Ricerca

Riprogrammazione cellulare

Un’altra ricerca interessante e degna di cronaca è stata di recente resa nota dalle agenzie specializzate e che desidero mettere in evidenza. In poche parole, le persone sviluppano il diabete perché non hanno cellule beta pancreatiche sufficiente a produrre l’insulina necessaria per regolare i loro livelli di zucchero nel sangue.

Ma cosa succede se altre cellule del corpo potrebbe essere persuase a diventare cellule beta pancreatiche? Potremmo potenzialmente curare il diabete?

I ricercatori della UCLA Larry L. Hillblom Islet Research Center hanno compiuto un passo importante in quella direzione. Nel numero di aprile della rivista Developmental Cell, hanno pubblicato un rapporto sui risultati della loro ricerca, che può gettare le basi per scoprire il meccanismo di fondo tale da convertire altri tipi di cellule in beta pancreatiche.

Mentre l’attuale standard di trattamento per la terapia del diabete insulinico, che aiuta i pazienti a mantenere i livelli di zucchero non è perfetto, e molti diabetici rimangono a rischio elevato di sviluppare una serie di complicazioni organiche. Il reintegro delle cellule beta perse potrebbe servire come una soluzione più permanente, sia per coloro che hanno distrutto tali cellule a causa di un attacco immunitario (diabete di tipo 1) come coloro che hanno acquisito il diabete più avanti nella vita a causa di insulino-resistenza (tipo 2).

“Il nostro lavoro mostra che le cellule beta e le relative cellule endocrine possono essere facilmente convertite in altro tipo”, ha detto il coautore dello studio Dr. Anil Bhushan, professore associato di medicina nella divisione di endocrinologia presso la David Geffen School of Medicine dell’UCLA e del Dipartimento di UCLA molecolare, biologia cellulare e dello sviluppo.

È stato a lungo dato per scontato che l’identità delle cellule restava in uno stato di “blocco”, tale da non poter essere commutate in altri tipi di cellule. Ma studi recenti hanno dimostrato che alcuni tipi di cellule possono essere persuase a cambiare le loro caratteristiche.

I ricercatori UCLA mostrano come i tag della sostanza chimica chiamata “gruppi metile” che si legano al DNA in cui esse agiscono come una manopola del volume, girando su e giù l’attività di alcuni geni, sono cruciali per comprendere come le cellule possono essere convertiti nel produrre insulina delle cellule beta. Esse indicano che la metilazione del DNA mantiene ARX, un gene che innesca la formazione di cellule alfa produttrici del glucagone nel pancreas embrionale, silenzioso nelle cellule beta.

La soppressione del Dnmt1, l’enzima responsabile della metilazione del DNA, dalle cellule beta produttrici di insulina li trasforma in cellule alfa.

Questi risultati suggeriscono come un difetto nel processo del DNA nelle cellule beta “la metilazione” interferisce con la capacità di mantenere la loro “identità”. Quindi, se questo “meccanismo epigenetico”, come lo chiamano i ricercatori, induce a produrre cellule alfa, ci può essere un meccanismo analogo in grado di creare le cellule beta così da mantenere l’equilibrio della glicemia.

“Abbiamo dimostrato che la base di questa conversione non dipende da sequenze genetiche, ma nelle modifiche al DNA che determina come lo stesso è avvolto all’interno della cellula,” ha detto Bhushan. “Pensiamo che questo sia fondamentale per capire come convertire una grande varietà di tipi cellulari, comprese le cellule staminali, in funzionali delle cellule beta.”

Detta così sembra facile, ma il punto reale di difficoltà nella ricaduta pratica dell’intero processo sta nel mantenere l’equilibrio tra le cellule alfa e beta, così da non far collassare il diabetico riprogrammato.

 

 

Categorie:Ricerca

Con tag: