sola corsa

Lo studio supporta le raccomandazioni secondo cui i giovani atleti ritardano la specializzazione nella corsa, concentrandosi invece sugli sport “multidirezionali”.

I giovani atleti che partecipano a sport multidirezionali, invece di specializzarsi in uno sport unidirezionale come la corsa, possono costruire ossa più forti che potrebbero essere meno a rischio di lesioni ossee da adulti, secondo un nuovo studio dei ricercatori dell’Università dell’Indiana.

Pubblicato nell’American College of Sports Medicine’s Medicine and Science in Sports and Exerciselo studio ha esaminato le corridori di cross country di divisione I e II, che spesso subiscono lesioni da stress osseo come fratture da stress. I ricercatori hanno scoperto che gli atleti che correvano e partecipavano a sport che richiedono movimento in molte direzioni, come il basket o il calcio, quando erano più giovani avevano una struttura ossea e una forza migliori rispetto a quelli che correvano, nuotavano o andavano in bicicletta.

Di conseguenza, i risultati dello studio supportano le raccomandazioni secondo cui gli atleti ritardano la specializzazione nella corsa e praticano sport multidirezionali quando sono più giovani per costruire uno scheletro più robusto e potenzialmente prevenire lesioni da stress osseo.

Kit multimediale: accedi all’intervista video con Stuart Warden

“I nostri dati mostrano che praticare sport multidirezionali da giovani rispetto a specializzarsi in uno sport, come la corsa, ha ridotto il rischio di lesioni ossee di una persona sviluppando uno scheletro più grande e più forte”, ha affermato Stuart Warden , preside associato per la ricerca e professore del Cancelliere presso la IU School di Salute e Scienze Umane presso IUPUI. “C’è un’errata percezione comune che i bambini debbano specializzarsi in un singolo sport per avere successo a livelli più alti. Tuttavia, dati recenti indicano che gli atleti che si specializzano in giovane età corrono un rischio maggiore di un infortunio da uso eccessivo e hanno meno probabilità di passare a livelli più alti di competizione”.

Storicamente, ha detto Warden, i ricercatori hanno esaminato la massa ossea – quanto osso ha una persona – per determinare quanto sarà sano il loro scheletro per tutta la vita. Ma in studi precedenti, Warden e i suoi colleghi hanno scoperto che quando una persona invecchia, sia la massa che le dimensioni sono ugualmente importanti.

Nel presente studio, i ricercatori hanno utilizzato l’imaging ad alta risoluzione per valutare lo stinco vicino alla caviglia e le ossa dei piedi dove si verificano frequentemente lesioni da stress osseo nei corridori. Hanno scoperto che gli atleti che praticavano sia la corsa che gli sport multidirezionali quando erano più giovani avevano una forza ossea dal 10 al 20% maggiore rispetto agli atleti che correvano esclusivamente.

“La nostra ricerca mostra che i corridori che praticavano sport multidirezionali da giovani avevano ossa più forti come atleti collegiali, il che li espone a meno rischi di lesioni da stress osseo, comprese le fratture da stress”, ha detto Warden. “Vogliamo garantire che le persone abbiano ossa migliori e più forti man mano che crescono, diventano adolescenti e attraversano la vita. Specializzarsi in uno sport in età troppo giovane significa che hanno maggiori probabilità di infortunarsi e di non farcela a livello collegiale e professionale”.

Warden ha affermato che chiunque supervisioni un atleta o una squadra junior, che si tratti di genitori, allenatori o allenatori, dovrebbe pensarci due volte prima di spingerli a specializzarsi in un’area troppo presto. Per consentire una crescita e uno sviluppo adeguati, raccomanda ai giovani atleti di non specializzarsi almeno fino al loro primo anno di scuola superiore. Per gli atleti che praticano già sport multidirezionali, ha affermato che è importante prendersi del tempo libero per il riposo e il recupero durante l’anno, il che può migliorare sia la forza delle ossa che le prestazioni.

Ulteriori autori dello studio sono stati Austin Sventeckis, Ph.D. studente, e Robyn Fuchs , professore associato, della IU School of Health and Human Sciences presso IUPUI, e Rachel Surowiec della School of Engineering and Technology presso IUPUI.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: