Notizie false ciarlatani e truffatori

Chi cerca salute online fa attenzione

Misinformation

Più di 25 milioni di persone useranno Internet per cercare informazioni sanitarie. Le stime variano per quanto riguarda il numero di siti correlati alla medicina sul Web, ma sono almeno 100.000. Solo circa la metà di questi siti ha il proprio contenuto esaminato dai medici. Il problema più grande nell’ottenere informazioni sulla salute da Internet è che non è sempre facile decidere cosa sia affidabile.

In definitiva, la disinformazione medica ha contribuito all’aumento dei decessi negli Stati Uniti a causa di mancate vaccinazioni, minor numero di visite alle strutture mediche, consigli medici errati e altro ancora. (Fonte: GoodRx)

Quasi tre quarti dei partecipanti hanno riferito di aver visto o sentito informazioni mediche o sanitarie imprecise ad un certo punto. Un altro 16% non era sicuro di aver riscontrato disinformazione medica, il che probabilmente significa che ha faticato a discernere quali informazioni fossero accurate.

In un momento in cui Twitter sta diventando un pozzo nero di incitamento all’odio, la disinformazione medica è più comunemente vista sui social media. L’82% di coloro che hanno riferito di aver visto disinformazione ha dichiarato di averla vista sui social media.

La diffusione della disinformazione relativa alla salute in un’emergenza sanitaria è accelerata dal facile accesso ai contenuti online, in particolare sugli smartphone. Durante crisi come epidemie di malattie infettive e disastri, la sovrapproduzione di dati da più fonti, la qualità delle informazioni e la velocità con cui le nuove informazioni vengono diffuse creano impatti sociali e sanitari.

Poiché la disinformazione è così diffusa, avere le capacità per analizzare i fatti dalla finzione è essenziale in una pandemia globale. Ma secondo la nostra ricerca, il 44% delle persone – quasi la metà degli Stati Uniti – ha riferito di non essere sicuro di poter dire se le informazioni mediche fossero accurate.

Anche le aziende biotecnologiche e farmaceutiche stanno diffondendo disinformazione. Su LinkedIn, molte storie sulla salute basate su studi preliminari non hanno alcuna base per stabilire se diventeranno mai un trattamento approvato dalla FDA.

Good Rx ha rilevato che l’87% dei partecipanti era preoccupato (19%) o fortemente preoccupato (68%) per la diffusione della disinformazione medica online.

Quindi spetta ai cercatori di salute online determinare se le informazioni sulla salute sono accurate o imprecise. I siti farmaceutici contengono buone notizie, ma non sono scritte a un livello comprensibile per la maggior parte e non parlano ai cercatori di salute come persone.

Con gli appuntamenti dal medico sempre più difficili e i medici che hanno bisogno di vedere più pazienti per sbarcare il lunario, sempre più persone continueranno ad andare online per informazioni sulla salute. Il settore farmaceutico ha una grande opportunità, ma verrà chiesto loro di dimostrare il ROI. Fino ad allora, sono i pazienti attenti.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: