Ricerca

Il mondo affronta la sfida “obliqua” dell’obesità

(AFP) Tra 27 anni, quasi un quarto della popolazione mondiale sarà obeso, hanno detto i ricercatori mercoledì 23 maggio, mettendo in guardia contro l’aumento delle spese mediche.

Se le tendenze attuali continuano, il 22% delle persone nel mondo sarà obeso entro il 2045, rispetto al 14% dell’anno scorso, secondo una ricerca presentata al Congresso europeo sull’obesità in corso a Vienna.

Una persona su otto, rispetto a una su 11, avrà il diabete di tipo 2, una forma della malattia che colpisce generalmente in età adulta a causa del sovrappeso.

“Questi numeri sottolineano la sfida sbalorditiva che il mondo dovrà affrontare in futuro in termini di numero di persone obese o con diabete di tipo 2 o entrambi”, ha detto il ricercatore Alan Moses del dipartimento di ricerca e sviluppo della compagnia sanitaria danese Novo Nordisk.

“Oltre alle sfide mediche che queste persone dovranno affrontare, i costi per i sistemi sanitari dei paesi saranno enormi”, ha aggiunto.

Negli Stati Uniti, i ricercatori hanno scoperto che l’obesità aumenterà dal 39% della popolazione nel 2017 al 55% nel 2045 e dal 14% al 18% di diabete.

In Gran Bretagna, la proporzione si gonfierà dal 32% al 48%, con un’incidenza del diabete che sale dal 10,2% al 12,6%.

I sistemi sanitari stanno già spendendo “enormi somme solo per curare il diabete“, hanno detto i ricercatori in una nota.

Moses e un team di analisti hanno analizzato i dati sulla popolazione di tutti i paesi del mondo, ottenuti da un database dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Azione aggressiva

Hanno diviso la popolazione di ogni paese in gruppi di età e in categorie di indice di massa corporea (BMI) ed esaminato le tendenze per fare proiezioni.

Il BMI è un rapporto tra altezza e peso usato per dividere le persone in categorie a basso e ad alto rischio per lo sviluppo di malattie cardiache, ipertensione, diabete di tipo 2 e alcuni tipi di cancro.

Una persona con un BMI di 25 o più è considerata sovrappeso e di 30 o superiore obesa.

Un BMI sano va da 18,5 a 24,9.

I ricercatori hanno detto che l’inasprimento dell’obesità richiederebbe “un’azione aggressiva e coordinata”.

“Ogni paese è diverso sulla base di condizioni genetiche, sociali e ambientali uniche, ed è per questo che non esiste un approccio di” taglia unica “che funzioni”, ha affermato Moses.

“I singoli paesi devono lavorare sulla migliore strategia per loro”.

I risultati della ricerca non sono ancora stati pubblicati su una rivista scientifica ma sono sottoposti a peer review per la selezione al congresso.

Un sondaggio globale nel 2016 ha indicato che il rapporto tra adulti obesi è più che raddoppiato negli ultimi 40 anni trascorsi dal 1975.

Di circa cinque miliardi di adulti vivi nel 2014, 641 milioni erano obesi, ha rilevato lo studio.