Sport e movimento

Essere un pantofolaio è un affare rischioso: cause e rimedi del comportamento sedentario nei bambini

La pandemia di COVID-19 ha cambiato in modo significativo gli stili di vita delle persone, in particolare quelli dei bambini. Quando i blocchi sono stati dichiarati in tutto il mondo, hanno aggiunto il tempo sedentario agli orari dei bambini. Il comportamento sedentario è definito come qualsiasi comportamento da svegli in posizione seduta o sdraiata in cui vengono consumati ?1,5 ??equivalenti metabolici di energia. È un grave rischio per la salute legato a livelli elevati di colesterolo, pressione sanguigna e problemi cardiovascolari nei bambini. Pertanto, vi è un urgente bisogno di progettare strategie in grado di affrontare questo problema.

Innanzitutto, è necessario comprendere i fattori sottostanti correlati al comportamento sedentario tra i bambini . Questo comportamento è collettivamente influenzato da fattori personali, familiari, scolastici e di quartiere. Tuttavia, gli studi condotti in passato si sono concentrati solo su alcuni fattori isolati.

A tal fine, un team di ricercatori guidato dal professore associato Mohammad Javad Koohsari del Japan Advanced Institute of Science and Technology, che durante lo studio era un ricercatore junior presso la Waseda University, ha condotto uno studio che ha identificato e valutato oggettivamente i correlati della sedentarietà comportamento nei bambini in Giappone. Il team comprendeva il Prof. Kaori Ishii e il Prof. Koichiro Oka dell’Università di Waseda, il Prof. Tomoki Nakaya e l’Assoc. Prof. Tomoya Hanibuchi dell’Università di Tohoku, Assoc. Prof. Ai Shibata dell’Università di Tsukuba e Assoc. Prof. Gavin R. McCormack dell’Università di Calgary (Canada).

Questo studio approfondisce i contesti ambientali socio-culturali, geografici e interni/esterni che contribuiscono a tale comportamento. “Il comportamento sedentario, come la visione della televisione o l’uso eccessivo del computer, è dannoso per la salute e il benessere dei bambini. Tuttavia, questo è un comportamento molto comune nelle giovani generazioni, soprattutto con le nuove tecnologie. Pertanto, ridurre tale inattività nei bambini è il Comprendere le correlazioni tra i diversi domini del comportamento sedentario tra i bambini può aiutare a sviluppare interventi efficaci per ridurre il tempo di seduta in questa popolazione vulnerabile”, spiega il dott. Koohsari. Lo studio è stato pubblicato online il 7 novembre 2022 su Scientific Reports .

Il team ha intervistato 343 bambini giapponesi con un’età media di 8,8 anni. Sono stati identificati ventidue potenziali correlati in cinque categorie: caratteristiche dei genitori, ambiente domestico, quartiere residenziale , ambiente scolastico e quartiere scolastico. Di questi, l’età dei genitori, il livello di istruzione della madre, la presenza di dispositivi basati su schermo a casa e nella camera da letto del bambino, l’uso non educativo del computer a casa e la sicurezza del traffico nei quartieri residenziali sono risultati fortemente correlati al comportamento sedentario nei bambini.

I risultati hanno indicato che le caratteristiche dei genitori hanno giocato un ruolo importante nello stile di vita di un bambino a casa. L’età della madre e il basso livello di istruzione erano legati al minor tempo dedicato dal bambino ai compiti e alle attività ricreative. D’altra parte, l’età del padre era legata al maggior tempo dedicato dai figli ai compiti. Inoltre, il sostegno dei genitori e le attività condivise hanno contribuito a ridurre il tempo di seduta dei bambini. Questi team hanno notato che educare i genitori sui programmi di salute pubblica può potenzialmente aiutare a ridurre il comportamento sedentario dei loro figli.

Inoltre, anche gli ambienti all’interno e all’esterno della casa influenzano il comportamento dei bambini. I dispositivi basati su schermo a casa, come lettori video/DVD, console per videogiochi e televisori (TV) sono stati associati negativamente al tempo dedicato ai compiti. Sono quindi necessari interventi che incoraggino i genitori a rimuovere i televisori personali dalle camerette dei propri figli e sensibilizzino i bambini sull’importanza di limitare il tempo davanti allo schermo.

Allo stesso modo, la sicurezza dell’ambiente esterno può anche modellare il comportamento dei bambini nei confronti delle attività fisiche. Un quartiere considerato sicuro per camminare e andare in bicicletta può motivare i bambini a trascorrere del tempo all’aperto e ad essere attivi. La sicurezza dal traffico può anche motivare i genitori a consentire ai propri figli di muoversi autonomamente invece di optare per veicoli personali. Per garantire ciò, i quartieri dovrebbero essere resi più sicuri con migliori norme sul traffico.

A parte l’inattività a casa, una parte importante del tempo sedentario dei bambini corrispondeva al tempo trascorso a scuola. Per mitigare questo, dovrebbero essere sviluppati interventi scolastici che riducono la seduta prolungata in classe per ridurre il tempo di seduta complessivo dei bambini.

In conclusione, questi risultati sottolineano la necessità di strategie specifiche del contesto che affrontino i diversi correlati socio-culturali e di progettazione urbana del comportamento sedentario nei bambini. “Il comportamento sedentario è un fattore di rischio emergente per la salute cardiometabolica dei bambini. I correlati del comportamento sedentario nei bambini identificati dal nostro studio erano altamente soggettivi e diversi tra i domini. Pertanto, gli studi futuri e gli sforzi per lo sviluppo di strategie per ridurre questo comportamento devono esaminare i diversi domini e contesti che vi contribuiscono”, ha concluso il dott. Koohsari.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: