Educazione Equilibrio

L’intervento comportamentale sul sonno può migliorare la durata del sonno e la regolarità nel diabete di tipo 1

Un intervento di sonno comportamentale assistito dalla tecnologia era fattibile e accettabile e potrebbe essere efficace per migliorare la durata o la regolarità del sonno per gli adulti con diabete di tipo 1, secondo i dati di uno studio pilota.

“Nonostante i risultati secondo cui il sonno insufficiente e il sonno irregolare sono comuni nel diabete di tipo 1, le prove sono limitate per gli approcci per migliorarli”, Pamela Martyn-Nemeth, PhD, RN, FAHA, FAAN, professore associato presso il dipartimento di scienze infermieristiche biocomportamentali presso il College of Nursing presso l’Università dell’Illinois, Chicago, e colleghi hanno scritto. “Un piccolo numero di studi è stato condotto sui bambini, concentrandosi principalmente sull’estensione del sonno o sull’igiene del sonno”.

Questo studio pilota, pubblicato su The Science of Diabetes Self-Management and Care, includeva 14 adulti con diabete di tipo 1 (età media, 29,7 anni; 64% donne) del Midwest. I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale all’intervento sul sonno comportamentale Sleep-Opt-In (n = 9) o al gruppo di controllo dell’attenzione Healthy Living (n = 5). Sleep-Opt-In consisteva in un intervento da remoto di 8 settimane con lezioni digitali, un rilevatore del sonno e telefonate di coaching settimanali fornite da un coach del sonno qualificato. I partecipanti al gruppo di controllo ricevevano settimanalmente e-mail di educazione sanitaria che richiedevano dagli 8 ai 10 minuti per essere lette e i partecipanti facevano clic su un collegamento per documentare la data e l’ora del completamento della lezione. Tutti i partecipanti hanno completato le valutazioni del sonno, del glucosio e dei risultati riportati dai partecipanti al basale e dopo la conclusione dell’intervento.

Complessivamente, un partecipante al gruppo Sleep-Opt-In si è ritirato dallo studio e si è registrato un tasso di completamento del 90% per l’intervento e del 100% per il gruppo di controllo. I partecipanti al gruppo Sleep-Opt-In hanno valutato positivamente il programma, con un punteggio medio di 6,2 punti su 7 per l’usabilità e 6,1 per la valutazione del contenuto e della struttura.

I partecipanti che hanno ricevuto l’intervento Sleep-Opt-In con modelli di sonno brevi o irregolari oggettivamente confermati hanno sperimentato un miglioramento della regolarità del sonno di 25 minuti, una riduzione della variabilità glicemica del 3,2% e un miglioramento del tempo nell’intervallo del 6,9% rispetto a quelli del gruppo di controllo. Solo i partecipanti che hanno ricevuto l’intervento Sleep-Opt-In hanno sperimentato migliori risultati riferiti dai partecipanti per sonnolenza diurna ( P = .167), affaticamento ( P = .024), angoscia del diabete ( P = .554) e umore depressivo ( P = . 041) rispetto ai partecipanti al gruppo di controllo, secondo i ricercatori.

“Sleep-Opt-In era fattibile, accettabile e promettente per un’ulteriore valutazione come mezzo per migliorare la durata o la regolarità del sonno, i parametri glicemici e importanti esiti riferiti dai partecipanti di stress da diabete, sonnolenza diurna, affaticamento e umore depressivo nella popolazione con diabete di tipo 1 ”, hanno scritto i ricercatori.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ciao Pizza Blue Monday 15 gennaio Giornata mondiale della Neve
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: