Microinfusore/CGM/Pancreas artificiale

Molti operatori ospedalieri non hanno familiarità con le politiche, l’uso della tecnologia per il diabete (il 70%)

La maggior parte degli operatori sanitari che lavorano negli ospedali ha affermato che il controllo glicemico è importante da monitorare in un ambiente ospedaliero, ma molti non conoscono le politiche della propria istituzione in merito all’uso della tecnologia per il diabete , secondo i risultati del sondaggio.

“Il nostro studio è il primo a indagare gli atteggiamenti e le pratiche dei professionisti indipendenti con licenza ospedaliera negli Stati Uniti in relazione alle nuove tecnologie per il diabete”, M. Cecilia Lansang, MD, MPH , professore di medicina presso l’Endocrinology and Metabolism Institute della Cleveland Clinic Foundation e colleghi hanno scritto in uno studio pubblicato su Diabetes Technology & Therapeutics . “Abbiamo dimostrato che la maggior parte dei fornitori di servizi ospedalieri apprezza il controllo glicemico e l’uso di pompe per insulina; tuttavia, molti hanno riportato una conoscenza limitata dell’infusione sottocutanea continua di insulina e dei dispositivi di monitoraggio continuo del glucosio per un uso ottimale per guidare l’assistenza clinica in ambito ospedaliero.

I ricercatori hanno condotto un questionario anonimo basato sul web da settembre a dicembre 2020 per raccogliere dati sull’uso della pompa per insulina e del CGM negli ospedali. Il questionario è stato progettato per valutare gli atteggiamenti, i comportamenti e le barriere percepite dai fornitori e raccogliere feedback sulla loro familiarità con le politiche della loro istituzione. Sono stati inoltre raccolti anni di esperienza, tipo di fornitore, impostazione pratica e volume di pazienti che utilizzano la tecnologia per il diabete. Il questionario è stato inviato a ospedalieri, fornitori di cure primarie e fornitori di pratiche avanzate con responsabilità ospedaliere presso la Cleveland Clinic, l’Università di Chicago, la Emory University e la Vanderbilt University.

Il questionario è stato inviato a 500 fornitori, di cui 128 hanno scelto di partecipare. Della coorte, il 76% erano ricoverati in regime di day hospital, il 67,5% ha affermato di aver lavorato presso un centro medico accademico e il 55% aveva 5 o più anni di pratica clinica.

Degli intervistati, il 96,1% ha affermato che il trattamento dell’iperglicemia nei pazienti non critici era importante o molto importante e il 93% ha affermato che era importante o molto importante continuare l’infusione sottocutanea continua di insulina se non esistevano controindicazioni per continuare il dispositivo.

La maggior parte (69%) degli intervistati ha affermato che il proprio istituto aveva una politica per l’uso del microinfusore per insulina in ospedale. Di coloro le cui istituzioni avevano una politica, l’82% ha dichiarato di conoscere abbastanza o molto bene la politica. Per CGM, solo il 28% delle istituzioni dell’intervistato disponeva di una polizza. Dei fornitori le cui istituzioni avevano una politica CGM, il 62% ha dichiarato di essere a conoscenza della politica.

Dopo aver interrotto l’uso di una pompa per insulina, il 61% ha affermato di sentirsi sicuro nella gestione del diabete di un paziente. Circa la metà degli intervistati ha affermato di non rivedere le impostazioni del microinfusore quando ricovera un paziente. Di coloro che hanno rivisto le impostazioni, il 50% ha affermato di sentirsi sicuro di rivedere le impostazioni per guidare l’ulteriore terapia. Il motivo più comune segnalato per l’interruzione dell’uso del microinfusore è stato lo stato mentale del paziente e il livello di coscienza alterato, seguito da chetoacidosi diabetica e dall’incapacità del paziente di dimostrare un uso appropriato del microinfusore.

Tra gli intervistati, il 69% ha affermato di consultare il servizio di endocrinologia del proprio ospedale per i pazienti con microinfusore e il 96% ha affermato che continuerebbe l’infusione sottocutanea continua di insulina se non vi fossero controindicazioni a farlo. Quando un microinfusore viene interrotto, il 58% ha affermato di preferire l’interruzione attraverso l’interfaccia del microinfusore piuttosto che rimuovere fisicamente il microinfusore.

Della coorte, il 52,8% ha dichiarato di essersi preso cura di almeno una persona con un CGM nei 6 mesi precedenti al questionario. Di quelli con esposizione a CGM, il 43,8% ha affermato di aver esaminato i dati del dispositivo per guidare la terapia.

I ricercatori hanno affermato che sono necessari più programmi educativi e una migliore collaborazione tra i fornitori di servizi ospedalieri e gli endocrinologi per ottimizzare l’uso della tecnologia del diabete negli ospedali.

“La gestione del diabete ospedaliero ha molte parti interessate tra cui pazienti, infermieri e fornitori”, hanno scritto i ricercatori. “La collaborazione tra tutte le parti interessate coinvolte non solo promuoverà un ambiente sicuro per l’uso delle tecnologie, ma aumenterà anche la soddisfazione del paziente e, si spera, migliorerà il controllo glicemico ospedaliero”.


Fonte: 

Madhun NZ, et al. Diabetes Technol Ther . 2022;doi:10.1089/dia.2022.0226.

Divulgazioni: Lansang riferisce di aver ricevuto supporto di ricerca per la Cleveland Clinic per uno studio avviato da un investigatore da Dexcom. Si prega di consultare lo studio per le informazioni finanziarie rilevanti di tutti gli altri autori.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: