Terapie

Novo Nordisk: L’iniezione di Semaglutide 2,4 mg fa perdere peso rispetto al placebo quando aggiunto a terapia comportamentale intensiva

slimming, the weight of the, health

Photo by jarmoluk on Pixabay

BAGSVÆRD, Danimarca , 5 novembre 2020 / I risultati di uno studio di fase 3a hanno mostrato che il farmaco sperimentale semaglutide 2,4 mg una volta alla settimana per via sottocutanea in aggiunta alla terapia comportamentale intensiva (IBT) ha dimostrato una perdita di peso corporeo significativamente maggiore rispetto al placebo più IBT. [i] Lo studio STEP 3 di fase 3a ha studiato l’efficacia e la sicurezza di semaglutide 2,4 mg una volta alla settimana dopo 68 settimane di trattamento rispetto al placebo, entrambi in aggiunta a IBT, che consisteva in 30 sessioni di consulenza con un dietista registrato di oltre 68 anni settimane, più una dieta ipocalorica e una maggiore attività fisica. I partecipanti allo studio erano adulti con obesità (BMI ?30 kg / m 2 ) o sovrappeso (BMI ?27 kg / m 2)) con almeno una comorbilità correlata al peso e senza diabete di tipo 2 (HbA 1c  <6,5%). Una presentazione orale dei nuovi dati è stata data oggi al congresso interattivo ObesityWeek 2020. [1]

Nello studio STEP 3 sono stati utilizzati due distinti approcci statistici per valutare gli effetti di semaglutide 2,4 mg; un approccio statistico primario che valutava l’effetto del trattamento indipendentemente dall’aderenza o dall’uso di altre terapie anti-obesità e un approccio statistico secondario che valutava l’effetto del trattamento se tutti i partecipanti allo studio avevano aderito al trattamento randomizzato e non avevano avviato altri metodi di trattamento .

Sulla base dell’approccio statistico primario, le persone trattate con semaglutide 2,4 mg una volta alla settimana in aggiunta a IBT hanno perso in media il 16,0% del loro peso corporeo rispetto al basale, rispetto al 5,7% per coloro che hanno ricevuto placebo più IBT (differenza di trattamento stimata: – 10,3 [intervallo di confidenza al 95%: -12,0, -8,6]; p <0,0001). Inoltre, più persone trattate con semaglutide 2,4 mg più IBT hanno perso più o meno del 5% del loro peso corporeo rispetto al placebo più IBT (87% vs 48%, rispettivamente). [1] 

“Date le molteplici sfide legate alla perdita di peso affrontate dalle persone con obesità, sia i pazienti che i professionisti necessitano di terapie mediche aggiuntive per supportare gli interventi sullo stile di vita, come l’IBT, che è un approccio altamente intensivo per la perdita di peso”, ha affermato il professor Tom Wadden , capo ricercatore e Professore di Psicologia in Psichiatria presso la Perelman School of Medicine dell’Università della Pennsylvania . “Sono incoraggiato a vedere la significativa perdita di peso aggiuntiva e miglioramenti nei fattori di rischio di malattie cardiovascolari raggiunti con semaglutide 2,4 mg quando aggiunto a IBT”.

Una perdita di peso maggiore o uguale al 10%, 15% e 20% è stata raggiunta dal 75%, 56% e 36% di quelli trattati con semaglutide 2,4 mg più IBT rispettivamente, rispetto al 27%, 13% e 4% di quelli trattati con placebo più IBT. In questo studio, semaglutide 2,4 mg più IBT ha anche dimostrato maggiori miglioramenti nei fattori di rischio cardiometabolico, compresa la circonferenza della vita (-14,6 vs -6,3 cm) e la pressione sanguigna (-5,6 vs 1,6 mmHg), rispetto al placebo più IBT. [1] 

Nel valutare gli effetti del trattamento sulla base dell’approccio statistico secondario, le persone trattate con semaglutide 2,4 mg più IBT hanno ottenuto una perdita di peso media del 17,6%, rispetto al 5,0% con placebo più IBT. Inoltre, il 90% di coloro che hanno ricevuto 2,4 mg di semaglutide più IBT ha ottenuto una perdita di peso maggiore del 5% dopo 68 settimane, rispetto al 50% con placebo più IBT. [1]

“L’obesità può avere un impatto diretto sulla salute ed è collegata a molte malattie legate al peso. Esiste una necessità medica insoddisfatta di sviluppare opzioni di trattamento per aiutare le persone a perdere peso e tenerlo lontano”, ha affermato Mads Krogsgaard Thomsen , vicepresidente esecutivo e capo responsabile scientifico di Novo Nordisk. “Siamo lieti dei primi risultati completi di fase 3 del programma di sperimentazione STEP, che dimostrano che l’aggiunta di semaglutide 2,4 mg a IBT può quasi triplicare l’entità della perdita di peso raggiunta con il solo IBT, rendendo semaglutide 2,4 mg una potenziale opzione di trattamento futura significativa per le persone con obesità “.

Semaglutide 2,4 mg è stato ben tollerato e non sono stati identificati nuovi segnali di sicurezza. Gli eventi avversi più comuni tra le persone trattate con semaglutide 2,4 mg erano eventi gastrointestinali, come visto in precedenti studi con agonisti del recettore GLP-1. [1] 

Riferimenti

  1. Wadden T, Bailey TS, Billings LK , et al. Semaglutide 2,4 mg e terapia comportamentale intensiva in soggetti con sovrappeso o obesità (FASE 3). Presentato alla 38a riunione annuale della The Obesity Society (TOS) tenutasi a ObesityWeek®, dal 2 al 6 novembre 2020 [Oral 084].
  2. J Blundell, G Finlayson, M. Axelsen , et al. Effetti del semaglutide una volta alla settimana su appetito, apporto energetico, controllo del mangiare, preferenza alimentare e peso corporeo nei soggetti con obesità. Diabete Obes Metab. 2017; 19: 1242-1251.
  3. J Lau, P Bloch, L Schaffer , et al. Scoperta del semaglutide analogo al glucagone-1 (GLP-1) una volta alla settimana. J Med Chem. 2015; 58: 7370-80.
  4. ClinicalTrials.gov. Studio di ricerca per esaminare la capacità di Semaglutide di ridurre il peso se assunto insieme a un programma di stile di vita intensivo (FASE 3). Disponibile su: https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT03611582 . Ultimo accesso: novembre 2020 .
  5. Kushner RF, Calanna S, Davies M , et al. Semaglutide 2,4 mg per il trattamento dell’obesità: elementi chiave delle prove STEP da 1 a 5. Obesità. 2020; 28: 1050-1061.
  6. American Medical Association. AMA adotta nuove politiche il secondo giorno di votazioni durante la riunione annuale. Obesità come malattia. Disponibile su: http://news.cision.com/american-medical-association/r/ama-adopts-new-policies-on-second-day-of-voting-at-annual-meeting,c9430649 . Ultimo accesso: novembre 2020 .
  7. CHI. Obesità: prevenire e gestire l’epidemia globale. Disponibile su: http://www.who.int/iris/handle/10665/42330 Ultimo accesso: novembre 2020 .
  8. DP Guh, W Zhang, N Bansback , et al. L’incidenza delle comorbilità legate all’obesità e al sovrappeso: una revisione sistematica e una meta-analisi. BMC Public Health. 2009; 9: 1-20.
  9. A Peeters, JJ Barendregt, F Willekens , et al. Obesità in età adulta e sue conseguenze sull’aspettativa di vita: un’analisi del ciclo vitale. Annali di medicina interna. 2003; 138: 24-32.
  10. AS Gami, SM Caples e VK Somers. Obesità e apnea ostruttiva del sonno. Cliniche di endocrinologia e metabolismo del Nord America . 2003; 32: 869-94.
  11. G Vernon, A Baranova e ZM Younossi. Revisione sistematica: l’epidemiologia e la storia naturale della steatosi epatica non alcolica e della steatoepatite non alcolica negli adulti. Aliment Pharmacol Ther. 2011; 34: 274-85.
  12. G Whitlock, S Lewington, P Sherliker , et al. Indice di massa corporea e mortalità causa-specifica in 900.000 adulti: analisi collaborativa di 57 studi prospettici. Lancetta. 2009; 373: 1083–96.
  13. Organizzazione mondiale della sanità. Scheda informativa su obesità e sovrappeso n. 311. Disponibile su: http://www.who.int/mediacentre/factsheets/fs311/en/ . Ultimo accesso: novembre 2020 .

[i] Incluso supporto comportamentale e consulenza dietetica, dieta ipocalorica (con una dieta ipocalorica strutturata di 1.000-1.200 kcal / giorno per le prime otto settimane seguita da dieta ipocalorica) e aumento dell’attività fisica fino a 200 minuti alla settimana

Categorie:Terapie

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.