Mangiare e bere

Una nuova ricerca collega l’aspartame con l’ansia

I ricercatori del Florida State University College of Medicine hanno collegato l’aspartame, un dolcificante artificiale presente in quasi 5.000 cibi e bevande dietetici, al comportamento ansioso nei topi.

Oltre a produrre ansia nei topi che hanno consumato l’ aspartame , gli effetti si sono estesi fino a due generazioni dai maschi esposti al dolcificante. Lo studio è pubblicato PNAS .

“Ciò che questo studio sta dimostrando è che dobbiamo guardare indietro ai fattori ambientali , perché ciò che vediamo oggi non è solo ciò che sta accadendo oggi, ma ciò che è accaduto due generazioni fa e forse anche di più”, ha detto il coautore Pradeep Bhide, il Jim e Betty Ann Rodgers Eminent Scholar Chair of Developmental Neuroscience presso il Dipartimento di Scienze Biomediche.

Lo studio è nato, in parte, a causa di precedenti ricerche del Bhide Lab sugli effetti transgenerazionali della nicotina sui topi. La ricerca ha mostrato cambiamenti temporanei, o epigenetici, negli spermatozoi dei topi. A differenza dei cambiamenti genetici (mutazioni), i cambiamenti epigenetici sono reversibili e non modificano la sequenza del DNA; tuttavia, possono cambiare il modo in cui il corpo legge una sequenza di DNA.

“Stavamo lavorando sugli effetti della nicotina sullo stesso tipo di modello”, ha detto Bhide. “Il padre fuma. Che fine hanno fatto i bambini?”

La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha approvato l’aspartame come dolcificante nel 1981. Oggi ne vengono prodotte quasi 5.000 tonnellate all’anno. Quando viene consumato, l’aspartame si trasforma in acido aspartico, fenilalanina e metanolo, che possono avere tutti potenti effetti sul sistema nervoso centrale.

Condotto dalla dottoranda Sara Jones, lo studio prevedeva di fornire ai topi acqua potabile contenente aspartame a circa il 15% dell’assunzione umana giornaliera massima approvata dalla FDA. Il dosaggio, equivalente a sei-otto lattine da 8 once di soda dietetica al giorno per gli esseri umani, è continuato per 12 settimane in uno studio durato quattro anni.

Nei topi è stato osservato un pronunciato comportamento ansioso attraverso una varietà di test del labirinto su più generazioni discendenti dai maschi esposti all’aspartame.

“Era un tratto così robusto simile all’ansia che non credo che nessuno di noi si aspettasse di vedere”, ha detto Jones. “È stato completamente inaspettato. Di solito vedi piccoli cambiamenti.”

Quando è stato somministrato il diazepam, un farmaco usato per trattare il disturbo d’ansia negli esseri umani, i topi di tutte le generazioni hanno smesso di mostrare comportamenti simili all’ansia.

I ricercatori stanno pianificando un’ulteriore pubblicazione di questo studio incentrata su come l’aspartame ha influenzato la memoria. La ricerca futura identificherà i meccanismi molecolari che influenzano la trasmissione dell’effetto dell’aspartame attraverso le generazioni.

Altri coautori erano i membri della facoltà del Dipartimento di scienze biomediche Deirdre McCarthy, Cynthia Vied e Gregg Stanwood e il professore del Dipartimento di psicologia della FSU Chris Schatschneider.

Sugar-replacing tablets with a spoon on a blue background
Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: