Mangiare e bere Ricerca

Nutrizione di precisione: l’alimentazione basata sul proprio metabolismo rende le persone più sane

Per la prima volta, ci sono prove scientifiche che una dieta personalizzata basata sul profilo metabolico di una persona porti a una salute migliore. Questa conclusione fa seguito ad anni di ricerca in un partenariato pubblico-privato su larga scala all’interno di TiFN, Maastricht UMC+ (MUMC+) e Wageningen University & Research (WUR), dove hanno unito le forze con vari istituti di conoscenza e aziende del settore alimentare sotto la guida di Professore di Biologia Umana Ellen Blaak (MUMC+). Alla Wageningen University & Research, Lydia Afman, professore associato presso Human Nutrition and Health, era responsabile dello studio. I risultati sono stati recentemente pubblicati su Cell Metabolism .

Afman è soddisfatto dei risultati. “Gli scienziati dell’alimentazione sospettano da tempo che la dieta ottimale possa differire da persona a persona. Mai prima d’ora era stato condotto uno studio con questo approccio, dimensioni e grado così invasivo. La ricerca mostra che le varianti all’interno della dieta sana e generale consigli portano a ulteriori miglioramenti del metabolismo e che i consigli nutrizionali ottimali dipendono dal tipo metabolico di una persona”, spiega.

Lo studio

I ricercatori di WUR e Maastricht hanno progettato uno studio in cui 242 partecipanti alla ricerca hanno seguito un programma nutrizionale di tre mesi. Il programma è stato adattato ai loro profili metabolici e la dieta consigliata è conforme alle “Linee guida per una buona alimentazione” del Consiglio sanitario.

Prima e dopo, i ricercatori hanno misurato il metabolismo del glucosio e dei grassi dei partecipanti e la sensibilità all’ormone insulina . L’insulina svolge un ruolo importante nella regolazione del metabolismo degli zuccheri. Questi sono importanti indicatori del rischio di diabete e malattie cardiovascolari. Lo studio non si è concentrato sulla perdita di peso.

Profilo metabolico

I partecipanti allo studio sono stati divisi in due gruppi in base ai loro profili metabolici. La classificazione era basata su quanto bene l’ insulina funzionava nel fegato e nei muscoli. Con un effetto ridotto dell’insulina, le cellule del corpo sono meno in grado o non sono in grado di controllare il livello di zucchero nel sangue, che alla fine può portare al diabete di tipo 2 e alle malattie cardiovascolari. I partecipanti erano in sovrappeso (BMI superiore a 25 kg/m 2 ) e presentavano disturbi metabolici, ma all’epoca non presentavano diabete o malattie cardiovascolari.

Hanno ricevuto un programma nutrizionale personalizzato basato su una lotteria. Le persone che erano meno sensibili all’effetto dell’insulina nei muscoli sembravano trarre maggiori benefici da una dieta relativamente ricca di proteine (ad esempio, molti latticini e noci) e fibre alimentari (ad esempio, prodotti integrali e verdure) e povero di grassi. I partecipanti con un effetto ridotto dell’insulina nel fegato hanno beneficiato maggiormente di una dieta ricca di acidi grassi monoinsaturi (ad esempio, molto olio d’oliva e noci).

Afman osserva: “In futuro ci immergeremo nel meccanismo alla base di questo. Inoltre, potrebbero esserci ancora più profili metabolici. Vorremmo anche fare più ricerche su questo”.


Ulteriori informazioni: Inez Trouwborst et al, I miglioramenti della salute cardiometabolica in seguito all’intervento dietetico sono guidati dal fenotipo di resistenza all’insulina specifico del tessuto: uno studio nutrizionale di precisione, Cell Metabolism (2023). DOI: 10.1016/j.cmet.2022.12.002

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: