Terapie

Aspettativa di vita media più alta dopo l’intervento chirurgico per l’obesità

Le persone che hanno subito un intervento chirurgico per l’obesità (bariatrica) vivono in media tre anni in più rispetto a quelle a cui è stato somministrato un trattamento convenzionale per la loro obesità, mostra uno studio dell’Università di Göteborg. Rispetto alla popolazione generale, tuttavia, la mortalità in eccesso di entrambi i gruppi è elevata.

I risultati pubblicati nel New England Journal of Medicine ( NEJM ) si basano sullo studio SOS (Swedish Obese Subject), iniziato nel 1987 e condotto dalla Sahlgrenska Academy, Università di Gothenburg.

Lo studio comprende dati su 2.007 pazienti adulti sottoposti a chirurgia bariatrica e un gruppo di controllo di 2.040 trattati con trattamento convenzionale (non chirurgico) per l’obesità. Era incluso anche un gruppo di riferimento rappresentativo di 1.135 persone della popolazione generale.

Tra coloro che hanno subito un intervento chirurgico, l’ aspettativa di vita media stimata era di 3,0 anni in più rispetto alle persone trattate con cure non chirurgiche per l’obesità, ma di 5,5 anni in meno rispetto alla popolazione generale.

In precedenza poco chiaro

È noto da tempo che la chirurgia bariatrica comporta una perdita di peso duratura e una riduzione dei rischi di malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2 e cancro, con conseguente riduzione della mortalità. D’altra parte, non è noto fino a che punto questo si traduca in un prolungamento dell’aspettativa di vita dopo la chirurgia bariatrica.

La Dott.ssa Lena Carlsson Ekander, Professore di Ricerca Metabolica Clinica presso l’Accademia Sahlgrenska, è stata responsabile dello studio SOS dal 2005 ed è l’autore principale dell’articolo.

“Ora, per la prima volta, abbiamo una misura di quanto la chirurgia bariatrica prolunghi l’aspettativa di vita per il paziente medio. Ma è importante sottolineare che è una questione di media. Non tutti i pazienti sono uguali, quindi puoi Non trarre la conclusione che tutti coloro che portano a termine l’operazione vivranno tre anni in più “, dice.

La minoranza ha un intervento chirurgico

Nonostante gli effetti benefici della chirurgia bariatrica – il rischio ridotto di peggioramento della salute e morte prematura – solo una minoranza dei pazienti eleggibili per la chirurgia si sottopone effettivamente a un’operazione. I ricercatori sottolineano l’importanza che i pazienti ricevano informazioni appropriate per fare una scelta informata quando si considera il trattamento dell’obesità.

“In questo studio, abbiamo studiato la mortalità per un periodo di tre decenni. Inoltre, abbiamo stimato l’aspettativa di vita dopo la chirurgia bariatrica e il trattamento regolare dell’obesità e l’abbiamo confrontata con l’aspettativa di vita nella popolazione generale”, afferma il dottor Carlsson Ekander.

“È noto da tempo che l’obesità riduce l’aspettativa di vita media di circa cinque-dieci anni. Il nostro studio mostra che la chirurgia bariatrica la prolunga di tre anni. Ma anche dopo l’intervento chirurgico, i pazienti hanno ancora un’aspettativa di vita più breve rispetto alla popolazione generale . Ecco perché è È molto importante offrire ai pazienti bariatrici un adeguato monitoraggio postoperatorio e follow-up “, conclude.

Categorie:Terapie

Con tag:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.