Dai media e web

L’Organizzazione Mondiale della Sanità traccia un bilancio della salute umana per il 2019

Gli operatori sanitari della comunità dimostrano l’uso di una rete trattata con insetticidi vicino a Kisumu, in Kenya. (Credito fotografico: OMS / S. Torfinn)

Nonostante le gravi sfide, nel 2019 ci sono molte buone notizie sulla salute a livello mondiale. Questi sono solo alcuni dei punti più splendenti.

Garantire la salute per tutti

I leader mondiali di 193 paesi hanno adottato la più vasta serie di impegni sanitari a livello globale. La dichiarazione politica sulla copertura sanitaria universale mira a assicurare che tutti, ovunque, possano accedere a un’assistenza sanitaria di qualità e che nessuno sia spinto in povertà dai costi sanitari.

Con il sostegno dell’OMS, la Grecia, l’India, il Kenya e le Filippine hanno compiuto passi decisivi verso l’espansione della copertura sanitaria nel 2019.

L’Egitto sta sfidando le preoccupanti tendenze globali relative all’epatite C – con 57 milioni di persone sottoposte a screening e 1 milione curate tra ottobre 2018 e aprile 2019.

Più donne e bambini sopravvivono al parto grazie al migliore accesso a servizi sanitari di qualità raggiungibili.

I diabetici nei paesi a basso e medio reddito avranno presto un accesso migliore e più conveniente alle cure grazie al lancio di un programma pilota dell’OMS per prequalificare l’insulina.

L’OMS ha anche prequalificato il suo primo farmaco biosimilare per aumentare l’accesso in tutto il mondo al trattamento del carcinoma mammario salvavita.

La lotta contro la poliomielite ha raggiunto un’importante pietra miliare per l’umanità con l’eradicazione del secondo dei tre ceppi di poliovirus in tutto il mondo.

Sebbene la malaria uccida ancora oltre 400.000 persone ogni anno, le donne incinte e i bambini nell’Africa sub-sahariana sono meglio protetti, l’Algeria e l’Argentina sono ufficialmente dichiarate libere dalla malaria e il primo vaccino contro la malaria al mondo è stato avviato in Ghana, Kenya e Malawi.

L’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura, l’Organizzazione mondiale per la salute animale e l’OMS hanno lanciato un finanziamento volto ad accelerare l’azione globale contro la resistenza antimicrobica, il fondo fiduciario multi-partner AMR .

Entro il 2023, l’OMS mira a garantire che un miliardo di persone in più beneficino di una copertura sanitaria universale.

Proteggere dalle emergenze

Nel 2019, sono stati ottenuti sostanziali miglioramenti nel rispondere alla seconda più grande epidemia di Ebola al mondo registrata nella Repubblica Democratica del Congo.

La diffusione dell’ebola è rallentata all’interno della RDC e il virus non ha messo radici nei paesi vicini. L’OMS ha prequalificato un vaccino contro l’Ebola in tempi record e sono stati fatti importanti progressi nella cura e nel trattamento.

L’OMS ha anche sostenuto campagne di vaccinazione per bambini in tutto il paese mentre la RDC ha combattuto l’epidemia di morbillo più grave del mondo.

L’OMS ha indagato su 440 eventi e ha risposto a 51 emergenze in 40 paesi e territori nel 2019, tra cui la crisi dei Rohingya, il ciclone Idai in Mozambico e le epidemie da conflitti e malattie in Yemen, Siria, Nigeria e Sud Sudan. Si è anche risposto alle inondazioni in Iran e al terremoto in Albania, oltre a sostenere il Sudan nel rispondere a sei diversi focolai, compresa la febbre gialla.

Nuove tecniche di controllo delle nascite di insetti offrono opportunità per controllare le malattie trasmesse dalle zanzare come Chikungunya, Dengue e Zika.

Entro il 2023, l’OMS mira a garantire che un miliardo di persone in più siano meglio protette dalle emergenze sanitarie.

Popolazioni più sane

Stiamo assistendo a un potente cambiamento nell’epidemia globale del tabacco, poiché il numero di maschi che fumano inizia a diminuire per la prima volta in tutto il mondo. L’OMS prevede che entro il 2025 ci saranno 5 milioni di consumatori di tabacco in meno in tutto il mondo.

L’industria alimentare e delle bevande a livello internazionale si è impegnata ad allinearsi con l’obiettivo dell’OMS di eliminare i grassi trans prodotti industrialmente dall’approvvigionamento alimentare globale entro il 2023.

La Conferenza delle Nazioni Unite sul clima COP25 ha segnato 5 azioni chiave per affrontare i rischi per la salute dei cambiamenti climatici. Ciò ha incluso il lancio del Clean Air Fund e oltre 50 paesi e 80 città che hanno aderito alle Linee guida sulla qualità dell’aria dell’OMS attraverso l’iniziativa Clean Air .

Gli operatori sanitari e i responsabili politici possono ora fare riferimento alle nuove linee guida dell’OMS sull’adozione di uno stile di vita sano per ridurre il rischio di demenza.

L’OMS sta lavorando per garantire che un miliardo di persone in più goda di una migliore salute e benessere entro il 2030.

Categorie:Dai media e web

Con tag: